Lavoro 12 aprile 2018

Sciopero infermieri, Nursing Up: «Non è vero che il Governo ha dato parere positivo sulla bozza del contratto del comparto»

Oggi e domani a rischio servizi non essenziali in ospedali, ambulatori e Asl. Il Presidente del sindacato della categoria Antonio De Palma: «L’ipotesi di contratto per il comparto sanità non dà alcuna risposta agli infermieri. Chiediamo la riapertura delle contrattazioni»

Immagine articolo

A meno di un mese dall’ultimo sciopero, gli infermieri tornano ad incrociare le braccia. Il motivo è lo stesso: il contratto del comparto sanità che «non dà nessuna risposta agli infermieri», come recita un volantino del sindacato della categoria Nursing Up, tra i promotori, insieme a Nursind, della protesta. Protesta che, questa volta, sarà di 48 ore. Oggi e domani, infatti, è possibile riscontrare disagi in ospedali, ambulatori e Asl nell’erogazione dei servizi non essenziali.

E dopo aver denunciato il fatto che alcune aziende sanitarie ed ospedaliere, abbiano imposto agli infermieri l’adesione completa alle 48 ore di protesta, invece di lasciare loro la libera scelta se assentarsi per un solo turno, «utilizzando come deterrente per lo sciopero la minaccia di togliere due giorni di stipendio», Nursing Up smentisce in una nota la notizia relativa al parere positivo del Governo alla bozza del Ccnl: «Altro che via libera. Il Governo, accogliendo nell’ultimo Cdm il parere espresso dal ministero dell’Economia al testo dell’ipotesi di Ccnl, ha in sostanza detto all’Aran (e ha chi ha lavorato al contratto) che non è possibile procedere al via libera al nuovo contratto senza accogliere la richiesta di chiarimenti su aspetti importanti del testo. E le modifiche richieste all’Aran sono tutt’altro che formali, riguardano le risorse e vanno alla sostanza dell’ipotesi contrattuale». Le risorse messe a disposizione dalle Regioni non sarebbero infatti sufficienti a coprire quanto previsto dal Ccnl e Nursing Up chiede la riapertura della contrattazione. In particolare, sono diversi i nodi da sciogliere per attestare la compatibilità economico-finanziaria dell’ipotesi di contratto, elencati in una nota del sindacato.

LEGGI ANCHE: STRAORDINARI OBBLIGATORI E RIPOSI INTERROTTI: TUTTI I NODI NEI CONTRATTI DI MEDICI E PERSONALE SANITARIO

Nell’articolo 75 che prevede la struttura della retribuzione e articolo 80 su fondo di condizioni di lavoro ed incarichi, secondo il Mef vi è un’incongruenza nella misura comune dell’indennità di qualificazione, che da una parte viene ricompresa nello stipendio tabellare iniziale, dall’altra parte nei valori dei nuovi stipendi tabellari.

Il Mef solleva poi delle perplessità e vuole chiarimenti sull’articolo 16 che riguarda gli incarichi di funzione per il personale del ruolo sanitario e anche gli assistenti sociali (che non fanno parte delle professioni sanitarie), perché in contrasto con la legge prevede 43/2006, che prevede incarichi di funzione solo per le professioni sanitarie.

Il Ministero di via XX Settembre dice poi che bisogna chiarire in relazione al contenuto degli incarichi di organizzazione per il personale amministrativo, se si tratta o meno di incarichi non di coordinamento. E ancora, per quanto riguarda l’istituzione e gradazione degli incarichi di funzione il Mef dice che la nuova organizzazione prevede uno stravolgimento del sistema degli incarichi senza che vi sia un’indicazione delle risorse disponibili. Nell’ipotesi di Ccnl questi incarichi di funzione sono conferiti nei limiti delle risorse disponibili in fondi aziendali che già esistono, il Fondo condizioni di lavoro ed incarichi. Ma questa previsione, secondo i tecnici del Mef, non è in linea con l’atto di indirizzo del 27 luglio 2017  del Comitato di Settore.

Infine, il Governo non si limita a chiedere chiarimenti, ma modifiche all’articolo 81 Fondo premialità e fasce, ritenendo che «le previsioni ivi contenute non appaiono in linea né con l’atto d’indirizzo del 27 luglio 2017, che prevede la possibilità di far ricorso a dette risorse ove sussistano le condizioni di compatibilità finanziarie ed il rispetto delle disposizioni vigenti in materia di contenimento delle spese di personale», né con quello integrativo che destina alla contrattazione per l’anno 2018 «risorse inferiori rispetto a quelle previste per i restanti comparti a motivo dell’asserita insufficienza di risorse per il finanziamento complessivo del Ssn».

Ma, oltre a questo, perché gli infermieri stanno scioperando? A spiegarlo è lo stesso Antonio De Palma, Presidente di Nursing Up, in un lungo post su Facebook: «Scioperiamo per pretendere retribuzioni dignitose; contro quei sindacati talmente corrotti che trattano i lavoratori come merce di scambio; contro un contratto che emargina gli infermieri e le altre professioni sanitarie giuridicamente affini e che indennizza ogni ora del nostro lavoro notturno con 2,74 euro lordi. Scioperiamo non dal lavoro (che vogliamo svolgere con dignità) ma dalle condizioni da gregari in cui ci costringono a vivere ogni giorno: sfruttamento, prepotenza e scoraggiamento. Scioperiamo perché in Italia ci sono infermieri sottoposti a turni talmente massacranti che non trovano più nemmeno il tempo per ribellarsi. Scioperiamo perché il nostro SSN oggi, senza il nostro aiuto, è destinato a soffocare».

LEGGI ANCHE: COMPARTO SANITÀ, NURSING UP: «MODIFICHE A PRE-INTESA CCNL SENZA DI NOI, DIFFIDIAMO ARAN»

Articoli correlati
Operazione “Mondo Sepolto”, la FNOPI: «Nessun infermiere coinvolto, il buon nome della professione va tutelato»
La Federazione interviene sui recenti fatti di cronaca accaduti a Bologna: «Ancora una volta la professione è stata coinvolta erroneamente in notizie inerenti fatti inaccettabili, che violano, prima ancora delle leggi, il codice etico.
Infermieri e intramoenia, come funziona in Italia? Cavaliere (CID): «Più autonomia per fidelizzare paziente e combattere lavoro nero»
«L’infermiere può svolgere attività intramuraria solo in equipe, chiediamo riconoscimento e tariffe adeguate alle nostre competenze», l’appello di Bruno Cavaliere, presidente del Comitato Infermieri Dirigenti
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Il 15 gennaio OSS in sciopero. Minghetti (Human Caring): «Siamo stanchi di essere sfruttati e inascoltati»
Scoperchiando il vaso di Pandora, il vice-coordinatore nazionale del sindacato denuncia il malcontento della categoria: «Per Ministero e Regioni siamo fantasmi, e nessuno controlla la nostra formazione. Circolano attestati falsi, ci sono ovunque corsi non adeguati e frodi. È il caos. Siamo considerati ‘inferiori’, ma ci vengono assegnate mansioni che non ci competono. E adesso le aziende sanitarie ci impediscono di scioperare»
Master professioni sanitarie, Nursing Up: «No al limite del numero di posti»
«Apprendiamo dagli organi di stampa che l’Osservatorio nazionale per le professioni sanitarie ha definito, dopo sei anni di lavoro, i 90 master universitari specialistici destinati alle 22 professioni sanitarie, riorganizzando così un comparto che vede impegnati oltre 650mila operatori. Ma leggiamo che ci sarebbe anche la volontà di delineare ‘a monte’ gli ordinamenti dei nuovi […]
Contratto medici, intersindacale: «In legge di bilancio pietra tombale sul rinnovo. Scioperi confermati»
«All’insegna della peggiore continuità, il nuovo governo, come i precedenti, utilizza la legge di bilancio per attuare veri e propri golpe ordinamentali ed istituzionali». Non usa mezzi termini l’intersindacale della dirigenza medica e sanitaria che, in una nota, si scaglia contro il governo ed evidenzia il comma 687 della legge di bilancio. Una norma che «nell’assalto […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano