Lavoro 28 marzo 2017

Rottamazione Cartelle Equitalia, la parola all’esperto: «Ecco cosa devono fare i medici ed entro quando…»

Ai microfoni di Sanità Informazione, il consulente fiscale Giampiero Pantano spiega come risparmiare fino al 30% per le cartelle ricevute tra il 2000 e il 2016: «Attivata partnership con Consulcesi per aiutare gli operatori sanitari a districarsi in queste pratiche così complesse»

Mancano pochi giorni al termine ultimo per presentare richiesta per la rottamazione delle cartelle di Equitalia. La scadenza, in un primo momento prevista per il 31 marzo, è stata prorogata al 21 aprile. Qualunque medico che abbia ricevuto una cartella esattoriale tra il 2000 e il 31 dicembre 2016 può aderire per vedersi eliminata una somma che può anche superare il 30% dell’importo complessivo, risparmiando su sanzioni e interessi di mora. La materia, però, è più complessa di quel che può sembrare. Per questo abbiamo intervistato Giampiero Pantano, consulente fiscale che in partnership con Consulcesi si occupa proprio della rottamazione delle cartelle per i professionisti sanitari.

Dottor Pantano, il personale medico sanitario ha fino al 21 aprile per rottamare le cartelle Equitalia. Come funziona il tutto?

«Va presentata un’istanza all’agente della riscossione chiedendo di aderire a questa sanatoria per tutte o anche solo per alcune delle cartelle che si hanno in carico. Una volta presentata questa istanza, Equitalia ha di tempo fino al 31 maggio per dare una risposta, in cui sono contenute sia la quantificazione delle somme da pagare che il piano delle scadenze. È possibile infatti scegliere se pagare la somma in un’unica soluzione o in cinque rate, con un piano di ammortamento che verrà fornito dalla stessa Equitalia».

Quanto si può risparmiare, aderendo alla rottamazione?

«In media possiamo parlare di un 30% per i tributi amministrati dall’Agenzia delle Entrate. Questa somma corrisponde alle sanzioni richieste dall’Agenzia stessa sugli omessi versamenti. In aggiunta, si risparmieranno anche gli interessi di mora, che non saranno più esigibili da Equitalia».

A livello pratico, cosa deve fare un medico che intende aderire alla rottamazione delle cartelle?

«Il medico deve innanzitutto avere contezza del proprio debito, ovvero delle cartelle esattoriali che gli sono state recapitate tra il 2000 e il 2016. Noi consigliamo l’acquisizione di un documento denominato “estratto del debito”, rilasciato dall’agente della riscossione, che certifica tutti i carichi esattoriali che sono pendenti per quella determinata persona. In questo senso, abbiamo attivato una partnership con Consulcesi per affrontare questo tipo di pratiche, che spesso non sono di semplice gestione. È dunque meglio rivolgersi agli addetti ai lavori e, in questo caso, ad una realtà come Consulcesi che assiste i medici da anni. In questo modo il tutto può essere maggiormente efficace».

Articoli correlati
Numero Chiuso in Medicina, Consulcesi: «Affidato a ‘dottori in legge’ compito di curare l’Italia che invecchia senza assistenza sanitaria»
Il network legale leader nella tutela dei medici e di chi aspira a diventarlo: «Finalmente la politica ha ammesso che il test non è uno strumento idoneo alla selezione dei futuri medici. Solo quest’anno ci sono arrivate oltre tremila segnalazioni da parte degli studenti che si sono rivolti a noi per intraprendere ricorso»
Ue: Blockchain è soluzione giusta per sicurezza e trasparenza in sanità e per la filiera del farmaco
Il messaggio degli esponenti del Parlamento Europeo e della Commissione, in occasione della presentazione a Bruxelles del libro “Crypto-Revelation” di Andrea e Massimo Tortorella
Numero chiuso, irregolarità? Avvocato Saurini (Consulcesi): «Vogliamo realizzare sogno di tanti giovani»
«Violazioni dell’anonimato, utilizzo di telefonini: tutti gli anni purtroppo si ripetono difformità materiali e burocratiche, ecco cosa fare» così Sara Saurini, legale del network di riferimento per la tutela dei medici
Ex specializzandi, a Firenze rimborsi per 15 milioni. L’avvocato Tortorella: «L’evoluzione giurisprudenziale prosegue, cause più veloci»
«Com’è giusto pagare le tasse, così è giusto che lo Stato rispetti i diritti» la voce dei medici rimborsati dopo anni di formazione specialistica non riconosciuta economicamente
Medici in corsia senza essere pagati, lo Stato li risarcisce con oltre 15 milioni di euro
Marco Tortorella, avvocato specialista del contenzioso tra lo Stato e gli ex specializzandi: «Come confermato dal recente e autorevole parere pro veritate il termine di prescrizione non è decorso, noi continuiamo nel nostro lavoro a tutela dei medici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...