Lavoro 28 marzo 2017

Rottamazione Cartelle Equitalia, la parola all’esperto: «Ecco cosa devono fare i medici ed entro quando…»

Ai microfoni di Sanità Informazione, il consulente fiscale Giampiero Pantano spiega come risparmiare fino al 30% per le cartelle ricevute tra il 2000 e il 2016: «Attivata partnership con Consulcesi per aiutare gli operatori sanitari a districarsi in queste pratiche così complesse»

Mancano pochi giorni al termine ultimo per presentare richiesta per la rottamazione delle cartelle di Equitalia. La scadenza, in un primo momento prevista per il 31 marzo, è stata prorogata al 21 aprile. Qualunque medico che abbia ricevuto una cartella esattoriale tra il 2000 e il 31 dicembre 2016 può aderire per vedersi eliminata una somma che può anche superare il 30% dell’importo complessivo, risparmiando su sanzioni e interessi di mora. La materia, però, è più complessa di quel che può sembrare. Per questo abbiamo intervistato Giampiero Pantano, consulente fiscale che in partnership con Consulcesi si occupa proprio della rottamazione delle cartelle per i professionisti sanitari.

Dottor Pantano, il personale medico sanitario ha fino al 21 aprile per rottamare le cartelle Equitalia. Come funziona il tutto?

«Va presentata un’istanza all’agente della riscossione chiedendo di aderire a questa sanatoria per tutte o anche solo per alcune delle cartelle che si hanno in carico. Una volta presentata questa istanza, Equitalia ha di tempo fino al 31 maggio per dare una risposta, in cui sono contenute sia la quantificazione delle somme da pagare che il piano delle scadenze. È possibile infatti scegliere se pagare la somma in un’unica soluzione o in cinque rate, con un piano di ammortamento che verrà fornito dalla stessa Equitalia».

Quanto si può risparmiare, aderendo alla rottamazione?

«In media possiamo parlare di un 30% per i tributi amministrati dall’Agenzia delle Entrate. Questa somma corrisponde alle sanzioni richieste dall’Agenzia stessa sugli omessi versamenti. In aggiunta, si risparmieranno anche gli interessi di mora, che non saranno più esigibili da Equitalia».

A livello pratico, cosa deve fare un medico che intende aderire alla rottamazione delle cartelle?

«Il medico deve innanzitutto avere contezza del proprio debito, ovvero delle cartelle esattoriali che gli sono state recapitate tra il 2000 e il 2016. Noi consigliamo l’acquisizione di un documento denominato “estratto del debito”, rilasciato dall’agente della riscossione, che certifica tutti i carichi esattoriali che sono pendenti per quella determinata persona. In questo senso, abbiamo attivato una partnership con Consulcesi per affrontare questo tipo di pratiche, che spesso non sono di semplice gestione. È dunque meglio rivolgersi agli addetti ai lavori e, in questo caso, ad una realtà come Consulcesi che assiste i medici da anni. In questo modo il tutto può essere maggiormente efficace».

Articoli correlati
Sicurezza delle cure, la FNOMCeO lancia gli Sportelli del cittadino dove confrontarsi con medici e avvocati
Nell’ambito dell’incontro con il Consiglio nazionale forense, concordato anche un tavolo di confronto sulla ‘pubblicità etica’ in sanità
MMG in estinzione, Tortorella (Consulcesi): «Crisi di vocazione causata da disparità di trattamento inaccettabili»
Sulle pagine di Starbene il presidente della principale realtà di tutela del settore medico commenta il preoccupante avvenire della Medicina Generale italiana: «Entro 10 anni il 70% di loro andrà in pensione. Senza ricambio generazionale il numero totale rischia di assottigliarsi troppo»
Medici sotto attacco, 35mila nuove cause all’anno. FNOMCeO e Regioni chiedono legge per regolamentare spot contro Ssn
Libero pubblica i numeri drammatici dell’ «attacco conclamato alla categoria» e promuove la petizione lanciata da Consulcesi per istituire il Tribunale della Salute. Tra i sottoscrittori anche il Senatore Sileri (pres. 12° commissione): «Tornare a un rapporto sano tra i cittadini e la sanità, il clima di sfiducia non fa bene a nessuno»
Tribunale della Salute, Foad Aodi (OMCeO Roma) aderisce alla petizione: «Proposta coraggiosa. Più il medico lavora in serenità più è tutelato il diritto alla salute»
Il presidente di Amsi (Associazione medici di origine straniera in Italia) sottolinea: «I medici italiani sono considerati tra i migliori, non permettiamo di macchiarne l'immagine e la credibilità». Intanto la raccolta firme ha superato le 12mila adesioni
Spot risarcimenti, si schierano le istituzioni:  «Subito il Tribunale della Salute». E la petizione raggiunge le 10mila firme in poche ore
La petizione lanciata da Consulcesi è stata sottoscritta da istituzioni, sindacati e associazioni. Tra i firmatari anche il Presidente della Commissione Salute, il senatore Pierpaolo Sileri. Tortorella: «Basta contrapposizioni, operatori sanitari e pazienti chiedono di poter siglare un nuovo Patto della Salute superando aggressioni e denunce»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano