Lavoro 26 Giugno 2019 11:28

Rinnovo ACN, Magi (Sumai): «Aggiornata la parte normativa e definite le nuove voci economiche. Ora aspettiamo l’atto d’indirizzo con risorse aggiuntive»

«Il rinnovo economico della Convenzione 2016-2018 della Specialistica ambulatoriale interna è chiuso. Per completarlo bisogna perfezionare la parte economica» precisa Antonio Magi, segretario generale del SUMAI Assoprof. «Abbiamo concordato di attendere il nuovo Atto di indirizzo della convenzionata per riaprire nuovamente il tavolo. Quando arriveranno le risorse aggiuntive – conclude – chiuderemo definitivamente anche questa partita»

«Il rinnovo economico della Convenzione 2016-2018 della Specialistica ambulatoriale interna è chiuso». Lo precisa Antonio Magi, segretario generale del SUMAI Assoprof, commentando la lunga giornata di trattative in Sisac per il rinnovo dell’ACN.

«Per completare questo l’Acn appena firmato – aggiunge Magi – manca la ciliegina sulla torta ovvero perfezionare la parte economica. Oggi abbiamo aggiornato e migliorato le varie voci normative, già definite 3 anni fa, nel 2015, prevedendone delle nuove per la parte economica 2016-2018 firmando il rinnovo ACN della parte economica come da atto di indirizzo. Abbiamo concordato – prosegue – tutti insieme di attendere il nuovo Atto di indirizzo della convenzionata per riaprire nuovamente il tavolo quando ci saranno le ulteriori risorse economiche 2016-2018 che consentiranno di delineare con maggiore chiarezza, come già promesso per la dirigenza medica, la parte economica mancante. Quando arriveranno le risorse aggiuntive – conclude Antonio Magi – chiuderemo definitivamente anche questa partita. Diverso invece è stato il discorso per quanto riguarda la parte normativa che ha visto la firma del SUMAI Assoprof con le altre Oo.Ss. su un testo che aggiorna e migliora in maniera sostanziale il precedente Acn 2015».

Sintesi dei punti salienti Parte Normativa 2016-2018

Su questo i punti salienti dell’accordo hanno riguardato: l’Integrazione dell’Accordo dello scorso anno che diventa così parte integrante dell’accordo per il triennio 2016-2018;
il riconoscimento e quindi l’inserimento di tutti gli arretrati del 2018 (tranne quelli ancora mancanti che saranno previsti dal nuovo atto di indirizzo), nonché degli ultariori incrementi a partire dal 2019, fermatisi all’anno 2017; la previsione dei fondi della contrattazione decentrata; il monitoraggio degli AIR; l’istituzione di graduatorie di “disponibilità aziendale”; la possibilità del frazionamento orario, purché finalizzato al completamento orario dello Specialista Ambulatoriale, del Medico Veterinario e delle altre Professioni Sanitarie; la prevista la procedura per la presentazione di domanda telematica per l’accesso alle graduatorie della Specialistica Ambulatoriale.

Quindi, l’accordo prevede ancora la possibilità d’incarico per coloro i quali, hanno acquisito il titolo di specializzazione dopo la scadenza del termine ultimo per la presentazione della domanda ai fini dell’inserimento nelle graduatorie, così come già concordato per la Medicina Generale e per la Pediatria di Libera Scelta; la possibilità di esperire la mobilità interaziendale prima di assegnare diversamente nuovi incarichi; l’estensione dei benefici della legge 104/92 anche agli stessi specialisti portatori di handicap; la possibilità di assegnazione ad altra attività compatibile, in caso di inidoneità temporanea dello specialista;   la presenza obbligatoria di uno Specialista Ambulatoriale, di un Medico Veterinario e/o delle altre Professioni Sanitarie previste nell’accordo nelle UPD; lo sviluppo di attività specifiche volte a favorire l’integrazione delle attività specialistiche con le forme organizzative della medicina generale e della pediatria di libera scelta; mantenuto l’impegno – preso dal tavolo tutto – della parte variabile del compenso dei Medici Veterinari quindi la piena integrazione della figura del Medico Veterinario all’interno dell’ACN; l’istituzione dell’indennità di disponibilità per chi intende svolgere la propria attività all’interno della Azienda Sanitaria, l’intramoenia anche per attività ospedaliere,   l’istituzione della APP – Anticipo della Prestazione Previdenziale a carico dell’Enpam; l’adeguamento degli elenchi delle specializzazioni come da DM del 23 marzo 2018; ed altro ancora.

Infine ultima questione, che resta ancora aperta – ma ampiamente affrontata al tavolo attraverso un dibattito abbastanza acceso – è la necessita di valorizzare gli specialisti che operano nelle carceri e di iniziare un percorso di perequazione anche per tutte le altre categorie professionali (biologi, chimici e psicologi) previste nell’accordo; nello specifico, si è discusso ampiamente del profilo giuridico del biologo e del significato che esso assume – nonostante una mancata equiparazione della quota oraria rispetto allo specialista ambulatoriale avente identiche mansioni -, non solo nel ruolo, ma anche e soprattutto nelle competenze e nelle responsabilità nell’ambito del SSN.

La delegazione trattante del SUMAI Assoprof era composta, oltre che dal segretario generale Antonio Magi, anche da Presidente Giuseppe Nielfi, dal vice presidente Gabriele Peperoni, da Pio Attanasi, Pietro Procopio, dalla responsabile area veterinaria Tiziana Felice e dal responsabile area psicologi Filippo Cantone e dal responsabile dei Biologi Loredana Di Natale.

Articoli correlati
Vaccini, l’Ue non rinnova il contratto con AstraZeneca
La Commissione europea non ha rinnovato, per ora, l'ordine di vaccini anti-Covid ad AstraZeneca. «Vedremo cosa succederà» ha dichiarato Thierry Breton. Il Lazio pensa agli Open day vaccinali per smaltire le dosi
Medicina di famiglia, tra presente e futuro i nodi da sciogliere per una sanità migliore
La pandemia ha evidenziato l’ovvio: la branca meno valorizzata è quella di cui avremo sempre più bisogno. Tra riforme sbandierate e finanziamenti arenati c’è necessità di rinnovare, per i mmg ma soprattutto per il bene della comunità
Valerii (Censis): «Servono 58mila medici e 72mila infermieri per rafforzare la sanità del futuro»
I cantieri per la sanità del futuro: presentato il progetto Censis in collaborazione con Janssen Italia
Accordo Specialisti Ambulatoriali, la Cisl Medici Lazio sollecita apertura tavolo trattativa
La Cisl Medici, negli ultimi dodici mesi, aveva già più volte affrontato la problematica dei Medici Specialisti Ambulatoriali con la richiesta di completamento orario per gli Specialisti Ambulatoriali Interni, l’istituzione di turni di specialistica a tempo determinato e la richiesta di urgente apertura del tavolo di trattativa regionale per l’Accordo Integrativo Regionale con gli Specialisti […]
Raggiunto l’accordo tra Regioni e Mmg per le vaccinazioni Covid. La soddisfazione dei medici
Bonaccini annuncia il sì al protocollo d'intesa tra Regioni e Medici di medicina generale per le vaccinazioni Covid. Soddisfazione espressa da Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn, Smi e Fimmg Continuità Assistenziale per il proprio coinvolgimento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 luglio, sono 192.578.206 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.135.859 i decessi. Ad oggi, oltre 3,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Cause

Ex specializzandi, altre sentenze e novità su quantum risarcitorio e prescrizione

Intervista all’avvocato Marco Tortorella che spiega le novità che interessano i medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea