Lavoro 1 luglio 2014

Riforma P.A., la polemica di Anaao Assomed

Il segretario Troise: “Provvedimenti che vanno contro la sanità pubblica”

Immagine articolo

La riforma della P.A., così come è stata concepita, non va bene. Le regole pensate non bastano a migliorare la situazione attuale


e, per quanto riguarda quelle relative all’ambito sanitario, vanno riscritte con i veri protagonisti di questo mondo, ovvero i medici.

Sono questi i concetti centrali espressi da Costantino Troise, segretario fresco di conferma – fino al 2018 – di Anaao Assomed (Associazione Medici Dirigenti) nel corso del suo 23esimo congresso ad Abano Terme e ribaditi dopo la pubblicazione della riforma in Gazzetta Ufficiale.

La grande riforma della Pubblica Amministrazione – spiega Troise –  si sta riducendo, come era prevedibile, ai veri obiettivi: sindacati e lavoratori. Ai sindacati si pongono seri limiti alla capacità organizzativa e di rappresentanza; ai lavoratori si impone la mobilità coatta, trattati come pacchi postali sempre pronti alla spedizione”.

Per quanto riguarda, nello specifico, l’ambito sanitario e i professionisti che vi lavorano, per Troise “l’ossessione sui costi sta facendo perdere il lume della ragione senza rendersi conto che ogni unità medica che se ne va, sono competenze che se ne vanno con lei. Non sostituite né facilmente sostituibili.

In questo Paese – è l’amara conclusione dell’Associazione già espressa nel corso del congresso – ogni grande riforma finisce con il colpire i soliti noti: i dipendenti pubblici e coloro che li difendono di fronte all’arroganza di un potere che stravolge leggi, contratti e diritti diventati un optional da saldare al massimo ribasso”.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano