Lavoro 1 Marzo 2022 11:43

«Restiamo gratis dopo la pensione per il bene del Ssn». La lettera di 50 primari

«Siamo pronti a lavorare senza stipendio per 2 anni, per il bene del sistema sanitario». E’ la proposta di un gruppo di medici, una cinquantina di luminari che, pur avendo raggiunto l’età della pensione, vogliono ‘accompagnare’ il turn over, cioè aspettare che il sistema sanitario assuma i giovani per sostenerli e avviarli alla professione

«Restiamo gratis dopo la pensione per il bene del Ssn». La lettera di 50 primari

«Siamo pronti a lavorare senza stipendio per 2 anni, per il bene del sistema sanitario». E’ la proposta di un gruppo di medici, una cinquantina di luminari che, pur avendo raggiunto l’età della pensione, vogliono ‘accompagnare’ il turn over, cioè aspettare che il sistema sanitario assuma i giovani per sostenerli e avviarli alla professione.

A guidare questa proposta, spiegano i medici, è da una parte la passione per il proprio mestiere, dall’altra la paura che il pensionamento di tanti professionisti possa causare un vuoto nel sistema. Lo riporta ‘Il Sole 24 ore’. «Ricordiamoci che ci sono attualmente 12 mila medici in meno, questo è il nostro piccolo contributo», sottolineano Nicola Mangialardi, del San Camillo di Roma, Carlo Antona dell’Università di Milano, Michele Battaglia, dell’Università di Bari, Francesco Musumeci, del San Camillo di Roma, Giancarlo Palasciano, dell’Università di Siena, Francesco Talarico, dell’Ospedale civico di Palermo. Questi sono i primi firmatari di una proposta consegnata al governo, a cui stanno aderendo sempre più professionisti.

«Se il governo – spiegano – varasse un provvedimento ‘ad hoc’ valido fino al 2025, quando l’Italia sarà uscita dall’emergenza Covid consentendoci di dare volontariamente il nostro aiuto sul fronte dell’emergenza sanitaria, noi saremmo disposti a rinunciare allo stipendio ricevendo solo la pensione maturata al 7oesimo anno di età, quindi senza alcun aggravio perle casse dello Stato».

Due deputati, Filippo Devito e Roberto Morassut, proporranno un emendamento (da inserire in uno dei prossimi decreti sul rilancio dell’economia, probabilmente). Il testo menziona proprio «l’istanza volontaria di prosecuzione di rapporto di lavoro», presentata «al direttore generale della struttura sanitaria pubblica ovvero alla figura apicale della struttura convenzionata, che si esprime nei trenta giorni successivi». Inoltre, spiega il documento, «la prosecuzione del rapporto cessa automaticamente alla data di compimento del 72esimo anno di età’. E, per quanto riguarda l’indennizzo, si precisa che «al professionista è corrisposto il trattamento economico pari a quello pensionistico maturato al 7oesimo annodi età».

Nel documento allegato viene anche spiegato che l’Italia si trova di fronte ad una grave problematica riguardante la carenza di medici specialisti, determinata da un insieme di concause che si possono individuare, da una parte, nel numero non adeguato di posti annualmente definito per l’accesso alle Scuole di specializzazione di area sanitaria e, dall’altra, da un’elevata uscita dei medici per pensionamento». E a questa situazione si aggiunge anche la pandemia. Viene dunque sottolineato che «il periodo emergenziale ha elevato ulteriormente questa carenza, conducendola ad una soglia ormai critica, determinando una quantità di visite ed esami arretrati irrecuperabili». Il problema pertanto andrà affrontato strutturalmente, garantendo in primis una adeguata forza lavoro immediatamente operativa nel rilancio post emergenziale». Ed è partendo da questa riflessione che i medici ‘senior’ propongono di rimanere ancora qualche anno in più, pur senza stipendio.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Pronta disponibilità, il limite delle 6 chiamate mensili viene sempre rispettato?
Intervista a Muzio Stornelli, dirigente infermieristico: «Problema antico ma con pandemia la situazione è peggiorata»
Capuano (Simedet): «Ecco la mia esperienza di Buona Sanità»
Di Fernando Capuano, presidente Simedet
di Fernando Capuano, presidente Simedet
Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)
Il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, in un’intervista a Sanità Informazione ripercorre le principali criticità del PNNR. Le proposte: «Modificare la legge 502/92 e studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, che permetta ai medici con un carico assistenziale inferiore al massimale di coprire un debito orario nelle case di comunità, retribuiti a quota oraria o capitaria»
PNRR, al via studio sullo stato di sviluppo dei servizi sanitari di 4 Regioni
Viatris e Cergas Bocconi hanno avviato uno studio dedicato ad analizzare lo stato di sviluppo dei servizi sanitari di 4 regioni italiane: Lombardia, Emilia Romagna, Lazio e Campania
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali