Lavoro 11 febbraio 2019

Responsabilità professionale e cause temerarie, De Lillo (Agenas): «Formazione continua fondamentale per ridurre rischi»

Ai microfoni di Sanità Informazione il Presidente Facente Funzione dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali spiega quali sono le possibili soluzioni per ridurre un contenzioso che riguarda circa 300mila cause all’anno: «Bene l’arbitrato della salute, ma rivedere anche applicazione del patto quota lite»

di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

Se il 95% delle azioni legali che vengono intentate contro i medici risulta favorevole a questi ultimi, è necessario fare qualcosa per limitare il fenomeno. In particolare, per il Presidente Facente Funzione di Agenas (Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali) Stefano de Lillo è fondamentale puntare sulla formazione continua del personale sanitario. Un medico più formato ha infatti molte più possibilità di uscire indenne anche dalle cause più temerarie: «L’Agenas – spiega infatti il Presidente De Lillo ai nostri microfoni – punta molto sulla formazione continua: è un cardine della sanità», così come «le linee guida e le buone pratiche».

Presidente, l’enorme numero di contenziosi che coinvolgono i medici, circa 300mila nei tribunali italiani, necessita di una soluzione. L’idea lanciata è quella di un “arbitrato della salute”, in cui poter conciliare tutte le parti in causa e riuscire, in questo modo, a diminuire il numero delle cause. Lei come la valuta?

«La valuto assolutamente bene. Questo tipo di arbitrato può essere uno strumento essenziale di conciliazione a cui rivolgersi anche alla luce dei dati presentati oggi, ovvero quel 95% di cause intentate contro i medici che poi risultano essere costruite su basi infondate. Avere un luogo in cui si riesca ad arrivare celermente ad una sintesi è una buona cosa per tutti: dà sicurezza al paziente e tranquillità al professionista medico, permettendo al contempo di non spendere energie e soldi in assicurazioni e avvocati».

LEGGI ANCHE: CONTENZIOSI SANITARI, INCONTRO AL MINISTERO DELLA SALUTE: «DIALOGO E FORMAZIONE LA RICETTA DELLE ISTITUZIONI»

Ecco, lei è Presidente Facente Funzione di Agenas. La formazione ha un ruolo chiave in questo senso perché un medico formato è anche più preparato a rispondere ai rischi clinici. Voi continuerete a favorire la formazione continua?

«Certo, l’Agenas è cresciuta molto in questi anni, partendo proprio dalla formazione continua. È un cardine della sanità, della formazione del medico e di tutti i professionisti sanitari. In particolare, un medico formato ha senza dubbio un rischio minore di cadere in errori. Accanto a questo noi ci occupiamo, insieme all’Istituto Superiore di Sanità, di aiutare le società scientifiche a seguire le linee guida promosse dalle società stesse, le buone pratiche che ci aiutano a diminuire sempre di più il rischio».

Un’ultima domanda sull’aumento delle cause che si è registrato nell’ultimo periodo. Nel suo intervento ha fatto riferimento al patto quota lite, che ha aumentato ancora di più il numero di queste cause temerarie, che nel 95% dei casi finiscono in un nulla di fatto.

«Questa è una mia riflessione personale ma che anche nel dibattito è emersa in modo palese. Dopo il decreto Bersani sulle liberalizzazioni è nato questo patto di quota lite che permette a chi fa causa di pagare l’avvocato solo in caso di successo. Questo principio può dar vita ad un sistema virtuoso, ma evidentemente così non è se guardiamo ai numeri relativi al campo della sanità. Questo principio ha generato un meccanismo secondo il quale studi legali, forse eticamente non estremamente corretti, intentano cause che hanno vari effetti: intasare le aule giudiziarie; far crescere i costi e i tempi della giustizia italiana, che già sono molto alti; determinare una medicina difensiva che ha un costo per il Ssn stimato in circa 10 miliardi di euro, quindi una cifra altissima. Ecco, alla luce di quel 95% di azioni non sensate penso sia opportuno rivedere questa possibilità, anche solo nell’ambito della sanità e delle cause di responsabilità professionale penale».

 

Articoli correlati
Contenziosi pazienti-operatori sanitari, Nicola Titta (Anep): «Bene Arbitrato, professioni siano coinvolte. E per la Formazione si lavori su Codice deontologico»
Il Presidente dell’Associazione Nazionale educatori professionali guarda positivamente alla proposta lanciata dal gruppo Consulcesi su una camera di conciliazione per gestire l’enorme mole di ricorsi: «Registriamo tante aggressioni»
Fondo sanitario, Regioni approvano riparto 2019. Antonio Saitta: «SSN sottofinanziato, in nuovo Patto della Salute risorse certe»
Alla Conferenza delle Regioni suddiviso il Fondo di 111,2 miliardi. Il Presidente Stefano Bonaccini: «Così diamo un contributo importante alle successive azioni del ministero e consentiamo alle Regioni di avviare una programmazione in tempi certi». Sul tema dell’autonomia differenziata posizioni diverse dei governatori. L’Assessore alla Sanità del Piemonte: Su alcune materie, come la formazione, non possiamo stare con le mani in mano. Servino regole certe»
Medici nel mirino delle denunce: accusati di errori chirurgici, diagnosi sbagliate e terapie scorrette
Al fianco dei medici scende in campo la task force legale di Consulcesi & Partners, che dopo l'evento al Ministero della Salute ha ricevuto migliaia di segnalazioni: al primo posto ci sono gli errori chirurgici (37,9% dei casi), seguono le diagnosi sbagliate (15,5%) e le terapie scorrette (10,2%)
Autonomia differenziata, lo SMI lancia petizione online per fermare voto del Parlamento: «Con riforma avremo una somma di Servizi sanitari regionali»
Il Sindacato guidato da Pina Onotri si mobilita contro il provvedimento fortemente voluta dalla Lega. Sarà inviata una lettera aperta ai deputati e ai senatori di tutti i gruppi politici
Regionali Abruzzo, Marsilio (centrodestra) vince con il 49%. Liste d’attesa e abolizione superticket nel programma Sanità
Staccati Legnini (Pd) e Marcozzi (M5S). Il candidato di Fratelli d'Italia succede all’uscente Luciano D’Alfonso. Boom della Lega che raccoglie oltre il 27% delle preferenze. Tra le proposte del neogovernatore quella di decongestionare i Pronto Soccorso Ospedalieri attraverso lo studio di prestazioni alternative per codici verdi e bianchi presso strutture da agganciare in convenzione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...