Formazione 11 Febbraio 2019

Responsabilità professionale e cause temerarie, De Lillo (Agenas): «Formazione continua fondamentale per ridurre rischi»

Ai microfoni di Sanità Informazione il Presidente Facente Funzione dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali spiega quali sono le possibili soluzioni per ridurre un contenzioso che riguarda circa 300mila cause all’anno: «Bene l’arbitrato della salute, ma rivedere anche applicazione del patto quota lite»

di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

Se il 95% delle azioni legali che vengono intentate contro i medici risulta favorevole a questi ultimi, è necessario fare qualcosa per limitare il fenomeno. In particolare, per il Presidente Facente Funzione di Agenas (Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali) Stefano de Lillo è fondamentale puntare sulla formazione continua del personale sanitario. Un medico più formato ha infatti molte più possibilità di uscire indenne anche dalle cause più temerarie: «L’Agenas – spiega infatti il Presidente De Lillo ai nostri microfoni – punta molto sulla formazione continua: è un cardine della sanità», così come «le linee guida e le buone pratiche».

Presidente, l’enorme numero di contenziosi che coinvolgono i medici, circa 300mila nei tribunali italiani, necessita di una soluzione. L’idea lanciata è quella di un “arbitrato della salute”, in cui poter conciliare tutte le parti in causa e riuscire, in questo modo, a diminuire il numero delle cause. Lei come la valuta?

«La valuto assolutamente bene. Questo tipo di arbitrato può essere uno strumento essenziale di conciliazione a cui rivolgersi anche alla luce dei dati presentati oggi, ovvero quel 95% di cause intentate contro i medici che poi risultano essere costruite su basi infondate. Avere un luogo in cui si riesca ad arrivare celermente ad una sintesi è una buona cosa per tutti: dà sicurezza al paziente e tranquillità al professionista medico, permettendo al contempo di non spendere energie e soldi in assicurazioni e avvocati».

LEGGI ANCHE: CONTENZIOSI SANITARI, INCONTRO AL MINISTERO DELLA SALUTE: «DIALOGO E FORMAZIONE LA RICETTA DELLE ISTITUZIONI»

Ecco, lei è Presidente Facente Funzione di Agenas. La formazione ha un ruolo chiave in questo senso perché un medico formato è anche più preparato a rispondere ai rischi clinici. Voi continuerete a favorire la formazione continua?

«Certo, l’Agenas è cresciuta molto in questi anni, partendo proprio dalla formazione continua. È un cardine della sanità, della formazione del medico e di tutti i professionisti sanitari. In particolare, un medico formato ha senza dubbio un rischio minore di cadere in errori. Accanto a questo noi ci occupiamo, insieme all’Istituto Superiore di Sanità, di aiutare le società scientifiche a seguire le linee guida promosse dalle società stesse, le buone pratiche che ci aiutano a diminuire sempre di più il rischio».

Un’ultima domanda sull’aumento delle cause che si è registrato nell’ultimo periodo. Nel suo intervento ha fatto riferimento al patto quota lite, che ha aumentato ancora di più il numero di queste cause temerarie, che nel 95% dei casi finiscono in un nulla di fatto.

«Questa è una mia riflessione personale ma che anche nel dibattito è emersa in modo palese. Dopo il decreto Bersani sulle liberalizzazioni è nato questo patto di quota lite che permette a chi fa causa di pagare l’avvocato solo in caso di successo. Questo principio può dar vita ad un sistema virtuoso, ma evidentemente così non è se guardiamo ai numeri relativi al campo della sanità. Questo principio ha generato un meccanismo secondo il quale studi legali, forse eticamente non estremamente corretti, intentano cause che hanno vari effetti: intasare le aule giudiziarie; far crescere i costi e i tempi della giustizia italiana, che già sono molto alti; determinare una medicina difensiva che ha un costo per il Ssn stimato in circa 10 miliardi di euro, quindi una cifra altissima. Ecco, alla luce di quel 95% di azioni non sensate penso sia opportuno rivedere questa possibilità, anche solo nell’ambito della sanità e delle cause di responsabilità professionale penale».

 

Articoli correlati
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Responsabilità professionale, Frati: «Documentazione sanitaria dimostra la competenza del medico e aiuta difesa»
La professoressa Paola Frati, Professore Ordinario di Medicina Legale alla Sapienza di Roma, ha fatto il punto su criticità e nuove prospettive della Legge Gelli a margine del 121° Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia
di Cesare Buquicchio
Superamento test numero chiuso? Speranza: «Va affrontato, tra le questioni fondamentali»
Lo ha ribadito il ministro della Salute, Roberto Speranza, a margine del 76esimo Congresso della Fimmg che si sta svolgendo in Sardegna. Di ieri, la notizia della sentenza del Consiglio di Stato che ha riammesso circa 250 studenti esclusi per mancanza di posti
di Diana Romersi e Giulia Cavalcanti
Formazione ECM, Petrella (SIC): «L’aggiornamento professionale è un dovere e un bene per noi e per i pazienti»
«La formazione professionale deve essere continua, i progressi in medicina sono quotidiani e bisogna essere sempre informati. Io, alla mia età, ancora oggi mi aggiorno, è un dovere soprattutto per noi chirurghi» così il Professor Petrella, che dal Congresso SIC ha lanciato i risultati di una ricerca dell’Università Tor Vergata: «Il 60% degli specializzandi vuole lavorare all'estero e l'80% è preoccupato per i contenziosi. Occorre un piano “su misura” per dare risposte ai giovani professionisti e suturare questa emorragia»
di Cesare Buquicchio
Numero chiuso, ordinanza del Consiglio di Stato: riammessi centinaia di studenti a Medicina
Le motivazioni: posti indicati dagli Atenei inferiori a capacità ricettiva e fabbisogno Ssn. Massimo Tortorella (Presidente Consulcesi): «A questo punto giusto mettere in dubbio l’esattezza dei posti assegnati anche per l’anno accademico 2019/2020. Test inadeguato, non si possono scegliere i medici del futuro con “quiz cabala” commissionati a una società privata»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...