Lavoro 14 Giugno 2021 10:18

Report Altems: «Se il personale assunto è specializzato anti-Covid, il SSR è “resiliente”»

Lo studio dell’Altems ha incrociato due dati fondamentali: l’assunzione di nuovo personale in tutte le 21 Regioni e Province Autonome italiane e il volume di interventi chirurgici erogati (extra Covid) durante il primo lockdown. Ecco i risultati

di Isabella Faggiano

Solo se il nuovo personale assunto è specializzato anti Covid-19 la Regione è “resiliente”. È questo il risultato di un recente report dell’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell’Università Cattolica della Facoltà di Economia, campus di Roma (ALTEMS).

«Il termine “resiliente” – spiega Americo Cicchetti, professore ordinario di Organizzazione Aziendale presso la Facoltà di Economia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore –  indica la capacità di un sistema di rispondere agli shock esterni. Nella nostra analisi il sistema è rappresentato dal Servizio Sanitario Regionale (SSR) e lo shock dalla pandemia da Covid-19».

Il report

Lo studio ha incrociato due dati fondamentali: l’assunzione di nuovo personale in tutte le 21 Regioni e Province Autonome italiane e il volume di interventi chirurgici erogati (extra Covid) durante il primo lockdown.

«A seconda dei risultati ottenuti – continua Cicchetti – le Regioni sono state divise in quattro categorie: resilienti, fragili, late responder e inerti. Le Regioni resilienti sono quelle che hanno mantenuto quasi invariato il numero di interventi, fragili quelle realtà che hanno interrotto le prestazioni a causa di un numero troppo elevato di contagi da Covid-19, late responder i territori che pur avendo interrotto le attività durante il lockdown hanno successivamente recuperato in tempi brevi, inerti le Regioni che hanno mantenuto livelli bassissimi di interventi chirurgici senza una successiva ed adeguata riprogrammazione».

I risultati Regione per Regione

«Se consideriamo i giorni di sospensione per l’attività chirurgica e i volumi di prestazioni “perse”, due delle tre regioni “resilienti” (Veneto +584, Lazio +282) hanno notevolmente incrementato il personale medico, mentre solo per una delle Regioni “fragili” (Lombardia +516) si registra un notevole incremento di personale medico. Ovviamente, la situazione lombarda si differenzia da tutte le altre per il numero altissimo di contagi registrato nel periodo di riferimento del Report».

«Sia le regioni “late responder” (Sicilia +101), che “inerti” (Piemonte +163) – sottolinea il professore – si caratterizzano, invece, per un incremento minore del personale medico se comparato con quello del Lazio e del Veneto. Se consideriamo, invece, il rapporto tra giornate di sospensione per le attività ambulatoriali e prestazioni “perse” – continua Cicchetti – le Regioni “resilienti” (Lombardia +847, Veneto +733, Lazio +381) sembrerebbero essere caratterizzate da un incremento maggiore del personale medico se comparato con quello delle “late responder” (Piemonte +345, Sicilia +133, Sardegna +146)».

La forza del “personale Covid”

Analizzando, poi, il comportamento delle singole Regioni in termini di assunzioni di nuovo personale è emerso il dato più interessante: «Le Regioni risultate “resilienti” hanno tutte effettuato assunzioni mirate, scegliendo personale anti Covid-19 – aggiunge Cicchetti -. Si tratta di figure professionali direttamente coinvolte nell’emergenza, specializzati in: anestesia e rianimazione, malattie dell’apparato respiratorio, medicina e accettazione d’urgenza, medicina interna, malattie infettive, microbiologia e virologia, sanità pubblica. Hanno assunto prevalentemente personale con queste specializzazioni il Veneto (57%) e il Lazio (79%). Tra le regioni “fragili” non si registra un orientamento prevalente, mentre le Regioni “late responder” (PA Trento 0%, Umbria 35%) e “inerti” (Molise 30%, Piemonte 40%, Valle d’Aosta 0%) hanno assunto in prevalenza personale no Covid».

Corso e ricorso storico

I dati della seconda e terza ondata non sono ancora disponibili, ma secondo il professor Cicchetti ipotizzare uno scenario è possibile. «La lieve saturazione dei posti letto a cui abbiamo assistito durante la seconda ondata, dell’autunno appena trascorso, ci fa ipotizzare risultati simili a quelli raccolti durante il primo lockdown. Per la terza ondata, invece, ci si aspettano dei miglioramenti tra le Regioni che hanno registrato i dati peggiori. Ma al di là dei risultati che otterremo analizzando la fine del 2020 e l’inizio del 2021, ciò che conta è fare tesoro dei dati di cui abbiamo già certezza, soprattutto nell’attuazione del PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) – conclude -, un’occasione fondamentale per il rilancio del Sistema Sanitario italiano».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ogni anno i medici regalano all’azienda 10 milioni di ore di straordinario e 5 di ferie arretrate. Il report Anaao
Complice la pandemia e la cronica carenza di personale, i diritti dei medici e dirigenti sanitari vengono sempre meno rispettati e nel 64,2% dei casi le ore in eccedenza non vengono neppure pagate
«Precariato infermieri, dati allarmanti. In 6 anni persi 100mila posti di lavoro». L’indagine Nursing Up
Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Nursing Up, commenta il «desolante quadro» emerso dallo studio
Covid, con primi stop ai sanitari non vaccinati rischio buchi in reparti
Sternativo (Fials Milano): «Solo quando il datore di lavoro è impossibilitato all'assegnazione dell'operatore non vaccinato a mansioni diverse è tenuto a dare avvio al periodo di sospensione»
Bufera su Burioni per un tweet. Codacons lo denuncia, Anelli (FNOMCeO) lo difende
La Federazione: «Invitiamo tutte le parti ad abbassare i toni e a riportarli all'interno di un dibattito civile e democratico». Bassetti: «Polemica sterile». Gismondo: «Considerare peso delle parole usate». E intanto lui fa marcia indietro
Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?
Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva