Lavoro 23 Marzo 2020

«Proviamo rabbia, stanchezza, delusione e paura». Lettere di tre infermiere ai tempi del Coronavirus

«Covid-19 è l’ennesimo squalo di turno a cui dare in pasto gli infermieri come carne da macello. Non saranno le ore interminabili di lavoro o l’impossibilità di bere o di andare in bagno durante il turno ad ucciderci, ma la superficialità delle Istituzioni»

Immagine articolo

Sono lettere dal fronte, quelle che scrivono alcune infermiere, iscritte al sindacato Nursing Up, che chiedono di rimanere anonime perché sempre più direzioni sanitarie vietano ai propri dipendenti di parlare con la stampa. C’è chi, come R. F., dice di essere «esausta fisicamente, emotivamente e mentalmente», perché «è davvero difficile avere a che fare con pazienti che ti chiedono aiuto e hanno paura di morire. E quando purtroppo qualcuno muore è straziante, ti senti impotente».

Poi c’è R.V., che da 15 giorni è a casa per una polmonite e combatte tra due sentimenti contrastanti: «La tutela della mia salute ed il dispiacere di non poter essere insieme ai miei colleghi». È costretta a passare il tempo guardando la televisione, e cova dentro una rabbia che la porta a scrivere che «Covid-19 è l’ennesimo squalo di turno a cui dare in pasto gli infermieri come carne da macello. Finita l’emergenza, la nostra professione dovrà essere riqualificata e ottenere un corretto riposizionamento economico-sociale».

LEGGI ANCHE: «NON POSSIAMO TIRARCI INDIETRO, DOBBIAMO DARE UNA MANO». PARLA UNO DEGLI 8MILA MEDICI CHE HANNO ADERITO ALLA TASK FORCE DELLA PROTEZIONE CIVILE

Le fa eco A. R., infermiera da oltre 20 anni «arrabbiata e delusa». «Noi lavoratori non siamo tutelati – continua –, i casi di Covid tra i pazienti aumentano vertiginosamente e qualche giorno fa è risultato positivo anche un nostro collega. Nessuno di noi è dotato di mascherine Ffp2 o Ffp3, ma solo di mascherine chirurgiche, perché non lavoriamo in un reparto Covid e quindi secondo la Regione, il Governo e l’Istituto superiore di sanità non siamo a rischio. Peccato che il virus non conosce confini, e che tutti noi siamo altamente esposti al contagio. Abbiamo urgentemente bisogno di dispositivi adeguati per salvare il salvabile. E devono fare il tampone agli operatori sanitari per tutelare i pazienti, le nostre famiglie e noi stessi. Non siamo eroi, siamo persone semplici abituate ad aiutare il prossimo. E non saranno le ore interminabili di lavoro o il fatto di non poter bere né andare in bagno per molte ore ad ucciderci, ma la superficialità delle Istituzioni».

«Stiamo combattendo una guerra con poche armi – aggiunge R. F. – e quando torniamo a casa ci sentiamo sconfitti. In questi giorni ho capito che per essere infermieri bisogna avere coraggio, e che usciremo da questa esperienza ancora più forti. Ora però vado a riposare, perché sono molto stanca. Buona fortuna a tutti. Ne abbiamo davvero bisogno».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 5 agosto, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Indagine sieroprevalenza in Italia: 1,5 milioni di persone entrate in contatto con SARS-Cov-2. Nella sanità il dato più alto
Presentati al Ministero della salute i risultati dell’indagine sulla sieroprevalenza sul SARS-Cov-2. Le persone che hanno sviluppato gli anticorpi sono sei volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus e vaccini, l’OMS: «Non c’è pallottola d’argento contro Covid e forse non ci sarà mai»
Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull'emergenza
Coronavirus, Gimbe: «In 7 giorni +23% nuovi casi. Stop a posizioni estreme che disorientano cittadini»
Nell’ultima settimana +328 nuovi casi, +361 “attualmente positivi” e, per la prima volta dopo mesi salgono i ricoverati con sintomi (+17). Dei 12.609 attualmente positivi il 53% è in Lombardia, il 37,4% tra Emilia-Romagna, Lazio, Piemonte, Veneto, Campania e Toscana e il 9,6% nelle altre regioni. I dati della Fondazione Gimbe
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»