Lavoro 17 Maggio 2022 10:00

Polizza per non autosufficienza, entro maggio gli iscritti Enpam possono richiedere fino a 1800 euro mensili

La copertura base di 1200 euro può essere aumentata con un contributo esentasse. La scadenza per aderire è alla fine del mese

Polizza per non autosufficienza, entro maggio gli iscritti Enpam possono richiedere fino a 1800 euro mensili

Il timore della non autosufficienza, e di tutto ciò che questo può comportare in termini di oneri materiali e morali per i propri cari, è un pensiero che spesso attanaglia chi si accinge a oltrepassare le soglie della terza età. Sapere di poter contare su un supporto economico adeguato aiuta ad affrontare con tranquillità un momento delicato sapendo di poter far fronte ad ogni eventualità. Per i camici bianchi iscritti alla fondazione Enpam come contribuenti di Quota A, questo “paracadute” consiste in un assegno mensile di 1200 euro in caso di non autosufficienza (1035 per i casi di non autosufficienza che si sono verificati entro il 30 aprile 2019), una copertura di cui giovano già 450mila iscritti.

La novità è che, entro il mese di maggio, sarà possibile aumentare la rendita mensile garantita dalla polizza Long Term Care attraverso un contributo aggiuntivo.

La formula base Long Term Care

La copertura assicurativa LTC stipulata tramite Emapi (l’Ente di mutua assistenza per i professionisti italiani), garantisce un assegno esentasse di 1.200 euro al mese in aggiunta alla pensione in caso di non autosufficienza vita natural durante, e non quindi per soli cinque anni come di norma prevedono le assicurazioni. Come si legge sul sito della Fondazione, si tratta di una tutela di base e automatica per gli scritti attivi all’Enpam e i pensionati che al 1° agosto 2016 non avevano compiuto 70 anni di età. La polizza non necessita di iscrizione e non richiede alcun esborso per medici e odontoiatri.

Un prodotto assicurativo analogo acquistato a titolo individuale comporterebbe un esborso di circa 400 euro annui, come sottolineato ancora dal sito Enpam. In sostanza la rendita per la Long Term Care non solo si cumula con altre eventuali polizze che i medici potrebbero aver sottoscritto autonomamente, ma si somma a quella già prevista della pensione d’invalidità riservata a medici e odontoiatri colpiti da un’infermità assoluta e permanente.

Come aumentare l’assegno fino a 1800 euro

Gli iscritti hanno la possibilità di aumentare, a titolo volontario e individuale, la copertura base da 1.200 euro al mese attraverso un versamento aggiuntivo, detraibile dalle tasse, che varia in funzione dell’età e dell’incremento che si vuole ottenere. Ci sono due opzioni, che prevedono un incremento della copertura base di 360 o 600 euro, che porteranno rispettivamente la rendita mensile a 1.560 o 1.800 euro. Per aderire alla copertura aggiuntiva sarà necessario compilare, entro il mese di maggio di ogni anno, un questionario sanitario e all’accettazione da parte dell’assicurazione. È possibile aderire direttamente dall’area riservata del sito Enpam, ed il contributo aggiuntivo si può versare, sempre entro il mese di maggio, tramite carta di credito o bonifico bancario. In caso di rinnovo dall’anno precedente, si legge sul sito della Fondazione, non è necessario compilare un nuovo questionario sullo stato di salute, ma solamente la modulistica di rinnovo.

Una garanzia per le famiglie e per il patrimonio

La polizza LTC si tratta, è chiaro, di una importante garanzia per gli iscritti all’Enpam e per le loro famiglie, ma anche, sottolinea la Fondazione, di una garanzia per il patrimonio dei professionisti custodito dall’Enpam. Gli oneri presenti e futuri, infatti, sono a carico dell’assicurazione, senza ulteriori costi per la Fondazione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, Italia Longeva: «Stress test per la long-term care. La fragilità negletta dei nostri anziani ha mandato in tilt il sistema»
Circa 10 milioni di over-65 con multimorbilità e disabilità. Il Presidente Bernabei: «Dotare la medicina territoriale di strumenti concreti e chiare direttive organizzative. Le risorse in arrivo dall’Europa sono un’occasione da non sprecare»
Firenze ospita la conferenza internazionale “Long Term Care. Aging in place” e diventa laboratorio mondiale per nuovi modelli di welfare
La long term care, l’assistenza a lungo termine per gli anziani non autosufficienti, è da tempo nell’agenda delle politiche pubbliche dei paesi industrialmente avanzati e si prevede sia destinato a crescere lo squilibrio tra domanda di assistenza, che aumenta a causa del progressivo invecchiamento della popolazione, e le risorse pubbliche a disposizione alle quale necessariamente […]
Vaccini, Assessore Saccardi (Sanità Toscana): «Verificheremo. Se si vuole rivedere l’obbligo lo si faccia in modo chiaro»
«Le famiglie da noi non portano nulla poiché l’anagrafe vaccinale è pienamente realizzata. Non può essere questo il sistema per evitare l’applicazione di una norma che finché c’è va applicata», spiega l'assessore intervenendo sulla circolare disposta in materia dal Ministro della Salute Giulia Grillo
Long-Term Care, Nicoletta Luppi (MSD): «Puntare sull’impatto dell’innovazione nella gestione della cronicità»
«Servono nuove risposte per affrontare il problema della sostenibilità della cronicità e garantire l’accesso all’innovazione per tutti lungo il percorso di prevenzione e cura». Così Nicoletta Luppi, Presidente e Amministratore Delegato di MSD Italia
Long-Term Care, l’Italia vi destina solo il 10% della spesa sanitaria. E nel 2050 per ogni 100 lavoratori ci saranno 63 anziani da sostenere
L'invecchiamento è una bomba che sta per deflagrare e l'Italia è fanalino di coda in Europa per quanto riguarda l'organizzazione di una rete capillare e sostenibile di servizi sul territorio, a partire dalle cure domiciliari. I dati ISTAT e Italia Longeva presentati al Ministero della Salute nel corso della terza edizione degli Stati Generali dell’assistenza a lungo termine
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali