Lavoro 3 Febbraio 2022 12:14

Pochi infermieri e stipendi bassi, la Lombardia chiede un intervento al Governo

Monti (presidente Commissione Sanità) «Con una mozione approvata all’unanimità dal Consiglio Regionale chiediamo un piano di assunzione e un adeguamento degli stipendi agli standard europei». Soddisfatte le professioni infermieristiche

Pochi infermieri e mal pagati. Regione Lombardia corre ai ripari e chiede alla Giunta, con una mozione approvata all’unanimità dal Consiglio Regionale, di intervenire alla Conferenza Stato-Regioni affinché venga fatto un reale piano di assunzione e un adeguamento degli stipendi del personale infermieristico e delle professioni sanitarie agli standard europei. La conferma arriva da Emanuele Monti, presidente della Commissione Sanità e delle politiche sociali al Pirellone. «Mi fa piacere che questa mozione sia stata sposata bipartisan per portare una voce forte a Roma. La nostra regione, che è la più grande, come un paese europeo, chiede dignità per i propri infermieri».

In Lombardia mancano 9500 infermieri

In Lombardia mancano all’appello 9500 figure professionali, 3500 nelle RSA, 4500 nelle strutture sanitarie e 1500 infermieri di famiglia, un deficit che deve essere colmato al più presto. «Abbiamo elencato una serie di temi che a livello nazionale il governo può prendere in mano velocemente senza costi o spese addizionali nell’immediato – riprende Monti -. Parliamo ad esempio del tema dell’esclusività: oggi mentre un medico che lavora nella struttura pubblica, è libero di attivare la sua professione anche sul territorio, l’infermiere non può farlo. In questo momento di riforma sanitaria, di sviluppo delle case di comunità, di strutture intermedie, di integrazione tra socio sanitario e socio assistenziale, dare la possibilità ai nostri infermieri di essere parte attiva nel sistema pubblico e al tempo stesso di potenziare la medicina territoriale con una loro presenza nelle scuole e negli enti locali, credo sia un tema fondamentale di diritto che oggi la legge nazionale non prevede, ma che noi con questa mozione chiediamo al governo di cambiare».

Più specializzazione

Tra gli obiettivi della mozione anche una maggiore specializzazione degli infermieri. Un traguardo oggi indispensabile per adeguarsi agli standard europei. «Dobbiamo aggiornare una legge che si è fermata– aggiunge – Penso banalmente all’università dove puntiamo ad avere professori che siano infermieri, mentre oggi abbiamo medici che formano infermieri».

Stipendi: Italia tra gli ultimi in Europa

Il tema degli stipendi rappresenta un elemento chiave su cui andare ad intervenire per equipararli ad un mercato europeo che vede oggi un professionista italiano percepire 27 mila euro l’anno contro i 32 mila della Francia, i 34 mila della Spagna, i 45 mila della Germania, 48 mila dell’Irlanda e addirittura i 91 mila del Lussemburgo. Fanno peggio solo Grecia con 19 mila euro ed Estonia con 16 mila. «È fondamentale fare delle scelte tenendo conto anche dei territori – prosegue Monti – è chiaro che un infermiere a Milano deve avere una valutazione del costo della vita che è diverso ad un infermiere che vive a Firenze o Bari, anche una valutazione all’interno degli stipendi pubblici che tenga conto il luogo di lavoro e il costo della vita rapportato ad altre è un altro elemento per cui all’interno delle scelte che il governo deve fare si vada a premiare anzitutto chi vive dove il costo della vita è molto più elevato»

Gli infermieri «Buon inizio»

Secondo una indagine della Fondazione Gimbe almeno il 50 % dei tagli negli ultimi anni sono stati scaricati sul personale dipendente e in particolare su medici ed infermieri.  Il segnale che oggi Regione Lombardia sta dando rappresenta dunque per le Professioni sanitarie una risposta importante. «È il miglior inizio da cui partire – commenta Aurelio Filippini, presidente dell’Ordine delle Professioni infermieristiche di Varese – Ci è piaciuto molto che la commissione Sanità focalizzasse l’attenzione sugli infermieri. Teniamo molto alla valorizzazione delle competenze perché ha una ricaduta diretta sulla salute dei cittadini. Ora è il momento di presidiare affinché alle parole seguano i fatti, noi vogliamo collaborare e sostenerli per arrivare all’obiettivo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»
Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»
Dalla Sicilia alla Lombardia: la “tratta” della PMA
Aurora denuncia a Sanità Informazione la sua storia ai limiti della legalità: in Sicilia la Procreazione medicalmente assistita è sempre stato un bene lusso e chi non poteva permetterselo andava fuori Regione. Ma dal 9 maggio l’assessorato alla Sanita siciliano ha bloccato la mobilità sanitaria. Aurora, Giacomo D’Amico, presidente di Hera e Antonino Guglielmino, presidente nazionale della SIRU svelano tutte le carte
Consiglio di Stato boccia i reparti gestiti dagli infermieri. CIMO-FESMED: «Competenze mediche non siano affidate ad altri professionisti»
Il sindacato commenta la sentenza: «La gestione del percorso terapeutico e clinico del pazienti deve essere in capo ai medici»
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
Lombardia indietreggia, infermieri come supporto e non supplenti dei mmg
La Direzione Generale del Welfare in Lombardia risponde alle critiche dei medici, precisando in una nota che gli infermieri possono aiutare e non sostituire i medici di famiglia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 luglio, sono 550.055.526 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.340.167 i decessi. Ad oggi, oltre 11,76 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...