Lavoro 12 Maggio 2022 10:22

PNRR e assistenza anziani. Capurso (ANASTE): «Poche risorse: solo una prestazione a settimana per paziente»

La carenza di assistenza domiciliare non è controbilanciata da una presenza adeguata sul territorio di RSA. Il presidente ANASTE: «In Italia il numero di residenze raggiunge appena il 50% della media dei paesi dell’OCSE. Mancano geriatri e infermieri»

«Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza punta sull’assistenza domiciliare. Eppure, stando alle cifre, ai nostri anziani non autosufficienti spetterà una sola prestazione a settimana». È Sebastiano Capurso, presidente ANASTE, l’Associazione Nazionale Strutture Territoriali e per la Terza età, a mettere in evidenza le contraddizioni del Piano che nei prossimi cinque anni dovrebbe rivoluzionare e ammodernare il nostro Sistema Sanitario Nazionale.

PNNR: le misure per gli anziani sono insufficienti

L’incremento dell’assistenza domiciliare agli anziani è esplicitamente previsto nel testo del PNRR. «Tuttavia – sottolinea Capurso -, i fondi dedicati a questo capitolo di spesa sono totalmente insufficienti. Per rendersene conto basta dividere le somme stanziate per il numero di anziani che, potenzialmente, dovrebbero beneficiarne. Si scoprirà che per ognuno di questi pazienti sarà possibile erogare circa un servizio domiciliare a settimana. Una goccia nel mare, se si considera che le persone non autosufficienti, nella maggior parte dei casi, hanno bisogno di assistenza h24».

Le RSA sono troppo poche

Ma non è tutto: la carenza di assistenza domiciliare non è controbilanciata da una presenza adeguata sul territorio di strutture in grado di accogliere e assistere questi anziani malati, come ad esempio le RSA. «In Italia il numero di residenze sanitarie assistenziali raggiunge appena il 50% della media del Paesi dell’OCSE.  Mentre l’assistenza domiciliare raggiunge solo il 25% degli standard previsti in Europa», dice il presidente dell’Associazione Nazionale Strutture Territoriali e per la Terza età.

Ospedali e case di comunità: cattedrali nel deserto

La carenza di assistenza territoriale e domiciliare è una conseguenza diretta della mancanza di personale sanitario impiegato nel SSN. «Molti degli investimenti previsti dal PNRR puntano a finanziare nuove infrastrutture. Ma se uno dei problemi più evidenti della sanità italiana è la penuria di medici e professionisti sanitari – sottolinea Capurso – una domanda sorge spontanea: chi lavorerà in queste nuove strutture, come gli ospedali e le case di comunità, previste dal PNNR? – chiede il presidente ANASTE -. Si corre il serio rischio che questi edifici restino delle cattedrali nel deserto, prive sia di pazienti che di personale».

Mancano geriatri e infermieri

Per rispondere ai bisogni di salute degli anziani servirebbe un numero maggiore di specialisti e professionisti sanitari. «In Italia ci sono pochi geriatri e infermieri. E per sopperire alle carenze serve un sistema di formazione che sia strutturato in modo tale da fronteggiare, nel giro di qualche anno, tali mancanze. E a nulla servono le scorciatoie come quella della Regione Veneto che ha tentato di arginare l’insufficienza di personale infermieristico attraverso corsi di formazione specialistica per OSS, creando la figura del cosiddetto super OSS o OSS super specializzato. Cambiare l’etichetta di una professione non può corrispondere ad una reale acquisizione di competenze molto più complesse (come quelle infermieristiche) di quelle finora attribuitegli. Si tratta di soluzioni tampone, di coperture di facciata, che non risolvono nemmeno in parte un problema di lunga data, come quello della carenza di personale sanitario, con cui il nostro SSN – conclude il presidente ANASTE – convive ormai da troppi anni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
PNRR e Legge Gelli, Hazan: «La responsabilità professionale cambierà. Occorrono riflessioni importanti»
Il Presidente della Fondazione Italia in Salute fa un bilancio di cosa è cambiato dall’approvazione della legge sulla responsabilità professionale ad oggi e spiega come dovrà cambiare il sistema alla luce delle risorse in arrivo con il PNRR
Esame di Stato, i laureati in ottica e optometria continuano a essere discriminati
«Una rappresentazione plastica delle contraddizioni che attraversano il mercato del lavoro e delle professioni nel nostro Paese è quella che penalizza i laureati in ottica e optometria»
di Dott. Simone Santacatterina, Presidente Associazione Laureati in Ottica e Optometria - ALOeO
Sileri: «Il territorio al centro della nuova sanità, ma bisogna investire sul personale»
Per il Sottosegretario Sileri la sanità ha bisogno di investire sul personale, aumentando le retribuzioni e puntando sulla formazione
Salute mentale, la grande esclusa dal PNRR. L’idea di istituire un’agenzia nazionale dedicata
Istituzioni e società scientifiche a confronto durante il congresso organizzato dalla SINPF
Formazione ECM, sanità territoriale e intesa pubblico-privato. La ricetta di D’Amato per non sprecare il PNRR
Sanità Informazione ha chiesto all’assessore alla Sanità del Lazio D'Amato cosa ci ha insegnato la pandemia e come utilizzare al meglio i fondi in arrivo dall’Europa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...