Lavoro 1 febbraio 2018

I numeri del personale sanitario diminuiscono mentre l’età media aumenta. Il Conto della Ragioneria di Stato

Dal 2009 il Servizio Sanitario Nazionale ha perso 45mila operatori. -4.800 solo nel 2016. Aumenta invece l’età media: dai 43,5 anni nel 2001 si sale ai 50,6 anni nel 2016

«Per gli enti del Servizio sanitario nazionale la riduzione avvenuta nel 2016 (4.808 unità) rispetto al 2015 è la seconda più elevata in termini assoluti tra tutti i comparti, ed è poco meno della metà di quella registrata l’anno precedente, la più consistente dell’intero periodo considerato (10.325 unità)».

Gli allarmi sulla carenza di medici e infermieri si moltiplicano, ma a certificare l’emorragia di operatori sanitari nero su bianco è il Conto economico del personale della Pubblica Amministrazione 2016, pubblicato dalla Ragioneria generale dello Stato.

Il calo di quasi 5mila unità, che rappresenta un -4,9% dal 2007, ha riguardato per lo più il personale non dirigente (4131 operatori in meno), soprattutto infermieri (-1723). Per i medici il bilancio 2016 indica -294 camici bianchi, con un netto aumento però dei ‘camici rosa’: +937. Dunque a ‘svanire’ sono stati soprattutto i medici maschi (-1.231). Sempre nel 2016, rispetto all’anno precedente, si segnalano 67 veterinari in meno, 47 odontoiatri in meno e 202 dirigenti sanitari non medici in meno. Controcorrente la situazione dei manager (+53 rispetto al 2015): ovvero +15 direttori generali, +6 direttori sanitari, +10 direttori amministrativi e +22 direttori sociosanitari.

Fattore rilevante, per il comparto in esame, «è rappresentato dalla sottoposizione o meno delle Regioni alla disciplina del piano di rientro della spesa sanitaria», si legge nel report.

Infine, nel 2016 aumenta l’età media del personale SSN, che cresce un po’ in tutto il pubblico impiego. Dai 43,5 anni nel 2001 si sale a 50,6 anni nel 2016. Il «forte invecchiamento nel pubblico impiego – si legge nel documento – potrebbe rendere progressivamente più difficoltoso l’affiancamento, e quindi la trasmissione della conoscenza dei complessi processi lavorativi propri dell’impiego pubblico» tra personale esperto e neoassunti.

Articoli correlati
Sanità, i dati choc del sondaggio Anaao: due medici su tre denunciano aggressioni
Camici bianchi sempre più nel mirino secondo l’indagine condotta su un campione di iscritti al sindacato: il 66,19% riferisce aggressioni verbali mentre il 33,81% fisiche. La percentuale si incrementa al 72,1% nel Sud e nelle Isole. Record in psichiatria e Pronto soccorso
Imparare la rianimazione cardio polmonare. «Per salvare una vita si inizia anche a scuola»
Formazione alla cittadinanza e aggiornamento professionale al centro dell’operato dell’American Heart Association. Manzi: «Nuove tecnologie essenziali per il nostro lavoro»
Personale sanitario in calo, dall’e-learning la chiave per rimediare al deficit 
I dati di uno studio condotto dall’Imperial College di Londra dimostrano che la formazione a distanza è più efficace e veloce di quella tradizionale
Personale sanitario: in cinque anni persi 24mila posti di lavoro 
Previsto un ulteriore calo per il 2014. Dal 2007 al 2013 la spesa è però aumentata dell’1,2 per cento.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila