Lavoro 18 Novembre 2021 15:41

Ostetriche in Usca, continuità assistenziale in ospedale: le richieste di FNOPO ad Agenas

La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica ha avviato una collaborazione con l’Agenas nell’ambito del “Progetto sulla definizione di una metodologia per la determinazione del fabbisogno del personale sanitario”. La presidente FNOPO: «Abbiamo offerto il nostro contributo per illustrare le peculiarità e le problematiche della nostra professione»

di Isabella Faggiano

Che ci sia carenza di personale medico e sanitario è, ormai, un dato di fatto. Che le Istituzioni si stiano impegnando, in primis attraverso il PNRR, a colmare tale carenza, è un ulteriore dato di fatto. Ma ciò che resta ancora da chiarire è in quali luoghi di cura andrà ad operare il nuovo personale assunto. Per questo, l’Agenas, l’Agenzia nazionale per i Servizi Sanitari Regionali, ha ideato il “Progetto sulla definizione di una metodologia per la determinazione del fabbisogno del personale sanitario”.

Il contributo della FNOPO

Al tavolo Agenas, nei giorni scorsi, si è unita anche la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO): «Abbiamo offerto la nostra collaborazione per illustrare le peculiarità e le problematiche della nostra professione – racconta la presidente FNOPO, Silvia Vaccari -. Riteniamo fondamentale che l’Agenas possa avvalersi anche delle esperienze dei professionisti sanitari per calcolare il reale fabbisogno di personale». Sono tre i possibili ambiti di intervento individuati dai vertici della FNOPO: il territorio, l’ospedale e i modelli organizzativi.

Il territorio

L’implementazione dell’assistenza territoriale è già prevista dal PNRR e il ruolo dell’ostetrica è inserito con la presa in carico della donna, della coppia, del feto e del neonato nell’ambito del suo contesto familiare, durante il periodo prenatale (percorso nascita fisiologico a gestione ostetrica) e postnatale, con particolare riguardo alla tutela della salute della popolazione femminile, dall’adolescenza alla post menopausa. «È necessario implementare l’accoglienza e la presa in carico delle donne, delle coppie e delle famiglie in base al numero di cittadini effettivamente presenti in ogni territorio. Offrire un’assistenza adeguata a livello territoriale significa anche diminuire il carico di lavoro che grava sulle strutture ospedaliere – assicura Vaccari -. Le ostetriche dovrebbero essere presenti nelle Usca (Unità speciali di continuità assistenziale), a domicilio ed anche nelle scuole e nei luoghi frequentati dai giovani per  parlare di sessualità e medicina di genere. Il ruolo delle ostetriche è fondamentale sia nel periodo prenatale, quindi accanto alle donne prima che siano ricoverate per il parto, ma anche al fianco di chi soffre di particolari patologie, come quelle oncologiche».

Le strutture ospedaliere

L’ospedale è il secondo ambito di intervento proposto dalla Fnopo. «In questo contesto il ruolo dell’ostetrica non può essere limitato alla sala parto, ma si estende ad altri setting, come il triage ostetrico, la sala operatoria ostetrica, i reparti di Ostetricia e di Ginecologia, gli Ambulatori, la Procreazione medicalmente assistita. L’assistenza al travaglio-parto – sottolinea Vaccari – richiede il calcolo delle risorse umane secondo le raccomandazioni di un modello assistenziale “one to one”, con la realizzazione di una effettiva continuità assistenziale. Nell’epoca post natale, momento in cui le donne spesso vivono in solitudine – e la pandemia ci ha rivelato quanto questa solitudine possa essere dannosa -, l’ostetrica deve essere presente sia per prevenire la Maternity Blues, che per osservare tutti i componenti della famiglia ed individuare eventuali bisogni di salute. Poi, deve restare accanto alla donna anche durante la menopausa, periodo di grande cambiamento nella vita al femminile ed anche per la coppia».

La revisione organizzativa

Infine, il terzo ambito di cui si è discusso tra i vertici Agenas e FNOPO è quello della gestione dell’organizzazione. «La pandemia ha  modificato molti modelli organizzativi e ha fatto emergere la necessità di incrementare alcuni ruoli come quello dell’ostetrica dirigente, già presente in diversi centri vaccinali, dell’ostetrica per le cure domiciliare e per gli ospedali di comunità. La pandemia ha creato degli stravolgimenti, ma ci ha anche insegnato l’importanza della collaborazione multidisciplinare tra professioni in ambito sanitario. Per questo, al termine del nostro incontro con l’Agenas abbiamo concordando sull’opportunità di proseguire il percorso di collaborazione intrapreso, certamente utile – conclude la presidente FNOPO – anche ai fini della tutela della salute pubblica».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nuovo Quaderno di Monitor, cure primarie in Europa comparate da Agenas
Con il nuovo Supplemento alla rivista Monitor, l’Agenzia intende effettuare un’analisi comparativa dei modelli organizzativi dell’assistenza primaria in sei Paesi europei: Francia, Germania, Italia, Regno Unito, Spagna e Svezia
Attività intramuraria libero-professionale, da Agenas il Rapporto sullo stato dell’arte in Italia
Progressivo adeguamento ai parametri richiesti dalla legge. Restano da superare difformità territoriali e recuperare lacune assistenziali post Covid-19
Formazione professioni sanitarie, FNOPO: «Ddl Boldrini non rispecchia nostre necessità»
La Presidente Vaccari: «Se il testo del DDL intende essere una riforma tout court di tutte le professioni sanitarie, ribadiamo con forza la sua inadeguatezza poiché non rispetta né rispecchia le specificità di tutte le professioni citate né la normativa vigente»
Quarta ondata, aumentano le gravide positive. Masé (FNOPO): «Centrale il ruolo delle ostetriche per assicurare anche supporto emotivo»
La vice presidente FNOPO: «Le condizioni di isolamento sociale in cui le donne e le coppie trascorrono la gravidanza, a causa della pandemia in atto, hanno un impatto significativo sul vissuto emotivo: il disagio, se trascurato, può sfociare in depressione post-partum»
2021: l’anno del “Baby Bust”? Vaccari (FNOPO): «-12.500 nuovi nati in 9 mesi»
La presidente FNOPO: «La denatalità riscontrata in questi due anni di pandemia ha colpito maggiormente le prime gravidanze. La solitudine non ha scoraggiato le donne al secondo o al terzo figlio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 522.071.859 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.267.246 i decessi. Ad oggi, oltre 11,41 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...