Lavoro 21 Giugno 2019

Ostetrica condannata per omicidio colposo, Vicario (FNOPO): «Dobbiamo imparare a difenderci da sole»

Ai nostri microfoni la Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica commenta la recente sentenza della Cassazione

di Diana Romersi e Arnaldo Iodice

L’ostetrica negligente che provoca la morte del feto risponde di omicidio colposo e non di aborto colposo. Lo ha stabilito la Cassazione che ha confermato la condanna a un anno e nove mesi di reclusione (con pena sospesa) nei confronti di un’ostetrica rea di non aver adeguatamente monitorato il battito cardiaco di un feto mentre la madre era in travaglio e le era stata somministrata l’ossitocina per aumentare le contrazioni.

Secondo la Suprema Corte nel contesto attuale «di totale ampliamento della tutela dei diritti della persona e della nozione di soggetto meritevole di tutela, che dal nascituro e al concepito si è poi estesa fino all’embrione», il feto, «benché ancora nell’utero», deve essere considerato un «uomo» durante il travaglio della gestante, nel momento cioè della «transizione dalla vita uterina a quella extrauterina». Ma come è stata presa questa sentenza dalla categoria? Lo abbiamo chiesto a Maria Vicario, Presidente FNOPO (Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica).

«Le posso dire che da una prima lettura della sentenza, – commenta la presidente FNOPO a margine della presentazione del nuovo Codice deontologico della Professioni Infermieristiche – che risale ad un evento del 2008 e ad una sentenza di primo grado del 2015, emergono delle situazioni che vanno sicuramente analizzate nel particolare. Da una prima lettura, dicevo, posso ricavare degli elementi di riflessione che mi portano a dire che le ostetriche dovrebbero in primis imparare a farsi difendere dalle stesse ostetriche e non da altri operatori che non sono appartenenti al loro profilo professionale».

LEGGI: OSTETRICIA, ALLA PROFESSIONE RICONOSCIUTI TRE MASTER. VACCARI (FNOPO): «CON QUELLO DI FAMIGLIA COLMIAMO VUOTO A LIVELLO TERRITORIALE»

Nello specifico, «l’ostetrica che si interessa di tutela della collega eventualmente coinvolta in un contenzioso conosce i limiti, conosce i provvedimenti che regolano la professione ma, soprattutto, conosce quelli che sono i rapporti di interdisciplinarietà con altri soggetti che interagiscono all’interno del team della sala parto, e non solo. Tutto questo è qualche cosa che prescinde dalla sala parto ma può interessare tutto il percorso nascita, quindi sia a livello consultoriale che a livello di unità operative di ostetricia e ginecologia».

 

Articoli correlati
Fnopo su legge 251/2000: «Norma sia applicata a tutte le aree di professioni sanitarie e sociosanitarie»
A 20 anni dalla promulgazione della legge 251/2000, Maria Vicario (presidente Fnopo): «Urgente rivisitazione politica e sindacale»
Recovery Fund, Fnopo: «Evento storico. Implementare ostetrica di famiglia e di comunità»
«D’ora in poi non sarà più possibile, né credibile, rimandare la realizzazione di progetti di riforma della rete assistenziale portando a motivazione la mancanza di fondi adeguati» precisa la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica (FNOPO)
La Suprema Corte riconosce il ristoro economico del medico per le ferie non godute
di Avv. Marco Croce - Consulcesi & Partners
di Avv. Marco Croce - Consulcesi & Partners
Ostetriche. Vaccari (FNOPO): «Necessarie 20mila assunzioni nei consultori»
La vice presidente della Federazione Nazionale: «Dotare le ostetriche del ricettario rosa per prescrivere gli esami utili in gravidanza. Altrimenti la donna sarà sempre costretta a migrare verso altri professionisti»
di Isabella Faggiano
Decreto Rilancio, FNOPO: «Buon inizio, ma occorre fare di più»
«Gli emendamenti al Decreto Rilancio, approvati dalla Commissione Bilancio della Camera, rappresentano un buon inizio per sanare le troppe discriminazioni operate dalla politica in era Covid-19 in tutti i provvedimenti finora adottati, e in via di adozione come il Decreto Rilancio, a danno della categoria Ostetrica, al pari di altre professioni sanitarie e sociosanitarie», commentano […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...