Lavoro 21 Giugno 2019

Ostetrica condannata per omicidio colposo, Vicario (FNOPO): «Dobbiamo imparare a difenderci da sole»

Ai nostri microfoni la Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica commenta la recente sentenza della Cassazione

di Diana Romersi e Arnaldo Iodice

L’ostetrica negligente che provoca la morte del feto risponde di omicidio colposo e non di aborto colposo. Lo ha stabilito la Cassazione che ha confermato la condanna a un anno e nove mesi di reclusione (con pena sospesa) nei confronti di un’ostetrica rea di non aver adeguatamente monitorato il battito cardiaco di un feto mentre la madre era in travaglio e le era stata somministrata l’ossitocina per aumentare le contrazioni.

Secondo la Suprema Corte nel contesto attuale «di totale ampliamento della tutela dei diritti della persona e della nozione di soggetto meritevole di tutela, che dal nascituro e al concepito si è poi estesa fino all’embrione», il feto, «benché ancora nell’utero», deve essere considerato un «uomo» durante il travaglio della gestante, nel momento cioè della «transizione dalla vita uterina a quella extrauterina». Ma come è stata presa questa sentenza dalla categoria? Lo abbiamo chiesto a Maria Vicario, Presidente FNOPO (Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica).

«Le posso dire che da una prima lettura della sentenza, – commenta la presidente FNOPO a margine della presentazione del nuovo Codice deontologico della Professioni Infermieristiche – che risale ad un evento del 2008 e ad una sentenza di primo grado del 2015, emergono delle situazioni che vanno sicuramente analizzate nel particolare. Da una prima lettura, dicevo, posso ricavare degli elementi di riflessione che mi portano a dire che le ostetriche dovrebbero in primis imparare a farsi difendere dalle stesse ostetriche e non da altri operatori che non sono appartenenti al loro profilo professionale».

LEGGI: OSTETRICIA, ALLA PROFESSIONE RICONOSCIUTI TRE MASTER. VACCARI (FNOPO): «CON QUELLO DI FAMIGLIA COLMIAMO VUOTO A LIVELLO TERRITORIALE»

Nello specifico, «l’ostetrica che si interessa di tutela della collega eventualmente coinvolta in un contenzioso conosce i limiti, conosce i provvedimenti che regolano la professione ma, soprattutto, conosce quelli che sono i rapporti di interdisciplinarietà con altri soggetti che interagiscono all’interno del team della sala parto, e non solo. Tutto questo è qualche cosa che prescinde dalla sala parto ma può interessare tutto il percorso nascita, quindi sia a livello consultoriale che a livello di unità operative di ostetricia e ginecologia».

 

Articoli correlati
Aggressioni e Consulta, al Ministero le prime riunioni. Speranza: «Da febbraio Ddl antiviolenza alla Camera»
Il Ministro ha convocato a Lungotevere Ripa i rappresentanti degli Ordini delle professioni sanitarie: cronicità e riforma della Formazione continua in primo piano. Sul Ddl aggressioni sottolinea: «Se tempi in Parlamento andranno per le lunghe non escludo decreto d’urgenza»
La FNOPO incontra Speranza: «Ostetriche anche negli studi di medici di famiglia e pediatri»
La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica ha registrato la massima attenzione del Ministro alle istanze della categoria. E ha chiesto il ritorno ad un percorso formativo quinquennale
Giornata contro la violenza sulle donne, le ostetriche: il 30% dei maltrattamenti ha inizio in gravidanza
Aumentano negli ultimi cinque anni le violenze sessuali denunciate: 4.886 unità nel 2018, con una crescita del 5,4% sul 2017. La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO): «Ostetriche da sempre sentinelle di episodi di violenza»
Tutela della salute materno-infantile, Cantù (Lega): «Serve prevenzione e formazione»
In occasione della Giornata Internazionale per i Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, la senatrice Maria Cristina Cantù ha riunito in Senato le principali associazioni di categoria per fare il punto sulle nuove strategie di formazione, anche a basso costo, del personale sanitario
Manovra 2020, luci e ombre del testo: dai Lea al personale. Tutte le voci della sanità…
Intanto, dal testo su cui lavoreranno entrambi i rami del Parlamento emerge quello che, molto probabilmente, sarà l’indirizzo finale della Legge, soprattutto per quel che riguarda la sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano