Lavoro 21 Giugno 2019 15:54

Ostetrica condannata per omicidio colposo, Vicario (FNOPO): «Dobbiamo imparare a difenderci da sole»

Ai nostri microfoni la Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica commenta la recente sentenza della Cassazione

di Diana Romersi e Arnaldo Iodice

L’ostetrica negligente che provoca la morte del feto risponde di omicidio colposo e non di aborto colposo. Lo ha stabilito la Cassazione che ha confermato la condanna a un anno e nove mesi di reclusione (con pena sospesa) nei confronti di un’ostetrica rea di non aver adeguatamente monitorato il battito cardiaco di un feto mentre la madre era in travaglio e le era stata somministrata l’ossitocina per aumentare le contrazioni.

Secondo la Suprema Corte nel contesto attuale «di totale ampliamento della tutela dei diritti della persona e della nozione di soggetto meritevole di tutela, che dal nascituro e al concepito si è poi estesa fino all’embrione», il feto, «benché ancora nell’utero», deve essere considerato un «uomo» durante il travaglio della gestante, nel momento cioè della «transizione dalla vita uterina a quella extrauterina». Ma come è stata presa questa sentenza dalla categoria? Lo abbiamo chiesto a Maria Vicario, Presidente FNOPO (Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica).

«Le posso dire che da una prima lettura della sentenza, – commenta la presidente FNOPO a margine della presentazione del nuovo Codice deontologico della Professioni Infermieristiche – che risale ad un evento del 2008 e ad una sentenza di primo grado del 2015, emergono delle situazioni che vanno sicuramente analizzate nel particolare. Da una prima lettura, dicevo, posso ricavare degli elementi di riflessione che mi portano a dire che le ostetriche dovrebbero in primis imparare a farsi difendere dalle stesse ostetriche e non da altri operatori che non sono appartenenti al loro profilo professionale».

LEGGI: OSTETRICIA, ALLA PROFESSIONE RICONOSCIUTI TRE MASTER. VACCARI (FNOPO): «CON QUELLO DI FAMIGLIA COLMIAMO VUOTO A LIVELLO TERRITORIALE»

Nello specifico, «l’ostetrica che si interessa di tutela della collega eventualmente coinvolta in un contenzioso conosce i limiti, conosce i provvedimenti che regolano la professione ma, soprattutto, conosce quelli che sono i rapporti di interdisciplinarietà con altri soggetti che interagiscono all’interno del team della sala parto, e non solo. Tutto questo è qualche cosa che prescinde dalla sala parto ma può interessare tutto il percorso nascita, quindi sia a livello consultoriale che a livello di unità operative di ostetricia e ginecologia».

 

Articoli correlati
Punti nascita, la voce di ginecologi e ostetriche: «Ridurli non peggiora l’assistenza»
A Sanità Informazione, la presidente AOGOI, Elsa Viora, e la presidente della FNOPO, Silvia Vaccari, commentano le parole del sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, sulla possibile rimodulazione dei punti nascita in Italia
di Isabella Faggiano
Giornata internazionale ostetrici, Fnopo: «Investimenti per migliorare la salute di tutti»
«Investire e valorizzare il ruolo delle ostetriche e modelli organizzativi di continuità assistenziale può ridurre del 67% le morti materne e del 64% le morti neonatali prevedibili»
Partorire in Italia, quali punti su cui lavorare ancora? Partoanalgesia, parto a domicilio e violenza ostetrica
L'appello di ginecologi e ostetrici: «Investire sul personale per favorire il rapporto one to one e il ripristino dell’alleanza terapeutica»
Ostetriche. Formazione, assistenza territoriale e ruoli dirigenziali: i cambiamenti nel mirino
La neo presidente della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica, Silvia Vaccari: «Revisione della laurea triennale, istituzione di un percorso di studi magistrale, incremento della nostra presenza professionale sul territorio e riconoscimento di ruoli dirigenziali alle ostetriche sono tra le nostre priorità»
di Isabella Faggiano
Rinnovati i vertici FNOPO: Silvia Vaccari è la nuova presidente nazionale
Vicepresidente della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica è Caterina Masé (Ordine Trento); segretaria Elsa Del Bo (Ordine Pavia); tesoriere Elio Lopresti (Ordine Palermo)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...