Lavoro 2 Febbraio 2016

Orari di lavoro, l’Asl Roma 6 punta su «strategie non convenzionali»

Inizia il nostro viaggio nelle aziende sanitarie. Il direttore sanitario Narciso Mostarda: «Avviati progetti pilota sperimentali per stroncare i turni massacranti». Personale in sofferenza, in tanti fanno ricorso per le violazioni pregresse: «Colpa del meccanismo, bisogna fare un passo avanti»

Immagine articolo

Blocco del turn over e orari di lavoro massacranti? Niente paura. La Sanità del Lazio raccoglie la sfida e, in attesa, di soluzioni concrete “dall’alto”, si rimbocca le maniche. Per fare cosa, ce lo ha raccontato il direttore sanitario della Asl Roma 6 di Albano Laziale, il dottor Narciso Mostarda. Di recente le ASL del Lazio riordinate per un’efficienza che tenti di affrontare al meglio le problematiche della Sanità.


«La riorganizzazione è un punto di forza soprattutto in un momento difficile come questo, dopo 8 anni di blocco del turnover e dei concorsi. Questo ha generato un vulnus rispetto al numero di professionisti utili per costruire nuovi progetti di salute ed una compressione dell’attività lavorativa. Questi fattori stanno inducendo le aziende sanitarie locali di questa regione, e immagino di tutte quelle in piano di rientro, a costruire strategie non convenzionali di tipo assistenziale».

Di che tipo?
«Abbiamo cominciato a ragionare con i professionisti, sia a quelli del comparto che a quelli della dirigenza, perché c’è la necessità di mettere insieme le aree omogenee, non più per specialità singola, ma per branche di specialità che afferiscono alla stessa area. Stiamo cercando di mettere insieme tutta l’area chirurgica negli ospedali, così come tutta l’area medica, lasciando a sé l’area critica che è quella dell’emergenza, del pronto soccorso. Questa riorganizzazione ovviamente cerca di ottimizzare le risorse, di generare dei percorsi assistenziali diversi. Lo stiamo sperimentando negli ospedali di Velletri ed Anzio: sono dei progetti pilota. Stiamo pensando sostanzialmente a un week hospital e ad un long hospital, cioè una week surgery e una long surgery. Questo ci consente di provare a comprimere la necessità di alcuni setting assistenziali per alcuni giorni della settimana, garantendo sull’emergenza invece un setting dilatato 24 ore per tutti i giorni della settimana. Ovviamente cambiare è difficile ed è anche faticoso».

Lei ha accennato alla necessità di uno sblocco del turnover. Anche le istituzioni hanno più volte confermato che questa è la soluzione. Ma ora ci si ritrova a fare i salti mortali per affrontare i nuovi orari di lavoro dettati dall’entrata in vigore della legge 161/2014 in applicazione della direttiva Ue 2003/88.
«Sull’orario di lavoro stiamo garantendo una cosa essenziale: il periodo di riposo di astensione dal lavoro a tutti per un tempo di 11 ore consecutive. Questo è un paletto. Intorno a questa necessità inderogabile stiamo però ricostruendo anche la turnistica. È ovvio che una volta si poteva e capitava spesso di sforare i turni ordinari. Questo avveniva per malattie o assenze improvvise: chi era in servizio non poteva lasciarlo perché il cambio di turno avveniva a vista. Oggi cosa accade? Teoricamente non è cambiato nulla. Noi non possiamo sguarnire le unità operative. Però l’organizzazione ha messo al centro questo tempo di riposo e di astensione dal lavoro che è fondamentale. Per cui stiamo ricorrendo anche ad alcune figure che sono dei jolly reperibili laddove ci fossero queste assenze improvvise. Piuttosto che pesare su dipendenti che hanno già fatto il loro turno, potrebbero garantire il riposo naturale a chi ha già lavorato. Sono delle misure che stiamo provando ad adottare. Siamo comunque molto fiduciosi che ci possa essere una riapertura per provare a recuperare delle risorse nuove».

Effettivamente si sta ancora cercando delle soluzioni attraverso le assunzioni. Nel frattempo numerosi medici stanno avviando ricorsi in virtù di un diritto sancito anche dall’Unione europea.
«Sì, questa è una situazione molto delicata e direi anche paradossale per certi versi. Professionisti che hanno sempre svolto e che continuano a svolgere con grande dedizione e abnegazione un lavoro impegnativo e faticoso. Ora sono costretti ad attivare dei percorsi anomali rispetto al riconoscimento di un diritto fondamentale alla tutela della propria salute da lavoratore per giunta impegnato al servizio della salute di altri. Questo meccanismo purtroppo mi sembra un po’ paradossale e sarebbe molto più interessante se riuscissimo a fare uno scatto in avanti, provando a dosare meglio, a restituire un po’ di linfa ai servizi perché penso che siamo arrivati al punto critico. Questo vale  a cominciare dai servizi di emergenza. Molti pronto soccorso degli ospedali di questa regione vanno in crisi durante la stagione influenzale».

Articoli correlati
Papa Francesco sulla sanità: «No ad aziendalizzazione e turni massacranti, sì a strumenti per formare adeguatamente il personale»
Il Pontefice ha parlato durante il suo incontro con l’Associazione cattolica degli operatori sanitari: «Trattare i malati come persone, e non come numeri»
#DestinazioneSanità | Emilia-Romagna, un’eccellenza sulle spalle dei (pochi) medici: «Qualità destinata ad abbassarsi»
GUARDA IL VIDEO | La prima tappa del reportage di Sanità Informazione, in collaborazione con CIMO, è l’Emilia-Romagna. Un racconto delle contraddizioni di una delle sanità regionali migliori d’Italia attraverso le voci dei medici, tra storie di eccellenza, carenza di personale, turni massacranti e la latenza del rinnovo del contratto
Troppe tasse e pochi diritti, a Verona scatta il primo “sciopero” degli specializzandi
I giovani medici di Verona protestano per la mancanza di una rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo: «Siamo contrari all'aumento della tassazione, chiediamo il rispetto delle garanzie contrattuali e di avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano»
Specializzandi, Lorenzo Paglione (Chi si cura di te?): «Spesso sopperiscono a carenze di personale ma non hanno forme di welfare diretto»
L'associazione “Chi si cura di te”? nasce per promuovere i diritti dei giovani professionisti della salute, mirando al miglioramento della formazione medica e, di conseguenza, del SSN. «Oggi, il medico è una figura ibrida che deve ritrovare una propria identità e il suo ruolo di garante dell’equità dell’universalismo del SSN e quindi della democrazia, all’interno di un contesto di crisi economica e fortemente cambiato negli anni» così L. Paglione ai nostri microfoni
Formazione, Delia Epifani (Smi): «Creare percorso formativo unico MMG-specializzandi per eliminare disparità»
La coordinatrice regionale del settore formazione per il Sindacato dei Medici Italiani: «C’è una disparità retributiva contributiva e previdenziale importante. L’unica soluzione è coniugare la programmazione e l’alto standard formativo di entrambi i percorsi che devono diventare uno solo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...