Lavoro 10 marzo 2015

Turni massacranti: medici sempre più in affanno, ma ora anche le aziende sanitarie sono dalla loro parte

Maratone infinite in corsia per la violazione della direttiva Ue 88/2003: attraverso i ricorsi si possono ottenere fino a 80mila euro dallo Stato

Immagine articolo

L’impressione è sempre quella di essere arrivati all’ultimo chilometro. Eppure la maratona in corsia non finisce mai. Hanno il fiato lungo, ma non si fermano i medici italiani.

Continuano con abnegazione, sacrificio e grande professionalità a prestare servizio, fronteggiando un’emergenza continua. Arrivano ad accumulare anche 11-12 ore di lavoro al giorno. Vanno oltre ogni limite. Anche quelli imposti dall’Unione europea con una precisa direttiva: la 88/2003. L’Italia – come capita ormai di consueto – ha recepito in ritardo quanto imposto dall’Ue in tutti gli ambiti professionali, tranne in quello sanitario. La legge per la Finanziaria del 2008 (l. n. 244/2007) e quella n. 112/2008 hanno infatti vanificato gli effetti dell’adeguamento dell’Italia alla normativa europea, escludendo il personale del ruolo sanitario del SSN.

La direttiva in questione stabiliva un orario settimanale, comprensivo di straordinario, non superiore alle 48 ore settimanali, un minimo di undici ore consecutive di riposo al giorno e un ulteriore riposo settimanale di 24 ore. Limiti che vengono ampiamente superati dai camici bianchi, ai quali – solo nei mesi scorsi – è venuto incontro il Governo. Per evitare le sanzioni dell’Ue è stata emanata una legge, la 161 del 30 ottobre del 2014, attraverso cui anche per gli operatori sanitari sarà valido quanto prevedeva per gli Stati membri la direttiva 88/2003. Non va però sottovalutato un particolare, affatto piccolo: l’adeguamento avverrà solo il prossimo anno.

Quel famoso “ultimo chilometro” non finisce davvero mai. E chi conosce la situazione del Ssn sa bene che proseguendo con la politica dei tagli sarà comunque un’impresa arginare la piaga dei turni massacranti. Il recente via libera al decreto per la stabilizzazione dei precari rappresenta, senza dubbio in tal senso, una notizia confortante, ma saranno necessarie altre misure. Nel frattempo, bisogna, continuare a rimboccarsi le maniche del camice bianco. Ora, però, c’è la possibilità di vedersi almeno riconoscere economicamente i sacrifici sostenuti: ogni medico può arrivare a farsi rimborsare fino ad 80mila euro per le ore lavorate in più. La legge è dalla loro parte, insieme alle stesse aziende sanitarie che stanno spingendo il personale a chiedere i rimborsi allo Stato inadempiente. In tanti hanno già imboccato la strada dei ricorsi, molti altri lo stanno per fare.

Per informazioni è a disposizione il numero verde 800.189.091 ed il sito www.consulcesi.it

Articoli correlati
«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout
«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla, gli occhi le si riempiono di lacrime. Arriva l’infermiere specializzata, le prende la mano. In questo vortice di emozioni, io non provo niente. Non […]
Sanità, Rizzotti (Forza Italia): «Rivedere Ssn senza ideologie. Lotta ad anoressia e bulimia tra le mie priorità»
Sui disturbi alimentari impegno di lungo corso della senatrice forzista che auspica una «legge condivisa». Poi chiede che si torni sul tema della terapia del dolore e delle cure palliative: «Serve relazione per capire impatto della legge»
Straordinari obbligatori e riposi interrotti: tutti i nodi nei contratti di medici e personale sanitario
Gli infermieri di Nursing Up con Antonio De Palma: «Violate le 11 ore continuative di riposo. Intraprenderemo azioni legali in Italia e in Europa». Papotto (Cisl Medici): «Chiederemo il diritto al riposo anche dopo la reperibilità notturna»
Lecco, infermiera sviene per troppo lavoro. A Merate un’altra aggressione
Stress da lavoro e ancora aggressioni per i camici bianchi. Le notizie degli ultimi giorni parlano di un’infermiera dell’ospedale di Merate aggredita dai parenti dei pazienti in fila al pronto soccorso e di un’operatrice socio sanitaria del’ospedale di Lecco svenuta nei giorni scorsi al culmine di un turno estenuante di lavoro. I motivi? Non pochi. […]
Il medico che non fruisce del riposo settimanale può essere risarcito?
La fruizione del riposo settimanale è un diritto indisponibile, riconosciuto e tutelato sia dall’art. 36 della Costituzione che dall’art. 5 della direttiva 2003/88/CE e pertanto l’azienda sanitaria deve garantirlo. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 14770 del 14 giugno 2017 ha affermato che la previsione di un compenso maggiorato per l’attività prestata in […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...