Lavoro 10 Marzo 2015

Turni massacranti: medici sempre più in affanno, ma ora anche le aziende sanitarie sono dalla loro parte

Maratone infinite in corsia per la violazione della direttiva Ue 88/2003: attraverso i ricorsi si possono ottenere fino a 80mila euro dallo Stato

Immagine articolo

L’impressione è sempre quella di essere arrivati all’ultimo chilometro. Eppure la maratona in corsia non finisce mai. Hanno il fiato lungo, ma non si fermano i medici italiani.

Continuano con abnegazione, sacrificio e grande professionalità a prestare servizio, fronteggiando un’emergenza continua. Arrivano ad accumulare anche 11-12 ore di lavoro al giorno. Vanno oltre ogni limite. Anche quelli imposti dall’Unione europea con una precisa direttiva: la 88/2003. L’Italia – come capita ormai di consueto – ha recepito in ritardo quanto imposto dall’Ue in tutti gli ambiti professionali, tranne in quello sanitario. La legge per la Finanziaria del 2008 (l. n. 244/2007) e quella n. 112/2008 hanno infatti vanificato gli effetti dell’adeguamento dell’Italia alla normativa europea, escludendo il personale del ruolo sanitario del SSN.

La direttiva in questione stabiliva un orario settimanale, comprensivo di straordinario, non superiore alle 48 ore settimanali, un minimo di undici ore consecutive di riposo al giorno e un ulteriore riposo settimanale di 24 ore. Limiti che vengono ampiamente superati dai camici bianchi, ai quali – solo nei mesi scorsi – è venuto incontro il Governo. Per evitare le sanzioni dell’Ue è stata emanata una legge, la 161 del 30 ottobre del 2014, attraverso cui anche per gli operatori sanitari sarà valido quanto prevedeva per gli Stati membri la direttiva 88/2003. Non va però sottovalutato un particolare, affatto piccolo: l’adeguamento avverrà solo il prossimo anno.

Quel famoso “ultimo chilometro” non finisce davvero mai. E chi conosce la situazione del Ssn sa bene che proseguendo con la politica dei tagli sarà comunque un’impresa arginare la piaga dei turni massacranti. Il recente via libera al decreto per la stabilizzazione dei precari rappresenta, senza dubbio in tal senso, una notizia confortante, ma saranno necessarie altre misure. Nel frattempo, bisogna, continuare a rimboccarsi le maniche del camice bianco. Ora, però, c’è la possibilità di vedersi almeno riconoscere economicamente i sacrifici sostenuti: ogni medico può arrivare a farsi rimborsare fino ad 80mila euro per le ore lavorate in più. La legge è dalla loro parte, insieme alle stesse aziende sanitarie che stanno spingendo il personale a chiedere i rimborsi allo Stato inadempiente. In tanti hanno già imboccato la strada dei ricorsi, molti altri lo stanno per fare.

Per informazioni è a disposizione il numero verde 800.189.091 ed il sito www.consulcesi.it

Articoli correlati
Papa Francesco sulla sanità: «No ad aziendalizzazione e turni massacranti, sì a strumenti per formare adeguatamente il personale»
Il Pontefice ha parlato durante il suo incontro con l’Associazione cattolica degli operatori sanitari: «Trattare i malati come persone, e non come numeri»
#DestinazioneSanità | Emilia-Romagna, un’eccellenza sulle spalle dei (pochi) medici: «Qualità destinata ad abbassarsi»
GUARDA IL VIDEO | La prima tappa del reportage di Sanità Informazione, in collaborazione con CIMO, è l’Emilia-Romagna. Un racconto delle contraddizioni di una delle sanità regionali migliori d’Italia attraverso le voci dei medici, tra storie di eccellenza, carenza di personale, turni massacranti e la latenza del rinnovo del contratto
Troppe tasse e pochi diritti, a Verona scatta il primo “sciopero” degli specializzandi
I giovani medici di Verona protestano per la mancanza di una rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo: «Siamo contrari all'aumento della tassazione, chiediamo il rispetto delle garanzie contrattuali e di avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano»
Specializzandi, Lorenzo Paglione (Chi si cura di te?): «Spesso sopperiscono a carenze di personale ma non hanno forme di welfare diretto»
L'associazione “Chi si cura di te”? nasce per promuovere i diritti dei giovani professionisti della salute, mirando al miglioramento della formazione medica e, di conseguenza, del SSN. «Oggi, il medico è una figura ibrida che deve ritrovare una propria identità e il suo ruolo di garante dell’equità dell’universalismo del SSN e quindi della democrazia, all’interno di un contesto di crisi economica e fortemente cambiato negli anni» così L. Paglione ai nostri microfoni
Formazione, Delia Epifani (Smi): «Creare percorso formativo unico MMG-specializzandi per eliminare disparità»
La coordinatrice regionale del settore formazione per il Sindacato dei Medici Italiani: «C’è una disparità retributiva contributiva e previdenziale importante. L’unica soluzione è coniugare la programmazione e l’alto standard formativo di entrambi i percorsi che devono diventare uno solo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano