Lavoro 10 Marzo 2015 18:26

Turni massacranti: medici sempre più in affanno, ma ora anche le aziende sanitarie sono dalla loro parte

Maratone infinite in corsia per la violazione della direttiva Ue 88/2003: attraverso i ricorsi si possono ottenere fino a 80mila euro dallo Stato

Turni massacranti: medici sempre più in affanno, ma ora anche le aziende sanitarie sono dalla loro parte

L’impressione è sempre quella di essere arrivati all’ultimo chilometro. Eppure la maratona in corsia non finisce mai. Hanno il fiato lungo, ma non si fermano i medici italiani.

Continuano con abnegazione, sacrificio e grande professionalità a prestare servizio, fronteggiando un’emergenza continua. Arrivano ad accumulare anche 11-12 ore di lavoro al giorno. Vanno oltre ogni limite. Anche quelli imposti dall’Unione europea con una precisa direttiva: la 88/2003. L’Italia – come capita ormai di consueto – ha recepito in ritardo quanto imposto dall’Ue in tutti gli ambiti professionali, tranne in quello sanitario. La legge per la Finanziaria del 2008 (l. n. 244/2007) e quella n. 112/2008 hanno infatti vanificato gli effetti dell’adeguamento dell’Italia alla normativa europea, escludendo il personale del ruolo sanitario del SSN.

La direttiva in questione stabiliva un orario settimanale, comprensivo di straordinario, non superiore alle 48 ore settimanali, un minimo di undici ore consecutive di riposo al giorno e un ulteriore riposo settimanale di 24 ore. Limiti che vengono ampiamente superati dai camici bianchi, ai quali – solo nei mesi scorsi – è venuto incontro il Governo. Per evitare le sanzioni dell’Ue è stata emanata una legge, la 161 del 30 ottobre del 2014, attraverso cui anche per gli operatori sanitari sarà valido quanto prevedeva per gli Stati membri la direttiva 88/2003. Non va però sottovalutato un particolare, affatto piccolo: l’adeguamento avverrà solo il prossimo anno.

Quel famoso “ultimo chilometro” non finisce davvero mai. E chi conosce la situazione del Ssn sa bene che proseguendo con la politica dei tagli sarà comunque un’impresa arginare la piaga dei turni massacranti. Il recente via libera al decreto per la stabilizzazione dei precari rappresenta, senza dubbio in tal senso, una notizia confortante, ma saranno necessarie altre misure. Nel frattempo, bisogna, continuare a rimboccarsi le maniche del camice bianco. Ora, però, c’è la possibilità di vedersi almeno riconoscere economicamente i sacrifici sostenuti: ogni medico può arrivare a farsi rimborsare fino ad 80mila euro per le ore lavorate in più. La legge è dalla loro parte, insieme alle stesse aziende sanitarie che stanno spingendo il personale a chiedere i rimborsi allo Stato inadempiente. In tanti hanno già imboccato la strada dei ricorsi, molti altri lo stanno per fare.

Per informazioni è a disposizione il numero verde 800.189.091 ed il sito www.consulcesi.it

Articoli correlati
Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)
Il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, in un’intervista a Sanità Informazione ripercorre le principali criticità del PNNR. Le proposte: «Modificare la legge 502/92 e studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, che permetta ai medici con un carico assistenziale inferiore al massimale di coprire un debito orario nelle case di comunità, retribuiti a quota oraria o capitaria»
«Può un infermiere nel 2022 morire di turni massacranti?»
Il nostro sindacato chiede a tutti gli infermieri italiani, in tutti gli ospedali e in tutte le strutture private, da Nord a Sud, di osservare un minuto di silenzio e di raccoglimento. Gli infermieri possono morire a causa dei turni massacranti? La scomparsa della collega Sara Sorge, deceduta in un incidente mortale, sembrerebbe accertato, dopo […]
di Antonio De Palma, presidente Nursing Up
Covid-19, Consulcesi: «Operatori sanitari allo stremo, tra turni massacranti e minacce da no vax»
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi: «Da quando è scoppiata la quarta ondata siamo stati sommersi da segnalazioni da parte di operatori sanitari: doppi turni non retribuiti, pressioni e minacce da parte dei no vax. È inaccettabile e per questo il nostro servizio di consulenza legale gratuita a disposizione di tutti coloro che necessitano di supporto»
Turni massacranti, muore chirurgo dopo 12 ore di lavoro. Quici (Cimo-Fesmed): «Medici ostaggio degli ospedali»
«Non è il primo collega, purtroppo, e non sarà l’ultimo. I medici sono abbandonati dagli ospedali, non riescono ad avere un adeguato riposo e queste sono le tragiche conseguenze. Apriremo una vertenza sulle condizioni dei medici ospedalieri»
Migliaia di medici lasciano gli ospedali, nasce Osservatorio per la “Great Resignation” in sanità
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi: «Si aggrava il problema dei turni massacranti e sempre più operatori sanitari si dimettono. A rischio il futuro del nostro Servizio sanitario nazionale». Attivo numero verde per consulenze gratuite
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Giornata mondiale emofilia, Cassone (FedEmo): “I dati dei pazienti confluiscano nel Registro Mec dell’Iss”

Al via all’ISS, con la collaborazione di AICE, un nuovo applicativo ideato appositamente per la raccolta dei dati, da mettere a disposizione dei Centri e delle Regioni. FedEmo: “Il Registr...
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...