Lavoro 20 Novembre 2019 11:00

Oftalmologia, Piovella (SOI): «Siamo una Ferrari ferma ai box perché ha le ruote sgonfie»

In occasione del 99° Congresso nazionale della Società Oftalmologica Italiana, il presidente Matteo Piovella lancia l’allarme: «Siamo tra i più bravi al mondo, ma senza maggiori risorse e migliore organizzazione potremmo non essere più in grado di garantire le cure migliori per salvare la vista degli italiani»

La società scientifica di specialità più antica d’Italia compie 150 anni e apre i battenti del 99° Congresso nazionale. Parliamo della Società Oftalmologica Italiana (SOI) che, tramite le parole del presidente Matteo Piovella, coglie la doppia occasione per ripercorrere questo secolo e mezzo «a salvaguardia della vista».

«Si tratta di un primato antico, virtuoso e incomparabile. Da 150 anni siamo il punto di riferimento per tutti i 7mila medici oculisti che, ogni anno, salvano la vista a 1.300.000 persone. Oggi siamo tra i Paesi più all’avanguardia del mondo, secondi solo a Stati Uniti e Giappone, ma iniziamo a far fatica a rispondere alle richieste sempre maggiori che vengono dai nostri pazienti, mantenendo quel livello qualitativo che ci contraddistingue».

Il presidente Piovella, nel corso della conferenza stampa di presentazione del congresso, ha infatti evidenziato il cambiamento che l’oftalmologia ha subìto negli ultimi anni: «L’innovazione e la tecnologia rappresentano una vera rivoluzione, ma comportano un aumento di costi cui difficilmente riusciamo a far fronte. Io ricordo che, quando ho iniziato a lavorare, per un anno di interventi della cataratta servivano solo quattro strumenti che compravamo negli Stati Uniti a 20 dollari l’uno, ma i risultati erano scarsi o addirittura quasi nulli in termini di efficacia. Poi sono arrivate nuove strumentazioni e tecnologie che ci consentono di operare 650mila pazienti con un margine di sicurezza adeguato e di restituire una capacità visiva di alta qualità. I costi, però, sono ovviamente aumentati. 20 anni fa il rimborso DRG per un intervento della cataratta è arrivato a 2mila euro. Man mano, tuttavia, i finanziamenti sono diminuiti e, oggi, il rimborso per la cataratta è di 700 euro».

LEGGI ANCHE: GIORNATA MONDIALE DELLA VISTA, LA SOI ORGANIZZA 30.000 VISITE SPECIALISTICHE PER CHI NON È MAI STATO DALL’OCULISTA

«Viviamo il paradosso – continua Piovella – di poter ottenere risultati indiscutibili ma di cui può usufruire solo un limitatissimo numero di pazienti, perché per motivi organizzativi e carenze di budget il sistema sanitario italiano prevede un rimborso non sufficiente a sostenere il continuo aggiornamento organizzativo e medico chirurgico. Questo ci mette in grande difficoltà, perché eticamente e professionalmente siamo chiamati a garantire le migliori cure a tutti, ma non abbiamo la possibilità di poterle applicare nel Sistema sanitario nazionale. E dobbiamo magari dire ai nostri pazienti che le nuove lenti intraoculari capaci di miglioramenti straordinari della vista sono utilizzabili solo in alcune realtà del settore privato, a pagamento».

«Noi non chiediamo più risorse, ma più organizzazione e più attenzione alle nostre indicazioni – prosegue il presidente SOI -. L’Italia è tra gli ultimi Paesi con un Sistema sanitario che offre tutto gratuitamente, e sa bene quanto sia necessario aggiornare il sistema. Magari si potrebbe chiedere un contributo maggiore a chi può permetterselo, ma ad ogni modo bisogna sedersi intorno ad un tavolo e trovare la soluzione più idonea al servizio delle persone».

Piovella precisa infine che «non spetta ai medici o alle società scientifiche trovare le soluzioni, ma noi dobbiamo essere messi nelle condizioni di poter salvare la vista a chiunque ne abbia necessità. Altrimenti è come avere una Ferrari ferma ai box perché ha le ruote sgonfie».

Articoli correlati
Premio Società oftalmologica italiana a Isabella Faggiano di Sanità Informazione
E' prevista per domani la consegna del premio Soi (Società oftalmologica italiana) ad Isabella Faggiano, giornalista medico-scientifica di Sanità Informazione. Si tratta di un prestigioso riconoscimento, rivolto ai professionisti della comunicazione che si sono distinti per il loro lavoro di divulgazione sul tema dell'oftalmologia
di Redazione
«Risorse mai aggiornate e carenza di medici oculisti», l’appello della SOI a cittadini e politica
«Risorse mai aggiornate e carenza di medici oculisti: solo 1500 dei 7mila oftalmologi italiani fanno parte del SSN. Necessario dare una svolta». Questo l’appello che la Società Oftalmologica Italiana, che da 153 anni rappresenta e sostiene i medici oculisti italiani per tutelare le necessità dei pazienti, rivolge a tutti i cittadini
Minuscoli cristalli artificiali possono restituire la vista, ma il SSN non ne copre le spese
A scoprire le carte sull’inadeguatezza delle cure oculistiche offerte dalla Sanità pubblica è Matteo Piovella, presidente della Società Oftalmologica Italiana, in occasione del 19° congresso Internazionale SOI. «L’intervento rifrattivo del cristallino sta sostituendo la chirurgia della cataratta, ma il SSN non è in grado di sostenerne i costi e, quindi, chi vuole farlo deve pagarlo di tasca propria»
Giornata Mondiale della Vista, Piovella (SOI): «Persone cieche raddoppieranno entro il 2030, importante prima visita oculistica alla nascita»
Secondo i dati dell’Oms 2,2 miliardi di persone nel mondo soffrono di patologie oculari. In Italia si stima che le malattie a rischio perdita della vista coinvolgano oltre 6 milioni di pazienti. I difetti della vista che necessitano la correzione con occhiali colpiscono 40 milioni di italiani. A fare il punto è il Presidente della […]
Allarme della Società Oftalmologica: «L’oculistica è fuori dal Pnrr»
L'allarme lanciato dal Presidente SOI Matteo Piovella durante il 18esimo Congresso internazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Patologie dei polmoni, ‘Respiriamo Insieme’: “Una legge ad hoc per il riconoscimento dell’asma grave”

La Presidente Barbaglia: "Necessario assegnare un codice specifico e riconoscere numerose prestazioni fondamentali, al fine di garantire a tutti i pazienti una tempestiva e corretta diagnosi, follow-u...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...