Salute 20 Novembre 2019

Oftalmologia, Piovella (SOI): «Siamo una Ferrari ferma ai box perché ha le ruote sgonfie»

In occasione del 99° Congresso nazionale della Società Oftalmologica Italiana, il presidente Matteo Piovella lancia l’allarme: «Siamo tra i più bravi al mondo, ma senza maggiori risorse e migliore organizzazione potremmo non essere più in grado di garantire le cure migliori per salvare la vista degli italiani»

La società scientifica di specialità più antica d’Italia compie 150 anni e apre i battenti del 99° Congresso nazionale. Parliamo della Società Oftalmologica Italiana (SOI) che, tramite le parole del presidente Matteo Piovella, coglie la doppia occasione per ripercorrere questo secolo e mezzo «a salvaguardia della vista».

«Si tratta di un primato antico, virtuoso e incomparabile. Da 150 anni siamo il punto di riferimento per tutti i 7mila medici oculisti che, ogni anno, salvano la vista a 1.300.000 persone. Oggi siamo tra i Paesi più all’avanguardia del mondo, secondi solo a Stati Uniti e Giappone, ma iniziamo a far fatica a rispondere alle richieste sempre maggiori che vengono dai nostri pazienti, mantenendo quel livello qualitativo che ci contraddistingue».

Il presidente Piovella, nel corso della conferenza stampa di presentazione del congresso, ha infatti evidenziato il cambiamento che l’oftalmologia ha subìto negli ultimi anni: «L’innovazione e la tecnologia rappresentano una vera rivoluzione, ma comportano un aumento di costi cui difficilmente riusciamo a far fronte. Io ricordo che, quando ho iniziato a lavorare, per un anno di interventi della cataratta servivano solo quattro strumenti che compravamo negli Stati Uniti a 20 dollari l’uno, ma i risultati erano scarsi o addirittura quasi nulli in termini di efficacia. Poi sono arrivate nuove strumentazioni e tecnologie che ci consentono di operare 650mila pazienti con un margine di sicurezza adeguato e di restituire una capacità visiva di alta qualità. I costi, però, sono ovviamente aumentati. 20 anni fa il rimborso DRG per un intervento della cataratta è arrivato a 2mila euro. Man mano, tuttavia, i finanziamenti sono diminuiti e, oggi, il rimborso per la cataratta è di 700 euro».

LEGGI ANCHE: GIORNATA MONDIALE DELLA VISTA, LA SOI ORGANIZZA 30.000 VISITE SPECIALISTICHE PER CHI NON È MAI STATO DALL’OCULISTA

«Viviamo il paradosso – continua Piovella – di poter ottenere risultati indiscutibili ma di cui può usufruire solo un limitatissimo numero di pazienti, perché per motivi organizzativi e carenze di budget il sistema sanitario italiano prevede un rimborso non sufficiente a sostenere il continuo aggiornamento organizzativo e medico chirurgico. Questo ci mette in grande difficoltà, perché eticamente e professionalmente siamo chiamati a garantire le migliori cure a tutti, ma non abbiamo la possibilità di poterle applicare nel Sistema sanitario nazionale. E dobbiamo magari dire ai nostri pazienti che le nuove lenti intraoculari capaci di miglioramenti straordinari della vista sono utilizzabili solo in alcune realtà del settore privato, a pagamento».

«Noi non chiediamo più risorse, ma più organizzazione e più attenzione alle nostre indicazioni – prosegue il presidente SOI -. L’Italia è tra gli ultimi Paesi con un Sistema sanitario che offre tutto gratuitamente, e sa bene quanto sia necessario aggiornare il sistema. Magari si potrebbe chiedere un contributo maggiore a chi può permetterselo, ma ad ogni modo bisogna sedersi intorno ad un tavolo e trovare la soluzione più idonea al servizio delle persone».

Piovella precisa infine che «non spetta ai medici o alle società scientifiche trovare le soluzioni, ma noi dobbiamo essere messi nelle condizioni di poter salvare la vista a chiunque ne abbia necessità. Altrimenti è come avere una Ferrari ferma ai box perché ha le ruote sgonfie».

Articoli correlati
No agli ottici che vogliono sostituirsi all’oculista. A Frosinone la prima udienza
Oggi prima Udienza a Frosinone. Il Giudice ha ammesso come parte civile sia la Società Oftalmologica Italiana che l’Ordine dei Medici di Frosinone. «Nessuna intenzione di processare un’intera categoria» dice Matteo Piovella, Presidente SOI, presente in aula con l’avvocato Riccardo Salomone, «ma se l’ottico si vuole sostituire all’oculista, facendo in negozio esami medici, cosa contraria alla legge è ovvio che noi dobbiamo intervenire»
Oftalmologia e innovazioni tecnologiche, Mazzacane (Goal): «Fondamentale formazione continua per stare al passo»
«Quel che oggi serve al medico – continua Mazzacane – è tornare ad essere un organizzatore del sistema sanitario e non può più essere considerato un ‘manovale’ della medicina».
di Giovanni Cedrone e Arnaldo Iodice
Oculistica, Registro di Ottici e Optometristi (Tavolo TiOPTO): «Nostro impegno per protocollo d’intesa con oftalmologi»
Lettera del Tavolo Interassociativo TiOPTO (Federottica-AdOO, Società Optometrica Italiana SOptI, AILAC, ALOEO, AIOC e Assogruppi Ottica
Oculisti, Menabuoni (Aimo): «Nasce società europea contro abusivismo della professione»
Il presidente dell’Associazione italiana dei medici oculisti contro gli esami medici eseguiti da ottici e optometristi. Balestrazzi: «Solo una visita oculistica effettuata da un medico oculista permette di evidenziare o di escludere eventuali patologie»
Giornata mondiale della vista, la Soi organizza 30.000 visite specialistiche per chi non è mai stato dall’oculista
La Giornata Mondiale della Vista, ha lo scopo di informare l’opinione pubblica sull’importanza e il valore della vista durante tutta la nostra vita. La Società Oftalmologica Italiana organizza insieme alla Fondazione Insieme per la Vista Onlus e a IAPB Italia un’imponente campagna di informazione per far comprendere il valore della vista e ha organizzato visite […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...