Lavoro 1 settembre 2014

Obbligo assicurativo, Asl esonerate e camici bianchi ora in balia delle polizze 

Piazza, presidente ACOI: “Si rischia aumento indiscriminato della medicina difensiva”

Immagine articolo

Sarà il caos assicurativo: costi e rischi della medicina difensiva saliranno alle stelle”. La previsione di Diego Piazza, presidente dell’Associazione dei Chirurghi Ospedalieri Italiani, è fosca.

Dal 16 agosto, infatti, non esiste più l’obbligo di assicurazione per le aziende sanitarie: “I medici – spiega Piazza – saranno costretti ad assicurarsi in proprio, ma le Asl, di fatto, non avranno l’obbligo di assicurarsi perché potranno scegliere forme di autoassicurazione. Questo comporterà che le compagnie assicurative non saranno interessate ad assicurare le Asl o, in alternativa, proporranno premi stratosferici. Di conseguenza le Asl ricorreranno sempre di più ad assicurazioni con franchigia o all’autoassicurazione, con pesanti conseguenze per pazienti e aziende sanitarie”.

Dopo l’introduzione dell’obbligo di stipulare una polizza assicurativa, dunque, arriva un’altra tegola per i medici italiani, che corrono il rischio di trovarsi ancora di più con le spalle scoperte: “Già oggi il costo della medicina difensiva, con i suoi 13 miliardi, è quasi pari ad una manovra finanziaria. La mancata assicurazione – sottolinea ancora il presidente di ACOI – costringerà i chirurghi a lavorare senza la necessaria serenità. Il ricorso alla medicina difensiva farà aumentare i periodi di degenza all’interno delle strutture ospedaliere, con conseguente diminuzione di posti letto. Il rischio di un pellegrinaggio tra diversi reparti diventerà più di un’ipotesi e molti saranno costretti a rivolgersi alle strutture private”.

Il rischio, conclude Piazza, è quello di “avere un Ssn per ricchi con assicurazione, che saranno operati dai pochi chirurghi assicurati, e un Ssn per poveri, operati dai molti chirurghi senza copertura ed interessati a difendersi dai rischi dell’intervento chirurgico piuttosto che difendere il paziente dalla patologia da cui è affetto”.

Articoli correlati
Il “fatto noto” antecedentemente alla stipula della polizza
Sono un ortopedico, dirigente sanitario del  SSN fino a qualche tempo fa in regime intramoenia. Ho deciso con l’inizio di quest’anno di passare all’attività extramoenia. Conseguentemente ho provveduto a modificare la mia polizza di responsabilità professionale, limitata al caso di danno erariale per colpa grave, adeguandola alla copertura estesa del libero professionista, pur conservando la […]
di Ennio Profeta - consulente SanitAssicura
Rc Professionale: l’obbligo scontenta tutti… anche chi è esentato
Intervista esclusiva a Riccardo Cassi (presidente CIMO): "Caos completo, ospedalieri a rischio per la colpa grave"
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila