Lavoro 11 Luglio 2022 10:35

Medicina generale, Bartoletti (FIMMG) ai pazienti: «Nessuno vi liquida, a ognuno il tempo che serve»

Con il vicepresidente FIMMG Bartoletti parliamo della specializzazione in medicina generale e della gestione dei pazienti, cosa rispondere a chi sostiene che il proprio medico non ha tempo?

Specializzazione anche per i medici di medicina generale: una richiesta che trova la sua origine molto tempo fa e che finalmente con il PNRR potrebbe arrivare a compimento. Lo scorso 5 agosto 2021 il disegno di legge 2372/21 anticipava un’importante riforma strutturale da tempo richiesta dai rappresentanti di categoria, che comincerebbe proprio dalla formazione verso un miglioramento anche in termini qualitativi ed economici.

Nello specifico l’articolo 3 vede l’equiparazione del percorso formativo dei mmg a tutte le altre specializzazioni universitarie, aumentandone la durata da 3 a 4 anni. Lo scorso 10 febbraio 2022 questo ddl è arrivato alla Commissione Igiene e Sanità e da lì ha proseguito il suo percorso. Il titolo conseguito dal medico sarà denominato “Diploma di specializzazione in medicina generale di comunità e cure primarie”, ma ciò che veramente farà la differenza sarà l’equiparazione dal punto di vista del trattamento economico (art.6), infatti, l’attuale borsa di studio di 11 mila euro dovrebbe essere sostituita da un contratto di formazione con un aumento della remunerazione e le tutele di un contratto di lavoro come la contribuzione ai fini previdenziali e la parte assicurativa.

La specializzazione in medicina generale

«Come FIMMG già anni fa proponemmo un’equiparazione del termine specializzazione – commenta Pierluigi Bartoletti, vicepresidente FIMMG -. Non è un problema di termini, basta che funzioni. Mettiamoci nelle condizioni di fare una formazione adeguata per i mmg, equiparando il titolo di studio di chi lo fa nella specializzazione universitaria e di chi lo fa fuori. Io non penso che il problema si risolva con un tratto di penna o cambiando il ministero competente. Il problema si risolve partendo dalla competenza di chi tutti i giorni vede ciò che succede e purtroppo la situazione formativa nel nostro paese è molto legata all’organizzazione regionale. Pensare a un piano formativo nazionale quando il lavoro della medicina generale di fatto è regionalizzato, non penso risolva molti problemi e in ogni caso spesso le regioni hanno sistemi molto diversi di cui bisogna tenere conto, dobbiamo metterci nelle condizioni di poter specializzare i colleghi che dopo 3 anni possono affrontare il loro lavoro in maniera serena».

 

Pronto Assicuratore: più sicurezza per la professione e la vita privata

Un team di esperti a tua disposizione per soddisfare tutte le tue esigenze, non soltanto per la sfera professionale ma anche per la vita familiare e privata. Pronto Assicuratore fa parte dell’offerta Consulcesi Club, chiedi più informazioni.

Scopri di più

 

“Dottore, lei non ha tempo per me”

Proprio quel lavoro così intenso sul quale a volte ci si sente dire: “Dottore lei non ha mai tempo per me” dai pazienti. Abbiamo chiesto al vicepresidente FIMMG lui cosa risponderebbe.

«Io non devo avere tempo – ci ha detto – devo fare al meglio il mio lavoro e ci metto il tempo che serve. Premettendo che una persona deve avere tutto il tempo possibile purtroppo tutto il tempo non c’è. Avendo la fortuna di conoscere le persone per 20 anni facciamo quello che dobbiamo fare nel tempo necessario che non è né lungo né corto. Non tutti i casi sono uguali, infatti molte persone si lamentano che una persona resti 15 minuti e “a me mi liquidi in 3 minuti”. Quello prima di te aveva un problema più grave. Nessuno ti liquida, se vogliamo prendere un tè lo prendiamo ma abbiamo finito ed esula dall’attività professionale».

Ex specializzandi, Bartoletti: «Mettere fine a questa questione»

Sulle specializzazioni, inoltre, sono arrivate novità anche sulla gestione degli ex specializzandi tra il 1982 e il 1991. Sui rimborsi mancati finora la ministra dell’Università Maria Cristina Messa ha assicurato che il Governo si impegnerà per porre fine a questa ingiustizia con «ogni mezzo».

«Sarebbe anche il caso di mettere un punto su questa vicenda, se ne parla da anni e si va avanti. Ci sono dei colleghi che hanno vinto i ricorsi, altri che l’hanno persi. Alcuni che hanno vinto in primo grado e perso in appello, se ripartiamo da un punto e normalizziamo la situazione anche questa cosa qui finisce, senza continuare con la giustizia infinita del nostro paese in cui non si capisce mai quando le vicende giudiziarie innescate 20 anni fa devono finire e penso che debbano finire» ha confermato Bartoletti.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Quanto guadagnano i medici di medicina generale?
di Francesco Pazienza, segretario generale SMI Puglia
di Francesco Pazienza, segretario generale SMI Puglia
Medicina territoriale, Cavicchi: «DM71 è una controriforma, non si può spaccare il medico di famiglia a metà»
Il professore di Sociologia delle organizzazioni sanitarie contesta la riforma dell’assistenza sanitaria territoriale in atto e mette in guardia dal rischio privatizzazione: «L’obiettivo è quello di mandare in pensione il medico di medicina generale pubblico e di sostituirlo con delle agenzie private, tremo all’idea»
di Francesco Torre
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
Osteosarcopenia: cosa fare quando ossa e muscoli non godono di buona salute
In Italia 5 milioni di persone sono affette da osteoporosi. La perdita di massa ossea e di quella muscolare sono processi fisiologici, ma entrambi concorrono a determinare un aumento della fragilità e del rischio fratture. Fondamentale la prevenzione con un corretto stile di vita, attività fisica e acquisizione di calcio, proteine e soprattutto vitamina D
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale