Formazione 8 Settembre 2015 19:08

Medici vittima di violenza, imparare l’empatia col paziente per ridurre i rischi

Parla la professoressa Pettinicchi, Psichiatra e Criminologa clinica e co-relatrice di un corso FAD

Medici vittima di violenza, imparare l’empatia col paziente per ridurre i rischi

Insulti, percosse, talvolta persino omicidi. I casi di aggressioni perpetrate dai pazienti a danno dei medici sono all’ordine del giorno.

Ultimo, in ordine cronologico, il caso di Reggio Calabria dove due medici del reparto di Cardiologia degli Ospedali Riuniti (RC) sono stati afferrati per il collo e minacciati. Diversi studi, e casi concreti, hanno dimostrato che tra le cause di aggressione, una comunicazione carente tra medico e paziente può scatenare in quest’ultimo reazioni violente che sfociano in condotte criminose.

La carenza di comunicazione è figlia dello stress e della mole di lavoro cui sono sottoposti i medici ed è, al tempo stesso, causa di ulteriore stress. Come dare un taglio a questo circolo vizioso che danneggia entrambe le parti? L’abbiamo chiesto alla professoressa Maria Clotilde Pettinicchi, Psichiatra e Criminologa clinica e co-relatrice del corso FAD “Le basi dell’adattamento dell’uomo, lo stress, i rischi bio-psico-sociali e il rischio stress /stress lavoro correlato (dlg 81/08) il disadattamento e i guai e i caratteri della resilienza”.

«È una domanda molto interessante, perché il rapporto medico paziente è estremamente complesso e per certi versi totalizzante, in cui è innegabile la componente empatica. È vero, spesso un paziente può diventare aggressivo, e a volte persino, nei casi di pazienti psichiatrici, arrivare ad uccidere il proprio medico. Questi, dal canto suo, deve poter svolgere il suo lavoro, e al tempo stesso tener presente che il paziente è un essere umano, per di più sofferente: un fattore da tenere ben presente quando si entra in contatto con lui. Ma riuscire ad essere veramente empatici non è facile».

Non è facile, ma avere la possibilità di seguire un corso ad hoc può aiutare. Ancora meglio se si tratta di un corso FAD (Formazione a Distanza), attraverso cui il medico di può ottemperare all’obbligo di Educazione Continua in Medicina da remoto, fattore questo che contribuisce ad alleviare lo stress. Il suo corso ne è un esempio. Ce ne parla?

«Le nuove tecnologie sono sempre d’aiuto. È vero, i corsi a distanza non mettono in contatto diretto docente e discente, ma permettono di guadagnare tempo e, esattamente come per la formazione residenziale, di mettere concretamente in campo ciò che si è imparato nel corso. Certo, nel caso di un corso sull’empatia, può accadere che mentre il medico mette in pratica col paziente ciò che ha imparato, questi gli morda la faccia. Il punto è che fare i medici significa esporsi a dei rischi. Alcuni devi accettarli per forza, altri invece, esulano dalla propria responsabilità».

Articoli correlati
ECM, a fine mese scade la possibilità di spostamento crediti dai trienni passati
Fino al 30 giugno 2022 sarà ancora possibile spostare i crediti di altri trienni per completare quelli in scadenza. Cosa si può fare per raggiungere l'obbligo formativo
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»
L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull'ECM
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali