Lavoro 31 Luglio 2019

Medici di famiglia, incontro Fimmg – Bonaccini. Scotti: «Fiduciosi, possibili via d’uscita a stato di agitazione» 

Il segretario della Federazione dei medici di medicina generale ringrazia Bonaccini per «aver rotto l’omertà istituzionale». Tra i punti oggetto dell’incontro la conferma del ruolo professionale e contrattuale della Medicina Generale e l’idea di una decontribuzione sull’assunzione del personale di studio

«Ci riteniamo soddisfatti dell’incontro con il presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini circa la possibilità di trovare vie d’uscita allo stato di agitazione dichiarato dal Consiglio Nazionale FIMMG». Il Segretario generale della Fimmg Silvestro Scotti è fiducioso dopo l’incontro a Bologna con il presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini.

Tanti i temi sul tavolo, a partire dalla stabilizzazione immediata degli arretrati già riconosciuti nella firma dell’accordo precedente condizione di base per la ripresa della trattativa per il rinnovo di un ACN da chiudere entro novembre. E poi le proposte della Fimmg per un rilancio effettivo delle cure primarie ormai diventato indispensabile per sostenere i cittadini nell’affrontare l’aumento della cronicità, della disabilità e della non auto sufficienza.

LEGGI ANCHE: ACN MEDICINA GENERALE, SCOTTI (FIMMG): «SISTEMA NON RICONOSCE SFORZI A MEDICI CON ‘BUSTA PAGA’ FERMA DA 10 ANNI»

«La posizione di ascolto delle nostre istanze è stata evidente – sottolinea Scotti – Si sono poste le basi per una risposta immediata che testimoni il recupero di un rapporto di fiducia delle Regioni verso la Medicina Generale italiana. Questa è la condizione imprescindibile da noi posta per poter riprendere la trattativa per l’Accordo Collettivo Nazionale e chiuderla entro l’anno considerando non più rimandabile tale riscontro per le aspettative della categoria».

Sottolineata inoltre la necessità di una forte alleanza su punti di comune interesse:

Patto per la Salute: una definizione dell’assistenza territoriale e in particolare chiarezza e conferma del ruolo professionale e contrattuale della Medicina Generale;

Fondo Sanitario Nazionale: difesa del mantenimento dei contenuti economici previsti e tutela verso qualunque tentativo di sua riduzione nell’ambito del DEF.

Finanziaria: sostegno delle Regioni alle politiche di investimento su capitoli di spesa diversi dal Fondo Sanitario Nazionale come quello sull’innovazione e sull’occupazione che possano trovare indirizzi di coinvolgimento di specifici investimenti verso la Medicina Generale: decontribuzione sull’assunzione del personale di studio, riduzione dell’IVA per l’acquisto di strumentazione diagnostica coerente con progetti condivisi con le Aziende sanitarie.

«La presenza all’incontro del Presidente del Comitato di Settore, l’assessore Sergio Venturi – conclude Scotti – dà garanzia rispetto ad interventi sulla SISAC che, nell’immediato, diano ai Medici di Medicina Generale quel segnale di fiducia ripresa. Ma più di tutto ci rassicura il modello di relazione che il Presidente Bonaccini ha mostrato di voler determinare nel rapporto di chi, come la FIMMG, non rappresenta esclusivamente un interesse corporativo ma crede profondamente in una rappresentanza che metta insieme gli interessi dei professionisti con quelli dei cittadini, permettendoci di concludere che la Presidenza della Conferenza delle Regioni c’è».

Articoli correlati
ACN medicina fiscale, raggiunta l’intesa. Ecco cosa prevede l’accordo
Tempo indeterminato, tutele, 2.500 euro al mese per la reperibilità e compenso per ogni visita domiciliare. Previste però una serie di incompatibilità. Le novità dell'Accordo Collettivo Nazionale per la medicina fiscale
Farmaci antidiabetici e respiratori, Fnomceo: «Aprirne la prescrizione a MMG e specialisti ambulatoriali»
Arriva l'endorsement di Fnomceo alla proposta di Italia Viva: «Ne gioverebbe l’aderenza terapeutica e la continuità delle cure»
Riforma della medicina del territorio, Anelli (Fnomceo): «Stiamo andando nella direzione sbagliata»
Equipe multiprofessionali, capillarità e diagnostica. Questa la ricetta del presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici: «Copiamo dalla Germania. Chi crede nei distretti è fermo a 20 anni fa». Poi aggiunge: «Serve un vero coordinamento tra le Regioni, il ministero della Salute non riesce ad essere incisivo»
Diagnostica di primo livello dal medico di famiglia, Scotti (Fimmg): «Stiamo ancora aspettando, è una vergogna»
Il segretario nazionale della Federazione italiana medici di medicina generale: «Esami di orientamento, poi sarà lo specialista a refertare». E si scaglia contro il passaggio eventuale da convenzione a dipendenza: «La nostra autonomia professionale è preziosa. Non siamo anarchici, solo responsabili»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...