Lavoro 2 Settembre 2020

Media e sanità: siamo di fronte ad attacchi ingiustificati nei confronti del Ssn?

Ne parla Francesco Carbonetti, dirigente medico della Asl Roma 2, Ospedale Sant’Eugenio, e rappresentante dei giovani medici della Cisl Medici Lazio

di Vanessa Seffer, Uff. Stampa Cisl Medici Lazio

L’immagine del Servizio sanitario nazionale che ogni giorno viene data dai media è corretta o esistono esempi di attacchi ingiustificati nei confronti di un servizio pubblico nato per garantire la tutela della salute di tutti i cittadini? E se sì, chi trarrebbe beneficio dal ledere l’immagine del Ssn e dell’operato dei suoi lavoratori? E infine, come hanno vissuto la precarietà negli ospedali durante l’emergenza Covid i giovani medici e come vivono questi il dilemma della scelta fra impiego pubblico e privato, oltre alla tentazione di espatriare per fruire di maggiori benefit economici? Ne parla Francesco Carbonetti, dirigente medico della Asl Roma 2, Ospedale Sant’Eugenio, e rappresentante dei giovani medici della Cisl Medici Lazio.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
CIMO-FESMED: «No ad emendamenti che limitano l’autonomia prescrittiva dei medici»
«Nel mentre le strutture ospedaliere sono in affanno ed i medici cercano di assicurare la migliore assistenza ospedaliera possibile ai pazienti ricoverati, si continua a ricorrere al solito strumento della Legge di Bilancio per iniziative che riguardano le professioni sanitarie e che nulla hanno a che vedere con il Bilancio dello Stato»
“Protocollo domiciliare uniforme” per uscire da emergenza. Siclari (FI): «Riaprire ospedali chiusi o depotenziati»
Nel corso della conferenza “Covid: come uscire dall’emergenza” Giovanni Carnovale, Presidente del forum medico Nuovo Rinascimento, ha chiesto lo stop alla regionalizzazione della sanità: «La sanità non può essere gestita da venti protocolli diversi, da venti task force diverse». Tra gli ospiti anche Ranieri Guerra (OMS) e Annamaria Parente (Presidente Commissione Sanità)
Cifaldi (Cisl Medici Lazio): «Se continuiamo così, la sanità pubblica chiuderà»
«Le persone sono costrette oggi ancora di più a mettere le mani al portafoglio. Ma il costo della vita aumenta, la disoccupazione cresce e la povertà e il disagio, specie nelle periferie, stanno aumentando»
di Vanessa Seffer
«Dalle cure palliative alle cure simultanee, così accompagniamo i pazienti negli ultimi mesi di vita»
Viaggio in un hospice con Priscilla Landucci, medico di cure palliative alla Asl Roma 4, delegato di Cisl Medici Lazio
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli