Salute 23 Ottobre 2019

Malattie professionali riconosciute solo nel 34% dei casi. Calleri (CGIL): «Serve strategia nazionale su salute e sicurezza»

«Tutti gli attori devono fare la loro parte, – spiega Sebastiano Calleri, responsabile Salute e Sicurezza sul lavoro della Cgil nazionale – sia le istituzioni sia i sindacati, ma anche i datori di lavoro che sono i primi responsabili della salute dei lavoratori dentro i posti di lavoro». Ad intaccare la salute dei lavoratori anche infortuni e stress

Immagine articolo

Le malattie legate al lavoro vengono riconosciute solo nel 34% dei casi. Ad affermarlo è Sebastiano Calleri, responsabile Salute e Sicurezza sul lavoro della Cgil nazionale. «Le patologie sono legate all’emersione, – ha spiegato ai microfoni di Sanità Informazione – cioè le malattie professionali vanno denunciate e riconosciute. Non sempre purtroppo in questo Paese si riconoscono».

Le malattie professionali si contraddistinguono per essere legate al lavoro che si svolge. La patologia può scaturire, quindi, sia da proprietà nocive delle sostanze utilizzate sia da movimenti violenti e ripetuti, non naturali, ai quali la struttura corporea risulta adattarsi. Tuttavia, se ogni lavoro possiede la sua rosa di potenziali danni alla salute, ci sono una serie di disturbi maggiormente diffusi. «Abbiamo in maniera preponderante disturbi muscolo-scheletrici, disturbi dell’apparato digerente e ipoacusie da rumore». Di fronte a queste malattie «bisogna elaborare una strategia nazionale su salute e sicurezza – spiega ancora il sindacalista – perché tutti gli attori devono fare la loro parte, sia le istituzioni sia i sindacati, ma anche i datori di lavoro che sono i primi responsabili della salute dei lavoratori dentro i posti di lavoro».

Ad intaccare la salute dei lavoratori ci sono anche gli infortuni. «Ne abbiamo alcuni che si ripetono oggi come cinquant’anni fa, ad esempio le cadute dall’alto in edilizia, l’esposizione ai gas chimici nel settore chimico e nel settore elettrico. Sono gli infortuni che si ripetono purtroppo anche se in misura minore, ma sono sempre gli stessi. Anche qui – chiosa – c’è da lavorarci».

Tra i principali disturbi riscontrati tra i lavoratori c’è lo stress. «Le patologie sono conseguenti allo stress lavoro-correlato, che è una sindrome riconosciuta recentemente anche dall’OMS. Ovviamente c’è un problema di stress soprattutto legato alle nuove forme contrattuali – conclude Sebastiano Calleri, riferendosi all’ormai consolidato precariato – e alle nuove forme di lavoro che interessano soprattutto i giovani, ma che stanno erodendo le sicurezze di tutti i lavoratori e le lavoratrici nel Paese».

LEGGI: BURNOUT, COLPISCE ANCHE GLI OPERATORI SANITARI. CANNAVÒ (PSICOTERAPEUTA): «LA VIOLENZA È CAUSA DI STRESS»

Articoli correlati
Chi è Je.suis.doc, medico su TikTok da 40mila follower: «Così ho avvicinato i giovani alla medicina»
Clip mimate e sequenze musicali per interagire con gli adolescenti e parlare di salute. Carlo Esposito: «TikTok mi ha permesso di catturare l’attenzione dei giovanissimi in modo semplice e immediato»
Infortuni estivi, è il tuffo l’attività sportiva più pericolosa. Come comportarsi al mare e in montagna
Claudio Seddio, medico radiologo, ortopedico e medico dello sport, elenca i traumi tipici degli sport estivi, tra rimedi e precauzioni: «Questi incidenti possono capitare a chiunque. Tra i bambini è l’insolazione quello più diffuso»
di Isabella Faggiano
Recovery Fund, Fnopo: «Evento storico. Implementare ostetrica di famiglia e di comunità»
«D’ora in poi non sarà più possibile, né credibile, rimandare la realizzazione di progetti di riforma della rete assistenziale portando a motivazione la mancanza di fondi adeguati» precisa la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica (FNOPO)
Il software intelligente che monitora la salute per tornare in ufficio in sicurezza
Ideato e promosso da un gruppo di aziende sotto il coordinamento di Technogenetics, il kit prevede test sierologico rapido e software per rilevare temperatura, saturazione dell’ossigeno e battito cardiaco
di Federica Bosco
Salute, benessere e stili di vita: nasce Senior News, il Tg di Senior Italia FederAnziani
Senior news sarà pubblicato ogni giorno alle ore 14:30 sul canale YouTube di Senior Italia FederAnziani e sulle pagine Facebook della federazione e sarà distribuito via Whatsapp a tutti gli aderenti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...