Salute 23 Ottobre 2019

Malattie professionali riconosciute solo nel 34% dei casi. Calleri (CGIL): «Serve strategia nazionale su salute e sicurezza»

«Tutti gli attori devono fare la loro parte, – spiega Sebastiano Calleri, responsabile Salute e Sicurezza sul lavoro della Cgil nazionale – sia le istituzioni sia i sindacati, ma anche i datori di lavoro che sono i primi responsabili della salute dei lavoratori dentro i posti di lavoro». Ad intaccare la salute dei lavoratori anche infortuni e stress

Malattie professionali riconosciute solo nel 34% dei casi. Calleri (CGIL): «Serve strategia nazionale su salute e sicurezza»

Le malattie legate al lavoro vengono riconosciute solo nel 34% dei casi. Ad affermarlo è Sebastiano Calleri, responsabile Salute e Sicurezza sul lavoro della Cgil nazionale. «Le patologie sono legate all’emersione, – ha spiegato ai microfoni di Sanità Informazione – cioè le malattie professionali vanno denunciate e riconosciute. Non sempre purtroppo in questo Paese si riconoscono».

Le malattie professionali si contraddistinguono per essere legate al lavoro che si svolge. La patologia può scaturire, quindi, sia da proprietà nocive delle sostanze utilizzate sia da movimenti violenti e ripetuti, non naturali, ai quali la struttura corporea risulta adattarsi. Tuttavia, se ogni lavoro possiede la sua rosa di potenziali danni alla salute, ci sono una serie di disturbi maggiormente diffusi. «Abbiamo in maniera preponderante disturbi muscolo-scheletrici, disturbi dell’apparato digerente e ipoacusie da rumore». Di fronte a queste malattie «bisogna elaborare una strategia nazionale su salute e sicurezza – spiega ancora il sindacalista – perché tutti gli attori devono fare la loro parte, sia le istituzioni sia i sindacati, ma anche i datori di lavoro che sono i primi responsabili della salute dei lavoratori dentro i posti di lavoro».

Ad intaccare la salute dei lavoratori ci sono anche gli infortuni. «Ne abbiamo alcuni che si ripetono oggi come cinquant’anni fa, ad esempio le cadute dall’alto in edilizia, l’esposizione ai gas chimici nel settore chimico e nel settore elettrico. Sono gli infortuni che si ripetono purtroppo anche se in misura minore, ma sono sempre gli stessi. Anche qui – chiosa – c’è da lavorarci».

Tra i principali disturbi riscontrati tra i lavoratori c’è lo stress. «Le patologie sono conseguenti allo stress lavoro-correlato, che è una sindrome riconosciuta recentemente anche dall’OMS. Ovviamente c’è un problema di stress soprattutto legato alle nuove forme contrattuali – conclude Sebastiano Calleri, riferendosi all’ormai consolidato precariato – e alle nuove forme di lavoro che interessano soprattutto i giovani, ma che stanno erodendo le sicurezze di tutti i lavoratori e le lavoratrici nel Paese».

LEGGI: BURNOUT, COLPISCE ANCHE GLI OPERATORI SANITARI. CANNAVÒ (PSICOTERAPEUTA): «LA VIOLENZA È CAUSA DI STRESS»

Articoli correlati
Il Covid-19 acuisce ansia e stress. Con “niente paura” arriva un aiuto in piu’!
www.nientepaura.info, un sito dedicato a chi soffre di disturbi d’ansia, stress e insonnia. Consigli degli esperti per gestire questi eventi e ritrovare il benessere psicologico
Logoteatroterapia, l’improvvisazione che cura e allena alla vita
L’intervista a Cecilia Moreschi (teatroterapista) e Giorgia Salemi (logopedista): «La logoteatroterapia utilizza il teatro non come fine ma come mezzo. Gli esercizi, consigliati tra gli 8 e i 14 anni, sono adatti a tutti, soprattutto a chi soffre di disturbi legati all’apprendimento, ritardo linguistico o cognitivo, difficoltà prassico-motorie e autismo»
di Isabella Faggiano
Torna Dottor Libro. Andrea Vianello racconta la sua rinascita dopo l’ictus
Il 3 dicembre all’Ospedale Israelitico all’Isola Tiberina il primo appuntamento dopo lo stop imposto dalla pandemia. Nell’opera del giornalista Rai il racconto della battaglia contro la malattia
Al via la seconda edizione del corso per diventare Paziente Esperto EUPATI
Dieci mesi di alta formazione suddivisi in sei moduli, per un totale di 220 ore di lezione. Obiettivo: far arrivare ad oltre 100 il numero di Pazienti Esperti EUPATI in Italia
La stanza dove abbracciarsi non è vietato: «Migliora umore e benessere di anziani e disabili»
La struttura è stata realizzata all’interno della Rsa Domenico Sartori, a Castelfranco Veneto. La direttrice: «In pochi giorni è migliorato il tono dell’umore e il benessere di tutti i nostri ospiti, anziani e disabili. L’abbiamo ideata pensando alle incubatrici che proteggono i bambini prematuri senza sottrarli all’affetto dei propri genitori»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli