Lavoro 18 Marzo 2020

Lombardia, Regione e Ats diffidate dalla Fimmg: «Entro tre giorni kit di protezione per tutti gli operatori sul territorio»

Il segretario regionale Paola Pedrini: «Inascoltati da tempo, i contagi vanno fermati sul nascere nel rapporto con i pazienti. A Bergamo malati più di 100 medici su 600»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Pugno duro del segretario regionale della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale (FIMMG) Lombardia: Paola Pedrini  ha inviato una lettera di diffida e messa in mora alle istituzioni, a cominciare da Regione Lombardia e ATS (Aziende territoriali della salute) affinché provvedano entro 72 ore alla fornitura di kit di protezione completa a tutti i medici di base e agli operatori sanitari sul territorio, che venga fatto loro il tampone e che siano concordate le modalità di arruolamento dei professionisti, dell’organizzazione e dell’operatività delle Unità Speciali di Continuità Assistenziale perché – si legge nel documento – «i medici non opereranno e non potranno proseguire senza idonei dispositivi di protezione e senza protocolli predefiniti».

LEGGI LA DIFFIDA DI FIMMG LOMBARDIA

Segretario, come mai questa diffida da FIMMG Lombardia?

«Siamo inascoltati da tempo, neppure in questo momento di pandemia riescono a capire che il territorio è il primo filtro verso gli ospedali. Perciò benissimo la rincorsa ai respiratori e alle terapie intensive, ma se non si limita la contagiosità sul territorio gli ospedali verranno travolti».

Un grido d’allarme per tutelare i medici di base prima di tutto…

«Per garantire la massima operatività degli ospedali occorre prima di tutto tutelare il territorio. Quindi i  medici di famiglia e tutti gli altri operatori sanitari devono essere forniti di dispositivi adatti a proteggere innanzitutto l’uomo e poi il professionista dal diffondere a tutti i suoi pazienti la malattia».

Lei ad oggi ha un quadro di quanti sono i medici lombardi contagiati?

«Solo su Bergamo, la mia città, sono malati più di 100 medici su 600 professionisti. Una percentuale molto alta, ma solo il 10-12% dei camici bianchi ha fatto il tampone. Questo perché il tampone viene fatto solo ad alcuni sintomatici gravi, non a tutti, e questo è un limite che deve essere superato. Per questo l’altra richiesta è di estenderlo a tutti i medici di base, agli operatori sanitari e al personale amministrativo che lavora con noi».

Per la protezione mancano le mascherine o anche altro?

«Sono arrivate poche mascherine chirurgiche e alcuni guanti, ma il kit completo comprende occhiali o visiera integrale, copricapo, tute integrali o sovra camici e copri scarpe. Mancano del tutto le mascherine con il filtro».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, ROSTAN (IV): «DISTRIBUZIONE KIT DI PROTEZIONE E’ VERA EMERGENZA, LORO ALLARME SIA ASCOLTATO»

Oggi com’è la situazione a Bergamo?

«I numeri ufficiali sono pesanti, ma la contagiosità è almeno cinque volte di più. Solo che non abbiamo questi dati perché i tamponi vengono fatti solo a chi ha un’insufficienza respiratoria. Quindi il problema continuerà a dilagare. Vanno benissimo queste misure di contenimento, ma andavano adottate prima».

A rischiare molto come sottolinea nella sua lettera sono medici di medicina generale, operatori sanitari e unità di crisi che vanno sul territorio per gestire i pazienti Covid-19 conclamati. Le sue richieste hanno ancora più peso dal momento che avete subito nei giorni scorsi anche la perdita di un operatore del 118…

«Siamo sempre a rischio anche perché sottoposti a uno stress fisico e psicologico importante, perdere l’attenzione sulle protezioni in queste condizioni è davvero un attimo. Ci stiamo dedicando solo al lavoro, ci manteniamo a distanza anche dai nostri familiari e di sicuro il commento circolato nei giorni scorsi, secondo cui l’operatore si sarebbe contagiato fuori dal contesto lavorativo, è fuori luogo».

Se a questa diffida non dovesse seguire risposta positiva, o comunque arrivasse una risposta non soddisfacente, quale potrebbe essere la vostra posizione?

«Noi continueremo a lavorare come stiamo facendo ora, però se cadranno nel nulla le nostre rivendicazioni aumenteranno senza dubbio i medici contagiati e aumenterà il rischio per la loro stessa vita. Quindi, qualora ciò si verificasse, valuteremo come comportarci per rispetto dei colleghi che si sono già ammalati, che si ammaleranno o peggio ancora che dovessero perdere la vita».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»
Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli
Covid-19, Crisanti: «Virus a Vo’ Euganeo già dai primi di gennaio. E l’Austria fa bene a non aprire le frontiere»
Nel Comune veneto il 5% degli abitanti ha sviluppato anticorpi da Sars-Cov-2, per l'esperto il rischio c'è ancora. Dall'Iss arriva il “no” alla disinfezione delle strade con ipoclorito di sodio: «Possono formarsi sostanze pericolose»
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 4 giugno, sono 6.514.359 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 386.111 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 4 giugno: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 4 giugno, il totale delle persone che […]
Ospedale Israelitico: disponibile il Test sierologico per Coronavirus
«L’Ospedale Israelitico, da sempre all’avanguardia nell’adeguare all’evoluzione delle conoscenze e delle tecnologie mediche la propria offerta di servizi alla cittadinanza, e attento a soddisfarne aspettative e necessità, ha chiesto alla Regione Lazio ed ha da questa ottenuto, con determinazione n° G05717 del 13 maggio 2020, che il suo Laboratorio di Analisi Cliniche venisse inserito nella […]
La difficile marcia dell’Africa per contrastare il coronavirus (e le sue conseguenze)
Se il numero di malati di Covid-19 è molto inferiore rispetto ad altre aree del mondo, gli effetti della pandemia nel continente rischiano di essere particolarmente problematici: malnutrizione e crisi economiche potrebbero essere protagoniste dei prossimi mesi
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 giugno, sono 6.514.359 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 386.111 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 4 giugno: nel...
Formazione

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell'Associazione Liberi Specializzandi
di Tommaso Caldarelli
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco