Lavoro 18 Marzo 2020

Lombardia, Regione e Ats diffidate dalla Fimmg: «Entro tre giorni kit di protezione per tutti gli operatori sul territorio»

Il segretario regionale Paola Pedrini: «Inascoltati da tempo, i contagi vanno fermati sul nascere nel rapporto con i pazienti. A Bergamo malati più di 100 medici su 600»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Pugno duro del segretario regionale della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale (FIMMG) Lombardia: Paola Pedrini  ha inviato una lettera di diffida e messa in mora alle istituzioni, a cominciare da Regione Lombardia e ATS (Aziende territoriali della salute) affinché provvedano entro 72 ore alla fornitura di kit di protezione completa a tutti i medici di base e agli operatori sanitari sul territorio, che venga fatto loro il tampone e che siano concordate le modalità di arruolamento dei professionisti, dell’organizzazione e dell’operatività delle Unità Speciali di Continuità Assistenziale perché – si legge nel documento – «i medici non opereranno e non potranno proseguire senza idonei dispositivi di protezione e senza protocolli predefiniti».

LEGGI LA DIFFIDA DI FIMMG LOMBARDIA

Segretario, come mai questa diffida da FIMMG Lombardia?

«Siamo inascoltati da tempo, neppure in questo momento di pandemia riescono a capire che il territorio è il primo filtro verso gli ospedali. Perciò benissimo la rincorsa ai respiratori e alle terapie intensive, ma se non si limita la contagiosità sul territorio gli ospedali verranno travolti».

Un grido d’allarme per tutelare i medici di base prima di tutto…

«Per garantire la massima operatività degli ospedali occorre prima di tutto tutelare il territorio. Quindi i  medici di famiglia e tutti gli altri operatori sanitari devono essere forniti di dispositivi adatti a proteggere innanzitutto l’uomo e poi il professionista dal diffondere a tutti i suoi pazienti la malattia».

Lei ad oggi ha un quadro di quanti sono i medici lombardi contagiati?

«Solo su Bergamo, la mia città, sono malati più di 100 medici su 600 professionisti. Una percentuale molto alta, ma solo il 10-12% dei camici bianchi ha fatto il tampone. Questo perché il tampone viene fatto solo ad alcuni sintomatici gravi, non a tutti, e questo è un limite che deve essere superato. Per questo l’altra richiesta è di estenderlo a tutti i medici di base, agli operatori sanitari e al personale amministrativo che lavora con noi».

Per la protezione mancano le mascherine o anche altro?

«Sono arrivate poche mascherine chirurgiche e alcuni guanti, ma il kit completo comprende occhiali o visiera integrale, copricapo, tute integrali o sovra camici e copri scarpe. Mancano del tutto le mascherine con il filtro».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, ROSTAN (IV): «DISTRIBUZIONE KIT DI PROTEZIONE E’ VERA EMERGENZA, LORO ALLARME SIA ASCOLTATO»

Oggi com’è la situazione a Bergamo?

«I numeri ufficiali sono pesanti, ma la contagiosità è almeno cinque volte di più. Solo che non abbiamo questi dati perché i tamponi vengono fatti solo a chi ha un’insufficienza respiratoria. Quindi il problema continuerà a dilagare. Vanno benissimo queste misure di contenimento, ma andavano adottate prima».

A rischiare molto come sottolinea nella sua lettera sono medici di medicina generale, operatori sanitari e unità di crisi che vanno sul territorio per gestire i pazienti Covid-19 conclamati. Le sue richieste hanno ancora più peso dal momento che avete subito nei giorni scorsi anche la perdita di un operatore del 118…

«Siamo sempre a rischio anche perché sottoposti a uno stress fisico e psicologico importante, perdere l’attenzione sulle protezioni in queste condizioni è davvero un attimo. Ci stiamo dedicando solo al lavoro, ci manteniamo a distanza anche dai nostri familiari e di sicuro il commento circolato nei giorni scorsi, secondo cui l’operatore si sarebbe contagiato fuori dal contesto lavorativo, è fuori luogo».

Se a questa diffida non dovesse seguire risposta positiva, o comunque arrivasse una risposta non soddisfacente, quale potrebbe essere la vostra posizione?

«Noi continueremo a lavorare come stiamo facendo ora, però se cadranno nel nulla le nostre rivendicazioni aumenteranno senza dubbio i medici contagiati e aumenterà il rischio per la loro stessa vita. Quindi, qualora ciò si verificasse, valuteremo come comportarci per rispetto dei colleghi che si sono già ammalati, che si ammaleranno o peggio ancora che dovessero perdere la vita».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 29 settembre, sono 33.362.341 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.001.800 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 settembre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 313.011 (1.648 in più rispetto a ieri). 90.185 i […]
E se il nuovo coronavirus non fosse così nuovo?
Emergono alcuni studi che mostrano una risposta immunitaria in pazienti non toccati dal Covid-19. Alessandro Sette (La Jolla Institute, California): «Si tratta di linfociti T e questo non basta, non si è immuni»
di Tommaso Caldarelli
Covid, le Regioni accelerano sui tamponi ma i Mmg denunciano criticità nella comunicazione dei risultati
L'allarme della Fimmg in Campania, Lazio e Liguria: con l'aumento dei tamponi ritardi e difficoltà nella certificazione si aggraveranno
Coronavirus, nell’ultima settimana +26% di ricoveri e +41% di terapie intensive
Nella settimana 9-15 settembre si stabilizza l’incremento dei nuovi casi, ma cala di oltre 58mila il numero dei tamponi. Il report di Gimbe
Recovery Fund, Senatrice Binetti: «Ministero dimentica di destinare quota alle malattie rare»
Presentata relazione programmatica dell’intergruppo parlamentare per le malattie rare sottoscritta dalle Associazioni di pazienti: «Dimenticati durante la pandemia, da quattro anni aspettiamo un nuovo Piano Nazionale finanziato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 settembre, sono 33.362.341 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.001.800 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 settembre: Ad oggi ...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...