Lavoro 31 Marzo 2020 16:20

Lettera di un’infermiera a Speranza: «Non so se continuerò a fare questo lavoro dopo il Covid-19. Meritiamo di più»

«Ogni paziente grave si ritrova solo lontano dagli affetti e dalla propria casa. A tenergli la mano ci siamo noi soli, con almeno tre paia di guanti, una tuta, una maschera e una visiera. Vi chiediamo di avere il coraggio, invece di chiamarci eroi, di fare uno sforzo ulteriore e riconoscere nei fatti e non solo a parole la nostra professionalità una volta per tutte sottolineando l’importanza del nostro operato»

Vanessa Modica è un’infermiera esperta di terapia intensiva, e lavora da più di 12 anni in Area critica presso il Policlinico San Matteo di Pavia. Anche per lei, come per migliaia di infermieri, un mese fa la vita è cambiata drasticamente e ogni giorno combatte un nemico invisibile chiamato Covid-19.

«Il dolore, la sofferenza, che stiamo vivendo è immenso – scrive in una lettera indirizzata al ministro Speranza -. In molti istanti ho avuto davvero la sensazione di essere in guerra e non nego che i momenti di sconforto siano stati e siano molti ogni giorno, ma nonostante questo nulla ci ha ancora fermati».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, NURSING UP A SILERI: «AUTORIZZATE GLI INFERMIERI A FARE IL TAMPONE ORALE O DRIVE THRU»

«Ministro – continua -, immagini gli occhi persi dei nostri pazienti, spaventati e increduli che la guardano chiedendo aiuto. Io quegli occhi, sono sicura, non potrò mai scordali. Ogni paziente grave si ritrova solo lontano dagli affetti e dalla propria casa. A tenergli la mano ci siamo noi soli, con almeno tre paia di guanti, una tuta, una maschera e una visiera. Ciò nonostante, la nostra professionalità e le nostre competenze avanzate ci stanno comunque facendo portare a casa grandi risultati».

Per questo «vi chiediamo di avere il coraggio, invece di chiamarci eroi, di fare uno sforzo ulteriore e riconoscere nei fatti e non solo a parole la nostra professionalità una volta per tutte, sottolineando l’importanza del nostro operato. Vorrei esprimerle un sentimento di amarezza e di rabbia – spiega l’infermiera -. Due giorni fa siamo venuti a conoscenza del bando indetto dalla protezione civile riguardante il reclutamento di personale sanitario infermieristico con compensi e indennità giornaliere che molti di noi sognano da sempre. Mi duole constatare che ancora una volta ci sia la volontà di creare professionisti di serie A di serie B. Noi professionisti della salute attualmente impegnati nella lotta al n-COV19 nelle “trincee” degli ospedali ci sentiamo abbandonati e ci sentiamo “professionisti di serie B”. Noi che con le nostre competenze, la nostra professionalità, la nostra etica morale siamo da sempre al servizio del cittadino notte e giorno, 365 giorni l’anno stiamo dimostrando il nostro valore professionale minuto dopo minuto, ora dopo ora, giorno dopo giorno».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, LO STUDIO DELL’IMPERIAL COLLEGE: «IN ITALIA INFETTATE 6 MILIONI DI PERSONE»

«Continuerò a fare quello che sto facendo dal 21 di febbraio fino a quando questo incubo sarà finito. Su quello che succederà dopo posso dire con tanta rabbia che ho già messo sul piatto la possibilità di non continuare più tale professione, professione che amo ma che allo stesso tempo oggi mi trovo a odiare. In uno stato civile una professione importante come la mia merita sicuramente di più».

QUI LA LETTERA COMPLETA AL MINISTRO SPERANZA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 18 maggio, sono 524.674.670 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.281.271 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I casi in Italia Il bollettino di oggi (17 maggio): Ad oggi in Italia il totale delle persone […]
Paziente esperto nei comitati etici, Van Doorne (AdPEE): «Ne sanno più dei medici stessi»
L’Accademia del Paziente Esperto Eupati chiede a Speranza l’inserimento dei rappresentanti dei pazienti all’interno dei comitati etici. «La sua visione è differente perché ha vissuto la malattia - spiega la presidente AdPEE a Sanità Informazione - e il suo parere è fondamentale»
Sanità del futuro, Speranza ai dg: «Management ruolo chiave, PNRR occasione per rafforzare SSN»
Direttori generali a confronto nel webinar a Roma per discutere la sanità di domani. Tanese (Asl Roma 1): «Il mondo della sanità ha bisogno di un management competente, responsabile e capace di gestire i cambiamenti». Frittelli (Federsanità): «Siamo alla vigilia di una grande rivoluzione del SSN»
Proroga mascherine al chiuso in alcuni luoghi fino al 15 giugno. L’annuncio di Speranza
Il ministro ha confermato che firmerà oggi l'ordinanza. Le mascherine al chiuso restano sia in ambito sanitario che nei luoghi di svago. Ecco dove
Secondo booster under 80, Speranza: «Possibile prima dell’autunno. Covid non è un’influenza»
Il ministro della salute, ospite su La7, ha dichiarato: «Se positivi al virus è giusto restare a casa per evitare di contaminare altre persone e far circolare il virus in maniera eccessiva». E sulle mascherine al chiuso «valutiamo ma restano presidio importante»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 maggio, sono 524.674.670 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.281.271 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...