Lavoro 31 Marzo 2020 16:20

Lettera di un’infermiera a Speranza: «Non so se continuerò a fare questo lavoro dopo il Covid-19. Meritiamo di più»

«Ogni paziente grave si ritrova solo lontano dagli affetti e dalla propria casa. A tenergli la mano ci siamo noi soli, con almeno tre paia di guanti, una tuta, una maschera e una visiera. Vi chiediamo di avere il coraggio, invece di chiamarci eroi, di fare uno sforzo ulteriore e riconoscere nei fatti e non solo a parole la nostra professionalità una volta per tutte sottolineando l’importanza del nostro operato»

Vanessa Modica è un’infermiera esperta di terapia intensiva, e lavora da più di 12 anni in Area critica presso il Policlinico San Matteo di Pavia. Anche per lei, come per migliaia di infermieri, un mese fa la vita è cambiata drasticamente e ogni giorno combatte un nemico invisibile chiamato Covid-19.

«Il dolore, la sofferenza, che stiamo vivendo è immenso – scrive in una lettera indirizzata al ministro Speranza -. In molti istanti ho avuto davvero la sensazione di essere in guerra e non nego che i momenti di sconforto siano stati e siano molti ogni giorno, ma nonostante questo nulla ci ha ancora fermati».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, NURSING UP A SILERI: «AUTORIZZATE GLI INFERMIERI A FARE IL TAMPONE ORALE O DRIVE THRU»

«Ministro – continua -, immagini gli occhi persi dei nostri pazienti, spaventati e increduli che la guardano chiedendo aiuto. Io quegli occhi, sono sicura, non potrò mai scordali. Ogni paziente grave si ritrova solo lontano dagli affetti e dalla propria casa. A tenergli la mano ci siamo noi soli, con almeno tre paia di guanti, una tuta, una maschera e una visiera. Ciò nonostante, la nostra professionalità e le nostre competenze avanzate ci stanno comunque facendo portare a casa grandi risultati».

Per questo «vi chiediamo di avere il coraggio, invece di chiamarci eroi, di fare uno sforzo ulteriore e riconoscere nei fatti e non solo a parole la nostra professionalità una volta per tutte, sottolineando l’importanza del nostro operato. Vorrei esprimerle un sentimento di amarezza e di rabbia – spiega l’infermiera -. Due giorni fa siamo venuti a conoscenza del bando indetto dalla protezione civile riguardante il reclutamento di personale sanitario infermieristico con compensi e indennità giornaliere che molti di noi sognano da sempre. Mi duole constatare che ancora una volta ci sia la volontà di creare professionisti di serie A di serie B. Noi professionisti della salute attualmente impegnati nella lotta al n-COV19 nelle “trincee” degli ospedali ci sentiamo abbandonati e ci sentiamo “professionisti di serie B”. Noi che con le nostre competenze, la nostra professionalità, la nostra etica morale siamo da sempre al servizio del cittadino notte e giorno, 365 giorni l’anno stiamo dimostrando il nostro valore professionale minuto dopo minuto, ora dopo ora, giorno dopo giorno».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, LO STUDIO DELL’IMPERIAL COLLEGE: «IN ITALIA INFETTATE 6 MILIONI DI PERSONE»

«Continuerò a fare quello che sto facendo dal 21 di febbraio fino a quando questo incubo sarà finito. Su quello che succederà dopo posso dire con tanta rabbia che ho già messo sul piatto la possibilità di non continuare più tale professione, professione che amo ma che allo stesso tempo oggi mi trovo a odiare. In uno stato civile una professione importante come la mia merita sicuramente di più».

QUI LA LETTERA COMPLETA AL MINISTRO SPERANZA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
SARS-CoV-2, Clerici (Uni Milano): «Evolve in modo non favorevole. Vaccino unica arma che abbiamo»
Una ricerca dell’IRCCS Eugenio Medea e dell’Università degli Studi di Milano ha preso in esame più di 800 mila sequenze di SARS-CoV-2
di Federica Bosco
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 24 settembre, sono 230.619.562 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.729.061 i decessi. Ad oggi, oltre 6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I casi in Italia Il bollettino di oggi (24 settembre): Ad oggi in Italia il totale delle persone che […]
Smi, Cgil Medici e Simet a Speranza: «Rilanciare medicina generale con contratto innovativo e dignitoso»
Pina Onotri, Andrea Filippi e Mauro Mazzoni, in rappresentanza dei tre sindacati, scrivono una lettera al Ministro della Salute sul contratto dei MMG e sul Pnrr
Rinnovo CCNL: «Farmacisti collaboratori patrimonio fondamentale della farmacia italiana»
Raggiunto l’accordo per il rinnovo del contratto di lavoro dei farmacisti collaboratori tra Federfarma e le Organizzazioni sindacali dei dipendenti delle farmacie private
Covid e giovani, Speranza: «Prossima settimana intervento Governo per scuola in presenza. Si valutano iniziative forti»
Il Ministro della Salute ha risposto al Question Time al Senato: «L’85% personale scolastico ha già avuto prima dose. Al lavoro perché dato cresca in modo significativo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 settembre, sono 230.619.562 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.729.061 i decessi. Ad oggi, oltre 6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità, Ferruzzi (Cisl): «Pugno di ferro su adeguamento salariale e revisione classificazione personale»

Tavolo tecnico convocato per il 21 settembre 2021. Dopo due incontri estivi si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati
di Isabella Faggiano