Lavoro 13 giugno 2018

Lazio, protesta dei lavoratori della sanità privata a Montecitorio. Cgil, Cisl e Uil: «Rinnovo contratto o sciopero»

I sindacati confederali chiedono che non ci siano lavoratori di serie A e di serie B. L’assessore D’Amato: «Ogni professionista deve avere le medesime opportunità e tutele». Faroni (Aiop Lazio): «Stop a disparità di trattamento tra le varie regioni»

Immagine articolo

Hanno invaso piazza Montecitorio con bandiere, striscioni e slogan come “Stesso lavoro, stesso salario, stessi diritti”. I lavoratori della sanità privata del Lazio sono scesi in piazza davanti alla Camera dei deputati per chiedere il rinnovo del contratto per il settore che manca ormai da 10 anni.

A organizzare la protesta Cgil, Cisl e Uil Funzione pubblica che annunciano una mobilitazione di più ampia portata e non escludono uno sciopero generale in autunno.

«Parliamo di circa 25mila lavoratori che garantiscono il 40% dell’offerta sanitaria del Lazio», ha detto all’agenzia Dire il segretario della Fp-Cgil Roma e Lazio, Natale Di Cola. «Si tratta di lavoratori che da tutto questo tempo attendono un rinnovo del contratto, quando i loro colleghi del pubblico lo hanno siglato pochi mesi fa. Siamo qui in piazza quindi per chiedere alla Regione Lazio di sollecitare la Conferenza Stato-Regioni per stanziare nuove risorse che possano sbloccare la questione».

Roberto Chierchia, segretario Cisl Fp, chiama in causa la Regione Lazio che «non può più tirarsi indietro. Zingaretti aveva promesso in campagna elettorale di mettere mano alla vicenda ridefinendo quello che dovrebbe essere un contratto giusto e legittimo».

Immediata è arrivata la risposta dell’assessore alla Sanità e all’Integrazione Socio-sanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato: «Auspico che ci possa essere un segnale di confronto fra le parti in causa per il rinnovo, dopo quello pubblico, del contratto del comparto della sanità privata. L’assistenza è uguale per tutti ed ogni professionista deve avere le medesime opportunità e tutele. La Regione Lazio si farà parte in causa anche in sede di Conferenza delle Regioni per chiedere che le parti interessate arrivino ad un accordo di rinnovo».

Sul tema è intervenuta anche la presidente dell’Aiop Lazio (Associazione italiana o spedalità privata), Jessica Faroni che ha apprezzato le parole di D’Amato: «È importante che la Regione Lazio si facia parte in causa presso la Conferenza Stato-Regioni per favorire, anche attraverso una copertura finanziaria, l’arrivo alla firma del nuovo contratto. È evidente – aggiunge Faroni – che se non ci sarà un intervento finanziario da parte dell’amministrazione pubblica continueremo ad avere disparità di trattamento tra le varie regioni, quelle più ricche e quelle che sono o stanno per uscire dai piani di rientro. Sappiamo che sia Zingaretti che l’assessore D’Amato faranno di tutto per dare copertura totale o parziale di questo ulteriore costo».

Articoli correlati
Sanità Lazio, continua il duello tra Ministro e Regione. Grillo: «Non ci sono condizioni per uscita». La replica dell’assessore D’Amato: «Abbiamo carte in regola»
ESCLUSIVA | Botta e risposta a margine della presentazione del Manifesto Interreligioso dei Diritti nei Percorsi di Fine Vita. L’assessore alla Sanità del Lazio ha invitato la titolare della Salute alla conferenza sullo Stato di salute della popolazione del Lazio. «Sarà tavolo tecnico a decidere, noi come governo proseguiamo per la nostra strada – sottolinea il ministro - convinti che un presidente di regione non possa fare contemporaneamente anche il Commissario»
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Meningite, Regione Lazio: «Al via vaccinazioni per studenti Istituto Alberghiero Vespucci»
«A partire da domani mattina e fino alla prossima settimana presso il centro vaccinale della Asl Roma 2 (via Bardanzellu, n°8) i docenti e gli studenti dell’Istituto alberghiero A. Vespucci potranno vaccinarsi contro la meningite. I ragazzi dell’istituto romano hanno ricevuto una lettera della Asl per la prenotazione al servizio e potranno vaccinarsi con il […]
Assunzioni in sanità, verso tetti di spesa diversificati tra regioni. No di Cgil, Cisl e Uil, cauta apertura dell’Ugl
I confederali bocciano l'idea su cui starebbe lavorando il Governo: «Sarebbe una intollerabile diversificazione che determinerà una ulteriore esplosione delle diseguaglianze in termini di diritto alla salute». Giuliano (Ugl): «Se ne può discutere ma non aumentino differenze tra nord e sud»
Protesta medici, Bonfili (UIL): «Sanità allo stremo. Sbloccare assunzioni, in ospedale camici bianchi più giovani hanno 55-56 anni»
Il Coordinatore Nazionale Medici della UIL FPL indica due priorità: rinnovo del contratto e aumento delle borse di specializzazione. Poi sottolinea: «Cittadinanza non percepisce disagio per spirito di dedizione della categoria»
Stop al certificato medico per le assenza a scuola
Anche nella Regione Lazio, come già succede in altre regioni italiane, non sarà più necessario per le famiglie portare il certificato medico per le assenze per malattia superiori ai cinque giorni. È stata infatti pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio la legge sulle semplificazioni delle certificazioni sanitarie in ambito scolastico. «L’unico caso in cui è esclusa […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...