Lavoro 5 Ottobre 2020 09:26

La Medicina generale oltre la pandemia”: al via 77° Congresso nazionale FIMMG- Metis

Al via il 77° Congresso FIMMG-Metis che si svolgerà da oggi al 10 ottobre al Tanka Village di Villasimius (Cagliari).
Scotti: «Più risorse e Atto di indirizzo che disciplini il nostro ruolo in situazione di emergenza»

La Medicina generale oltre la pandemia”: al via 77° Congresso nazionale FIMMG- Metis

“La Medicina generale oltre la pandemia” è il titolo scelto per l’appuntamento annuale della Federazione italiana dei medici di medicina generale che quest’anno avrà una grande novità: sarà un congresso misto uno dei primi in presenza ma con “braccia e gambe” che si allungano attraverso il web.

Per rendere fruibili a tutti i medici di medicina generale gli eventi che si svolgeranno nel corso della settimana, infatti, il Congresso potrà essere seguito anche in diretta web e gli eventi saranno accessibili inoltre per un mese dal giorno successivo al loro svolgimento sul sito della FIMMG. Workshop, seminari e corsi (sia residenziali che web, sincroni e asincroni) sono stati accreditati ai fini ECM e saranno supportati dalla piattaforma www.fadmetis.it.

IL PREMIO MARIO BONI AI FAMILIARI DI MARCELLO NATALI

In occasione dell’apertura del Congresso il tradizionale Premio Mario Boni, intitolato allo storico leader della FIMMG, sarà consegnato ai familiari di Marcello Natali, segretario di della FIMMG di Lodi vittima del Covid -19, in memoria di tutti i medici morti a causa del Coronavirus.

La giornata ‘clou’ sarà mercoledì con la relazione del Segretario Nazionale della FIMMG, Silvestro Scotti, l’intervento al Tanka Village del ministro della Salute Roberto Speranza e del Commissario all’Emergenza COVID-19 Domenico Arcuri. Molti i temi che verranno trattati nella settimana congressuale: dalle vaccinazioni all’organizzazione delle cure primarie, dal progetto ‘FIMMG Green’ agli stili di vita.

SCOTTI: «SERVONO PERSONALE, RISORSE E PIÙ DISPOSITIVI»

«I medici di famiglia sono stati in prima linea dall’inizio della pandemia – sottolinea Silvestro Scotti – non si sono mai tirati indietro anche quando si sono trovati a curare i pazienti a ‘mani nude’ pagando a caro prezzo, con tante vittime, il loro impegno. La pandemia deve essere un punto di partenza per una ‘nuova’ medicina generale più dinamica, sempre attenta alla persona ma anche alle tecnologie. L’evoluzione della medicina di famiglia necessita di nuovi strumenti e di una migliore organizzazione per rispondere ai nuovi bisogni evidenziati dalla pandemia. Se si deve vaccinare in sicurezza servono più personale e più dispositivi. Servono risorse che se la parola d’ordine di un riordino dell’SSN diventa “prossimità” bisognerà trovare. Proponiamo quindi – prosegue Scotti – interventi legislativi finanziari che permettano la discussione di un Atto d’indirizzo che disciplini il nostro ruolo nella situazione di emergenza e che trasformi la discussione dell’ACN 2016-2018 da un esercizio teorico ormai datato ad un investimento ‘oltre la pandemia’, ACN attualizzato che, se vogliamo affrontare la seconda ondata con strumenti veri, dobbiamo chiudere nel più breve tempo possibile» conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Allarme carenza Zitromax, «Italia unico Paese in Europa in cui è introvabile». Federfarma invia segnalazione ad Aifa
Le linee guida non prevedono l’uso di Azitromicina nella terapia per il Covid-19 ma gli scaffali sono vuoti un po’ ovunque. Tobia (Federfarma): «Mancanza farmaco pericoloso per chi ne ha davvero bisogno». Scotti (Fimmg): «Medici che fanno il loro dovere non prescrivono Azitromicina in modo inappropriato»
«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Riforma medicina generale, Scotti (FIMMG): «Mantenere monte compensi. Vincoli orari non si trasformino in assistenza lacunosa»
Novità su retribuzione e distribuzione oraria tra studio e Case di Comunità. Il Segretario Generale della Federazione italiana dei Medici di Medicina Generale: «Sì alla quota variabile di retribuzione, ma ognuno faccia (bene) la sua parte»
Nuovo contratto e fine dell’imbuto formativo, cosa prevede il Ddl che riforma le specializzazioni mediche
La proposta, presentata dalla senatrice Boldrini, punta a istituire una scuola di specializzazione per i MMG. Uno degli obiettivi è allineare l’offerta formativa con le esigenze territoriali di salute. Il fabbisogno degli specialisti sarà determinato anche in base alle indicazioni di FNOMCeO e sindacati
di Francesco Torre
Medicina territoriale, cosa prevede la riforma del Pd. Lacarra: «Serve rivoluzione culturale»
Il disegno di legge prevede una delega al Governo sul tema. Tra i punti qualificanti, un vincolo alle regioni per destinare almeno il 5 per cento della spesa sanitaria annua per la promozione e lo sviluppo di attività di screening e di prevenzione e il graduale passaggio degli MMG alla dipendenza
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre