Lavoro 18 Novembre 2014

La dura vita degli specializzandi: gioie e dolori di ieri e oggi sempre all’insegna dei ricorsi

Il problema ora sono i test d’accesso mentre prima era negato l’adeguato trattamento economico

Immagine articolo

Prima si vedevano negare un diritto certo come l’adeguato trattamento economico durante la scuola post laurea, ora invece per accedervi devono fare i salti mortali ed incredibili peripezie per superare le trappole di un sistema d’accesso che continua a mostrare tutti i suoi limiti.

Passano gli anni, ma per migliaia di camici bianchi la strada verso la specializzazione resta lunga, tortuosa e piena di ostacoli da superare. Adesso i giovani medici sfogano la loro rabbia in piazza sperando che dopo l’ultimo pasticcio, quello dei quiz invertiti, ci sia un’assunzione di responsabilità ed un cambio di rotta. Minacciando valanghe di ricorsi si aspettano che l’Italia si allinei al resto d’Europa, creando percorsi lineari, trasparenti e meritocratici alla formazione specialistica. E fuori dai confini nazionali guardava anche chi si specializzava tra il 1982 ed il 1991 e tra il 1994 ed il 2006. Nel nostro Paese, infatti, nonostante specifiche direttive Ue veniva negata – nel primo caso – la borsa di studio mentre nel secondo non erano corrisposti gli oneri previdenziali, assicurativi e contributivi.

Tra bocconi amari da ingoiare e sacrifici, però, per quelli che ora sono ex specializzandi è arrivato il momento della giustizia. Sentenza dopo sentenza  i Tribunali di tutta Italia continuano a legittimare ciò che spettava loro di diritto. E si susseguono, di conseguenza, le consegne di rimborsi milionari a favore dei camici bianchi. Lo Stato, che rischia un esborso superiore ai 4 miliardi di euro, ne ha dovuto necessariamente prendere atto, velocizzando – come riferiscono i legali di Consulcesi, la maggiore realtà italiana ed internazionale a tutela dei medici – l’iter della liquidazione delle somme dovute per risparmiare sui costi legati ad interessi e spese di procedura. All’attenzione del Parlamento ci sono, inoltre, già tre Ddl. Sono stato sollecitati da Consulcesi con un sostegno ormai bipartisan, visto che il terzo – depositato di recente – ha come primo firmatario il senatore del Pd, Carlo Lucherini.  Si sta, insomma, cercando di trovare una soluzione in grado di tutelare i diritti dei medici ed evitare un salasso alle casse pubbliche (va ricordato che il risarcimento spetterà però solo a coloro che avranno fatto ricorso prima della trasformazione in legge).

Nel frattempo, però, non si arresta il fiume di rimborsi a favore dei medici. Questa mattina Consulcesi – che ha visto già riconoscere oltre 362 milioni ai suoi medici – ha consegnato presso l’OMCeO di Pisa altri assegni per oltre 3 milioni di euro a decine di professionisti provenienti da tutta la Toscana mentre, nella stessa sede, ha incontrato anche una delegazione di oltre 100 specializzandi -dichiarandosi pronta a sostenerli nei ricorsi – in un incontro fortemente voluto dal presidente Giuseppe Figlini “ai fini dell’individuazione delle migliori condizioni di tutela per gli iscritti all’Ordine”.

Per ulteriori informazioni sono a disposizione oltre 350 avvocati e consulenti legali che rispondono gratuitamente al numero verde 800.122.777 e sul sito www.consulcesi.it

Articoli correlati
Specializzazione, ma quanto mi costi? Il 1° Report nazionale sulla tassazione universitaria degli specializzandi
di Stefano Guicciardi, Presidente FederSpecializzandi
di Stefano Guicciardi, Presidente FederSpecializzandi
Lombardia, dal Governo 672 mln per la sanità. Monti (Comm. Sanità): «Riorganizzazione Pronto soccorso e più medici, aspettando l’autonomia»   
Il presidente della Commissione Sanità di Regione Lombardia, Emanuele Monti, spiega come saranno utilizzate le risorse stabilite con l’intesa governo-regioni: «Un collegamento più vicino alle persone, all’ospedale-territorio, la presa in carico della cronicità, quel 30% dei pazienti che assorbono il 70/80% delle risorse economiche». Sulla carenza di medici: «Autonomia differenziata potrebbe aiutarci»
di Federica Bosco
Stati generali, Anelli(FNOMCeO): «Specializzandi ultimo anno in SSN, così 5mila borse in più»
Al via gli Stati Generali della Professione medica. Il presidente FNOMCeO, Filippo Anelli: «Elaboreremo un documento finale che orienterà la professione e il ruolo del medico all’interno della società». Un percorso che condurrà a scrivere la Magna Carta della professione
Neolaureati nei Pronto Soccorso, oltre 50mila firme per dire no
Aumentare borse e stipendi di chi lavora in Pronto Soccorso, attivare i concorsi, riconoscere lo status di lavoro usurante: queste alcune delle soluzioni proposte dal Coordinamento degli Specializzandi in Medicina d'Emergenza-Urgenza e da FederSpecializzandi per far fronte alla carenza di personale e salvare i Pronto Soccorso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...