Lavoro 18 novembre 2014

La dura vita degli specializzandi: gioie e dolori di ieri e oggi sempre all’insegna dei ricorsi

Il problema ora sono i test d’accesso mentre prima era negato l’adeguato trattamento economico

Immagine articolo

Prima si vedevano negare un diritto certo come l’adeguato trattamento economico durante la scuola post laurea, ora invece per accedervi devono fare i salti mortali ed incredibili peripezie per superare le trappole di un sistema d’accesso che continua a mostrare tutti i suoi limiti.

Passano gli anni, ma per migliaia di camici bianchi la strada verso la specializzazione resta lunga, tortuosa e piena di ostacoli da superare. Adesso i giovani medici sfogano la loro rabbia in piazza sperando che dopo l’ultimo pasticcio, quello dei quiz invertiti, ci sia un’assunzione di responsabilità ed un cambio di rotta. Minacciando valanghe di ricorsi si aspettano che l’Italia si allinei al resto d’Europa, creando percorsi lineari, trasparenti e meritocratici alla formazione specialistica. E fuori dai confini nazionali guardava anche chi si specializzava tra il 1982 ed il 1991 e tra il 1994 ed il 2006. Nel nostro Paese, infatti, nonostante specifiche direttive Ue veniva negata – nel primo caso – la borsa di studio mentre nel secondo non erano corrisposti gli oneri previdenziali, assicurativi e contributivi.

Tra bocconi amari da ingoiare e sacrifici, però, per quelli che ora sono ex specializzandi è arrivato il momento della giustizia. Sentenza dopo sentenza  i Tribunali di tutta Italia continuano a legittimare ciò che spettava loro di diritto. E si susseguono, di conseguenza, le consegne di rimborsi milionari a favore dei camici bianchi. Lo Stato, che rischia un esborso superiore ai 4 miliardi di euro, ne ha dovuto necessariamente prendere atto, velocizzando – come riferiscono i legali di Consulcesi, la maggiore realtà italiana ed internazionale a tutela dei medici – l’iter della liquidazione delle somme dovute per risparmiare sui costi legati ad interessi e spese di procedura. All’attenzione del Parlamento ci sono, inoltre, già tre Ddl. Sono stato sollecitati da Consulcesi con un sostegno ormai bipartisan, visto che il terzo – depositato di recente – ha come primo firmatario il senatore del Pd, Carlo Lucherini.  Si sta, insomma, cercando di trovare una soluzione in grado di tutelare i diritti dei medici ed evitare un salasso alle casse pubbliche (va ricordato che il risarcimento spetterà però solo a coloro che avranno fatto ricorso prima della trasformazione in legge).

Nel frattempo, però, non si arresta il fiume di rimborsi a favore dei medici. Questa mattina Consulcesi – che ha visto già riconoscere oltre 362 milioni ai suoi medici – ha consegnato presso l’OMCeO di Pisa altri assegni per oltre 3 milioni di euro a decine di professionisti provenienti da tutta la Toscana mentre, nella stessa sede, ha incontrato anche una delegazione di oltre 100 specializzandi -dichiarandosi pronta a sostenerli nei ricorsi – in un incontro fortemente voluto dal presidente Giuseppe Figlini “ai fini dell’individuazione delle migliori condizioni di tutela per gli iscritti all’Ordine”.

Per ulteriori informazioni sono a disposizione oltre 350 avvocati e consulenti legali che rispondono gratuitamente al numero verde 800.122.777 e sul sito www.consulcesi.it

Articoli correlati
Cattolica di Tirana, in Albania nascono tanti medici italiani. Il Rettore Giardina: «Da noi cattolici, ortodossi e musulmani: qua si realizza un vero scambio culturale»
«La selezione a Medicina è paragonabile a quella che si può avere in Italia, anche più severa. Quest’anno si sono iscritti a fare l’esame circa un migliaio di persone e i posti a disposizione erano 50», spiega Giardina. È l'unica università straniera che rilascia titoli congiunti, ossia validi sia in Albania che in Italia, senza seguire ulteriori iter burocratici
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
Numero chiuso, Zauli (Univ. Ferrara) rompe fronte dei rettori: «Non sia quiz a selezionare medici del futuro»
Medico e professore di Anatomia Umana, è in disaccordo con molti dei suoi colleghi. E lancia la sua proposta: una preselezione e un meccanismo per cui passa al secondo anno chi ha conseguito i pieni voti accademici, cioè 27/30 nei 5 esami del primo anno entro il 30 settembre dell’anno successivo. Quattro le proposte di legge in discussione alla Camera
Numero chiuso, procede Ddl. Il no dei rettori: «Con abolizione crisi atenei». La proposta di Miccoli (Anvur): «Semestre formativo aperto a tutti»
Gaudio (Sapienza): «Pronti ad aumentare accessi ma una abolizione sarebbe non sostenibile per gli atenei». E spunta la proposta, a titolo personale, del presidente dell’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema universitario e della Ricerca: «Test su materie comuni dopo tre mesi e, per chi non lo passa, la possibilità di usare quei CFU in altre facoltà»
Formazione medico, la proposta di riforma di FNOMCeO: percorso unico, specialità per MMG e crediti al liceo
I centosei presidenti degli ordini territoriali dei Medici hanno approvato all’unanimità una Mozione, con l’intento di far fronte alla grave carenza di specialisti e di medici di medicina generale attesa per i prossimi cinque anni per via della cosiddetta ‘gobba pensionistica’, e di portare al completamento del percorso di specializzazione i 15cimila medici ancora intrappolati nell’‘imbuto formativo’
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...