Lavoro 20 gennaio 2015

Infermieri, varate le nuove competenze per far decollare la professione

Italia e USA a confronto tra il comma 566 e la nuova legge dello Stato di NY

Immagine articolo

Sono coloro che assistono in casa i nostri anziani, che accompagnano nel tempo i pazienti affetti da malattie croniche, sono sempre in prima linea nella gestione della emergenze sanitarie.

Sono gli infermieri, categoria professionale che negli ultimi 20 anni, in tutto il mondo, ha conosciuto un’impressionante evoluzione. L’aumento dell’aspettativa di vita e i successi della medicina hanno portato ad una progressiva cronicizzazione delle patologie, e l’esigenza di prevenzione e informazione da un lato e di assistenza domiciliare dall’altro sono diventati primari al pari dei processi diagnostici e terapeutici.

Il conto è presto fatto: la figura dell’infermiere professionista si ritaglia in sempre più occasioni un ruolo autosufficiente. Un’attività non più subordinata a quella dello specialista, ma spesso complementare ad essa. Di certo, non c’è più una così netta separazione di mansioni tra le due figure. Le istanze dei rappresentanti della categoria infermieristica parlano chiaro: perché la professione decolli definitivamente è necessario che ai nuovi ruoli ricoperti nella prassi segua un riconoscimento ufficiale da parte delle istituzioni. E, in Italia, questo riconoscimento in parte c’è stato: il comma 566 della nuova legge finanziaria attribuisce nero su bianco agli infermieri una serie di competenze e di autonomie già esercitate de facto, con il plauso della presidente Ipasvi Annalisa Silvestro, che alza la posta e chiede ora “più medicina di iniziativa e più infermieri sul territorio”.

Uno scenario analogo si sta delineando negli USA, dove lo Stato di New York ha di recente approvato una legge che permette agli infermieri di fornire cure primarie senza la supervisione del medico, aggiungendosi ad altri 17 Stati che già prevedevano tale autonomia. Le rimostranze dei medici a stelle e strisce non si sono fatte attendere: com’era da aspettarsi, la resistenza a cedere se non lo scettro una parte di esso, non è di natura puramente deontologica ma anche economica. Per i medici statunitensi, la norma sarebbe frutto di una sovrastima del rapporto costo – efficacia degli infermieri, ed un risparmio di spesa, a conti fatti, potrebbe non esserci. Perché se è vero che gli infermieri costano meno, è vero anche che prescrivono più esami ed indagini diagnostiche. Un gioco a somma zero di cui il sistema sanitario USA farebbe volentieri a meno.

Articoli correlati
FNOPI, arriva il codice di condotta ‘social’ per gli infermieri. Sanzioni per chi non lo rispetterà
Un documento firmato dai 102 presidenti degli Ordini provinciali regolerà l’uso dei social da parte dei 440mila infermieri in Italia. La FNOPI – Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche ha deciso di stilare un codice di condotta per i suoi iscritti. Guai quindi all’infermiere che qualificandosi tale agisce sui social e sul web, magari […]
Gli infermieri Nursing Up al ministro Grillo: «Se non ci sono fondi per sostenere Ccnl il Governo riapra contrattazioni»
«Anche il ministro Grillo riconosce ufficialmente quello che noi abbiamo sottolineato e continuiamo a sottolineare da lungo tempo, cioè che non ci sono i fondi per sostenere i contratti: allora ad un certo punto, se non ci sono le risorse, questi contratti nazionali di lavoro che contratti sono? Possono essere considerati tali? Non è meglio […]
Carenza infermieri, la proposta FNOPO: «Restituiamo a sole ostetriche la cura delle donne nelle aree materno-infantili»
La strategia della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica punta alla razionalizzazione delle risorse umane in sanità e all'utilizzo “appropriato” dei professionisti sanitari. «L'ostetrica può offrire da sola l’80% delle cure ostetriche, come certificato dalla stessa Organizzazione Mondiale della Sanità»
Nursing Up al ministro Grillo: «Infermieri chiedono valorizzazione e assunzioni»
Una delegazione del sindacato Nursing Up è stata ricevuta al Ministero della Salute per parlare delle problematiche della categoria che conta 270mila infermieri nel pubblico impiego, a fronte di un fabbisogno di forza lavoro di almeno 50mila unità in più, stando allo standard minimo stabilito a livello internazionale da Oms, Ocse e Ue. Durante l’incontro […]
Carenza Specialisti, AAROI-EMAC: «Affrontare emergenza ma con regole e corretta programmazione»
In Italia – ormai è un dato di fatto – la carenza di Medici Specialisti Ospedalieri, tra i quali gli Anestesisti Rianimatori, sta mettendo a rischio i LEA. Alle Organizzazioni Sindacali di categoria oggi viene chiesto di collaborare per una soluzione che nell’immediato possa assicurare ai cittadini che questo rischio sia allontanato ricorrendo all’utilizzo dei […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila