Lavoro 20 gennaio 2015

Infermieri, varate le nuove competenze per far decollare la professione

Italia e USA a confronto tra il comma 566 e la nuova legge dello Stato di NY

Immagine articolo

Sono coloro che assistono in casa i nostri anziani, che accompagnano nel tempo i pazienti affetti da malattie croniche, sono sempre in prima linea nella gestione della emergenze sanitarie.

Sono gli infermieri, categoria professionale che negli ultimi 20 anni, in tutto il mondo, ha conosciuto un’impressionante evoluzione. L’aumento dell’aspettativa di vita e i successi della medicina hanno portato ad una progressiva cronicizzazione delle patologie, e l’esigenza di prevenzione e informazione da un lato e di assistenza domiciliare dall’altro sono diventati primari al pari dei processi diagnostici e terapeutici.

Il conto è presto fatto: la figura dell’infermiere professionista si ritaglia in sempre più occasioni un ruolo autosufficiente. Un’attività non più subordinata a quella dello specialista, ma spesso complementare ad essa. Di certo, non c’è più una così netta separazione di mansioni tra le due figure. Le istanze dei rappresentanti della categoria infermieristica parlano chiaro: perché la professione decolli definitivamente è necessario che ai nuovi ruoli ricoperti nella prassi segua un riconoscimento ufficiale da parte delle istituzioni. E, in Italia, questo riconoscimento in parte c’è stato: il comma 566 della nuova legge finanziaria attribuisce nero su bianco agli infermieri una serie di competenze e di autonomie già esercitate de facto, con il plauso della presidente Ipasvi Annalisa Silvestro, che alza la posta e chiede ora “più medicina di iniziativa e più infermieri sul territorio”.

Uno scenario analogo si sta delineando negli USA, dove lo Stato di New York ha di recente approvato una legge che permette agli infermieri di fornire cure primarie senza la supervisione del medico, aggiungendosi ad altri 17 Stati che già prevedevano tale autonomia. Le rimostranze dei medici a stelle e strisce non si sono fatte attendere: com’era da aspettarsi, la resistenza a cedere se non lo scettro una parte di esso, non è di natura puramente deontologica ma anche economica. Per i medici statunitensi, la norma sarebbe frutto di una sovrastima del rapporto costo – efficacia degli infermieri, ed un risparmio di spesa, a conti fatti, potrebbe non esserci. Perché se è vero che gli infermieri costano meno, è vero anche che prescrivono più esami ed indagini diagnostiche. Un gioco a somma zero di cui il sistema sanitario USA farebbe volentieri a meno.

Articoli correlati
Operazione “Mondo Sepolto”, la FNOPI: «Nessun infermiere coinvolto, il buon nome della professione va tutelato»
La Federazione interviene sui recenti fatti di cronaca accaduti a Bologna: «Ancora una volta la professione è stata coinvolta erroneamente in notizie inerenti fatti inaccettabili, che violano, prima ancora delle leggi, il codice etico.
Infermieri e intramoenia, come funziona in Italia? Cavaliere (CID): «Più autonomia per fidelizzare paziente e combattere lavoro nero»
«L’infermiere può svolgere attività intramuraria solo in equipe, chiediamo riconoscimento e tariffe adeguate alle nostre competenze», l’appello di Bruno Cavaliere, presidente del Comitato Infermieri Dirigenti
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Responsabilità medica, la FNOPI lancia la polizza assicurativa per gli infermieri con Unipol Sai
La polizza si caratterizza per un massimale di 5 milioni di euro, il prezzo annuale attualmente più basso sul mercato (22 euro) per coprire responsabilità civile professionale, responsabilità patrimoniale, responsabilità civile per colpa grave e per danno erariale
Siena, Nursing Up: «Alle Scotte infermieri costretti a fare letti, trasportare pazienti e portare prelievi in laboratorio»
Va avanti la dura presa di posizione del Nursing Up contro il demansionamento infermieristico: il sindacato di categoria denuncia in una lettera la grave situazione in cui operano i professionisti sanitari alle Scotte di Siena, dove, nel reparto di OBI/Medicina d’Urgenza, «sono costretti a lavare i letti di degenza per consentire il trasferimento dei pazienti […]
Anche gli infermieri festeggiano i 40 anni del SSN. Mangiacavalli (FNOPI): «Siamo l’ossatura del Sistema. Occorre rivedere competenze»
La presidente della Federazione Nazionale delle Professioni Infermieristiche al compleanno del Sistema Sanitario Nazionale: «Siamo cresciuti insieme, ma adesso dobbiamo ragionare su bisogno di territorialità, domiciliarità e prossimità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano