Lavoro 28 Gennaio 2020

Infermiere di famiglia, 10% di ospedalizzazione in meno dove c’è sperimentazione. FNOPI: «Urgente approvare Ddl. Ma servono correttivi»

In Commissione Sanità audizione di Nicola Draoli, Consigliere della Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche: «Stimiamo ne servano almeno 20mila. Evitare conflitti con altre professioni». Poi spiega: «Nel Ddl sembra quasi che l’infermiere di famiglia sia quell’infermiere che già adesso sta facendo assistenza domiciliare. Invece si tratta di una figura nuova»

Immagine articolo

«Bisognerebbe rivoluzionare il sistema e investire sul territorio. Per questo speriamo che il Ddl sull’infermiere di famiglia diventi legge al più presto». Nicola Draoli, Consigliere del Comitato Centrale della FNOPI e Presidente dell’Ordine degli Infermieri di Grosseto, ha portato il punto di vista dell’Ordine sul Ddl ad hoc in esame dalla Commissione Igiene e Sanità del Senato.

Draoli ha portato all’attenzione dei senatori i primi dati delle sperimentazioni avviate in Italia: per ora ce ne sono in Piemonte, Toscana e Friuli Venezia Giulia, mentre in Lombardia manca ancora l’attuazione di un provvedimento analogo. I dati sono molto incoraggianti: la figura dell’infermiere di famiglia ha portato a una riduzione del 20% degli accessi per codici bianchi in Pronto soccorso e a un meno 10% dei tassi di ospedalizzazione con uno sgravio anche per i medici di famiglia e un aumento degli accessi domiciliari. La figura, prevista dal Patto per la Salute siglato a dicembre, ha ora bisogno di essere normata: «La formalizzazione della figura è fondamentale. Altrimenti si rischia che ogni regione faccia da se», spiega Draoli a Sanità Informazione.

LEGGI ANCHE: L’INFERMIERE DI FAMIGLIA ARRIVA NELLE CASE DEI PAZIENTI CRONICI. ECCO COME FUNZIONA

L’infermiere di famiglia e di comunità, come la FNOPI vorrebbe fosse chiamato, per ora esiste solo in realtà medio-piccole. In Friuli Venezia Giulia c’è la sperimentazione più antica, con un bacino di riferimento di circa tremila persone. Qui, come nelle altre realtà interessate, la soddisfazione dei cittadini-utenti è stata massima secondo le indagini realizzate.

«Bisogna allargare il metodo alle metropoli ed evitare conflitti con le altre professioni», spiega Draoli che poi traccia l’identikit della nuova figura: «Potranno essere infermieri dipendenti ma nulla vieta di pensare a una collaborazione con liberi professionisti a partita iva». La figura di riferimento sarà quella del Medico di Medicina generale: dovrà essere una figura capillare, presente nelle grandi città come nelle aree interne.

«Nel Ddl sembra quasi che l’infermiere di famiglia sia quell’infermiere che già adesso sta facendo assistenza domiciliare. Invece si tratta di una figura nuova, dovrà fare una serie di interventi prima che insorga il bisogno», spiega ancora Draoli. A livello territoriale non ci sarà un problema di ‘convivenza’ con il medico di base. «Potrebbe integrarsi perfettamente nel ‘microteam’ sollecitato a più riprese dal Segretario FIMMG Silvestro Scotti», precisa il rappresentante FNOPI.

Secondo le stime della FNOPI, la stima degli infermieri di famiglia e comunità potrebbero potrebbe aggirarsi sulle 20mila unità. Un numero importante, che pone degli interrogativi sulla sostenibilità economica della misura. Anche su questo la FNOPI ha la sua ricetta: «Basta semplicemente ragionare su una appropriatezza diversa – continua Draoli -. Bisogna cominciare a trasferire risorse o a non investire sulla professione infermieristica dove non serve. Ad esempio, basta investire sulla professione infermieristica quando di fatto diventa un mero ausiliario».

I vantaggi dell’introduzione di questa misura possono essere molteplici. Uno l’ha ricordato il senatore Gaspare Antonio Marinello dei Cinque Stelle, che durante l’audizione ha sottolineato come questa figura potrebbe favorire la domiciliarizzazione dell’assistenza evitando ricoveri ospedalieri e, indirettamente, anche le temibili infezioni ospedaliere, con ricadute positive su costi della sanità e salute della popolazione.

Resta il nodo della formazione. Per ora la FNOPI pensa a un master professionalizzante, ma in futuro l’obiettivo è creare una laurea magistrale ad hoc. Su questo punto la capogruppo del Pd in Commissione Igiene e Sanità Paola Boldrini è pronta a depositare una norma ad hoc.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Coronavirus, Nursing Up: «Oltre 10mila firme sulla petizione online per aiutare gli infermieri in trincea»
Sono oltre 10mila le firme raccolte dalla petizione del sindacato Nursing Up, che ha lanciato un appello online il 16 marzo scorso sulla situazione organizzativa degli infermieri in trincea sull’orlo del collasso. «In queste ore continuiamo a ricevere da parte di infermieri impegnati nelle attività di contrasto al Coronavirus nelle aziende sanitarie delle regioni del […]
Coronavirus, Nursing Up a Sileri: «Autorizzate gli infermieri a fare il tampone orale o Drive Thru»
Si fanno pochi test per il personale sanitario, tra cui si contano 6.205 contagiati, e monta la rabbia degli infermieri impegnati in trincea contro il Coronavirus, che avrebbero diritto a controlli continui per sentirsi meno a rischio e svolgere con serenità i loro compiti di presa in carico e cura dei pazienti. Per questo il […]
Coronavirus, online il bando della Protezione civile per reclutare 500 infermieri
La task force “Infermieri per COVID” è destinata alle Regioni più in difficoltà. Possono partecipare al bando infermieri dipendenti del Ssn, di strutture non accreditate e liberi professionisti. Mangiacavalli (Fnopi): «Ora serve la grande risposta degli infermieri»
Coronavirus, lo psicologo: «L’incubo peggiore di chi lavora in ospedale è contagiare i propri cari»
Piero Gaspa cura il progetto di sostegno psicologico per il personale sanitario in prima linea nell'emergenza al San Giovanni Addolorata di Roma: «Non c’è stato sentore di una crisi, ma serve a prevenire e ovviare al sovraccarico emotivo. Medici e professionisti sanitari soffrono un accumulo di tensione, lavoriamo per evitare che diventi patologico»
Infermiera suicida al San Gerardo di Monza. Fnopi: «COVID-19 colpisce anche così»
La Federazione degli infermieri piange la scomparsa di una giovane collega: «L’episodio terribile, purtroppo, non è il primo dall’inizio dell’emergenza. È sotto gli occhi di tutti la condizione e lo stress a cui i nostri professionisti sono sottoposti. Ne riparleremo quando l’emergenza sarà passata»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 aprile, sono 1.120.752 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 58.982 i decessi e 227.019 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...