Lavoro 24 Marzo 2020

«I dati di Borrelli sono drogati, e non chiamateci eroi dopo aver reso miserabile la sanità». Lo sfogo (virale) di un medico sul web

L’intervista a Fabrizio Lucherini: «A troppe persone sintomatiche è stato rifiutato il tampone, il tasso di mortalità non può essere calcolato se il denominatore è sbagliato». Poi aggiunge: «Questa è una guerra che lascerà dietro di sé macerie 2.0. Servirà una Costituente per cambiare tante cose di questa Italia»

Immagine articolo

In tempi di pandemia succede anche che uno stimatissimo medico romano in auto-isolamento registri un video in cui dà sfogo a tutta la rabbia che prova in questo momento e in poche ore diventi una star del web. Parliamo di Fabrizio Lucherini, radiologo, che dopo l’ennesimo bollettino delle 18.00 con cui il capo della protezione civile snocciola i numeri di contagiati, guariti e deceduti per Coronavirus, ha pubblicato sulla sua pagina Facebook un video, poi condiviso da centinaia di migliaia di persone, in cui, con un linguaggio a dir poco colorito, denuncia quanto questi dati siano lontani dalla realtà.

E lo fa raccontando la sua esperienza personale, che ha ripercorso al telefono con Sanità Informazione: «Vorrei precisare che generalmente non mi esprimo in quel modo – inizia – ma si arriva ad un punto in cui anche la persona più educata e tranquilla esplode. Io sono convinto di avere il Covid-19, ma non ne avrò mai la certezza perché non rientro nelle categorie a cui è riservato il tampone. Sono un medico, sono in costante contatto diretto con il paziente, faccio Tac, risonanze, ecografie, radiografie. E sono uno di quelli che non si ammala mai. Quando una decina di giorni fa ho iniziato ad avere una strana febbretta, una tosse antipatica, un malessere terribile, la perdita di gusto e olfatto e la congiuntivite, ho deciso di auto-isolarmi in una casetta di un amico, per tutelare la mia salute e soprattutto quella dei miei pazienti. I responsabili delle cliniche in cui lavoro mi hanno detto di restare a casa, ma di fatto non mi è stato possibile fare il tampone, perché i reagenti ed il personale necessario per analizzarli non sono sufficienti. Sanno che ne hanno pochi, e se li devono giocare con attenzione. Anche ad alcuni miei amici, che stavano molto peggio di me, hanno negato l’esame. Gli hanno detto di restare a casa e di richiamare solo in caso di difficoltà respiratorie importanti».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, INTERSINDACALE AL GOVERNO: «MODIFICARE I DECRETI PER TUTELARE GLI OPERATORI SANITARI»

«Quindi – continua il dottor Lucherini come un fiume in piena – tutte queste persone, che molto probabilmente dovrebbero rientrare tra quei numeri che Borrelli ogni sera ci elenca, non sono minimamente prese in considerazione. Numeri però che scatenano il terrore, perché io ho tanti amici e pazienti che mi chiamano spaventati, perché appena hanno un colpetto di tosse si vedono già con un tubo in gola. Conosco tante persone che forse sono state infettate e sono asintomatici o paucisintomatici e non rientrano nelle statistiche. Ecco perché dico che quei dati sono drogati».

Di fatto, è lo stesso Borrelli che questa mattina su Repubblica ha confermato che «è credibile il rapporto di un malato certificato ogni dieci non censiti». Allo stesso modo, il calo registrato in queste ore potrebbe essere legato al minor numero di tamponi che vengono eseguiti. E non hanno alcun senso le percentuali di mortalità del virus, se il denominatore su cui vengono calcolate, ovvero il numero di positivi, non è corretto: «Alcuni studi – continua Lucherini – hanno ipotizzato, facendo delle statistiche, che al momento siano almeno un milione le persone con il Covid-19. Quindi il tasso di mortalità sarebbe in linea con quello della Cina o della Corea del Sud. Ma questi calcoli saranno possibili quando, forse tra un anno, tramite le analisi del sangue scopriremo quante persone sono state infettate e non se ne sono nemmeno accorte, proprio come io ho recentemente scoperto di avere avuto la mononucleosi, di cui non ho alcuna memoria».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, BRANCACCIO (UNIVERSITA’ DEL SANNIO): «ACQUISIRE E RENDERE PUBBLICI I BREVETTI DI RICERCA DELLE AZIENDE FARMACEUTICHE»

«Poi ci sono alcuni miei colleghi del Policlinico di Roma, che sono asintomatici ma ufficialmente positivi che tuttavia continuano a lavorare, perché la legge oggi questo prevede. Ecco perché mi sento preso in giro quando vedo che ci chiamano angeli in camice bianco o eroi di questo secolo, come se fino a sei mesi fa non erano i medici a tirar le persone fuori dai guai. Eppure ci hanno tolto tutto. Sono 15 anni che la sanità e la figura professionale del medico sono state rese miserabili. Forse adesso una politica un po’ più attenta avrebbe non dico retto l’urto, ma quantomeno pensato a qualche accortezza in più. È impensabile che non ci siano le mascherine. Quelle che hanno dato in alcuni ospedali del Nord sono imbarazzanti, poco più che fazzoletti. È questo che mi manda in bestia, il pressappochismo italiano».

«Prima o poi questa guerra finirà – aggiunge Lucherini – e come tutte le guerre lascerà dietro di sé delle macerie. Macerie 2.0, sul piano economico e finanziario. E allora sarà necessaria una Costituente. Io, nel mio immenso ottimismo, vedo in questo virus un’opportunità. Quando questo tsunami sarà finito, che ha scoperchiato la bara e ha fatto uscire tutta la porcheria e i vermi che vi erano dentro, spero che avremo la possibilità di cambiare tante cose di questa Italia. Cose che fino ad oggi o non si vedevano o non si volevano vedere. Ma se non si cambierà qualcosa, dopo tutto quello che stiamo vivendo, ci sarà la rivoluzione. Un mio paziente, che ha evidenti problemi economici ulteriormente aggravati da tutto questo, l’altro giorno mi ha detto che se entro un mese le cose non si risolvono sarà costretto ad andare a rubare. “Dotto’, preferisco morire di Coronavirus che di fame”, mi ha detto. E spero che chi è al Governo se ne stia rendendo conto», conclude.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Coronavirus in Calabria, Cimo: «Poco personale e strutture inadeguate, se numeri aumentano sarà crisi»
Il Segretario del sindacato Giorgio Ferrara: «Mancano anche tamponi e dispositivi di protezione individuale. Per ora sopravviviamo, ma se dovessero verificarsi picchi come successo al Nord, non riusciremmo a reggere»
Covid-19, i sindacati della dirigenza medica e sanitaria proclamano lo stato di agitazione
I sindacati non escludono una giornata di protesta 'virtuale' se le loro richieste non verranno accolte: DPI per tutto il personale sanitario, quarantena con sorveglianza attiva per chi ha avuto contatti stretti con positivi, limiti alla responsabilità civile, penale e erariale, riconoscimento premiale, aumento dei contratti di formazione e assunzioni a tempo indeterminato. Fp Cgil Medici e Uil Fpl Medici non aderiscono
Dall’intervista a Sanità Informazione a Mosca, l’ex direttore sanitario dell’Ats di Bergamo è ora consulente alla corte di Putin
Giuseppe Imbalzano: «Mi hanno chiesto come organizzare l’attività e ridurre il rischio. Prossimo appuntamento con i direttori degli ospedali, nel frattempo sto preparando un documento per i cittadini»
di Federica Bosco
Mascherine, foulard ed il principio di precauzione
Come evidenziato dagli organi di informazione, da domenica 5 aprile in Lombardia è in vigore, verso tutti i cittadini che, nel rispetto delle precedenti misure di contenimento (il c.d. “distanziamento sociale”), si spostino per giusta causa, l’obbligo, fino al 13 aprile, di indossare una protezione su naso e bocca – adesso è sufficiente il foulard […]
di Calogero Spada, Specialista TSRM in Neuroradiologia
Dall’indennità di Coronavirus alla limitazione della responsabilità delle strutture: polemica sugli emendamenti al Cura Italia
Dopo i contrasti sulla proposta di limitare la responsabilità civile, penale ed erariale non solo degli operatori ma anche delle strutture sanitarie, Salvini ritira emendamento, ma resta in campo quello del Pd. Duro Filippo Anelli: «La misura è colma». In campo anche proposte per MMG e per remunerazione aggiuntiva dei sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 aprile, sono 1.275.856 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 69.514 i decessi e 262.999 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...