Lavoro 4 agosto 2014

Giovani Medici 2.0, la protesta corre sul web

Occupati virtualmente gli Ordini, nel mirino formazione e turn over. E il Sigm scrive a Renzi

Immagine articolo

La protesta dei Giovani Medici è 2.0, virtuale ma non per questo meno reale.  Nei giorni scorsi, infatti, i camici bianchi in erba hanno occupato simbolicamente gli Ordini di Napoli, Roma e Modena:

un’iniziativa ad opera delle Commissioni Giovani Medici nell’ambito della campagna #noiceneoccupiamoetu, cui ha prontamente aderito la Fimmg “senza sottolineare l’appartenenza ad una sigla sindacale bensì condividendo l’interesse comune delle nuove generazioni”.

L’occupazione “in rete” si è svolta in diretta streaming, e ha visto l’intervento telefonico del presidente FNOMCeO Amedeo Bianco, cui i manifestanti hanno chiesto “un impegno per una forte presenza di giovani medici nelle commissioni degli Ordini periferici, e come parlamentare, a seguire le tematiche legate alla formazione”.

Nello specifico, le note dolenti sono la mancata programmazione dei posti disponibili alle Facoltà di Medicina e Chirurgia, la scarsa pianificazione delle borse di studio in Medicina generale e dei contratti di specializzazione rispetto al numero annuale dei laureati, l’abolizione del comma 14 dall’art 5 del Patto per la Salute sulle attività professionalizzanti dei medici in formazione per la Medicina generale. A tutto ciò si somma la richiesta di delucidazioni sulla bocciatura della proposta del doppio canale universitario-ospedaliero per la formazione specialistica, ed una sua eventuale rivalutazione nei prossimi concorsi.

E intanto il Sigm, in una lettera al premier Renzi, ha sottolineato l’assoluta necessità di mantenere il testo originale della riforma della P.A. nella parte relativa allo sblocco del turn over, con l’abbassamento dell’età pensionabile a 65 anni, l’adozione di criteri di progressione di carriera fondati sul merito piuttosto che sull’anzianità, la rimodulazione delle modalità di selezione per l’accesso alla dirigenza medica del Ssn.

E, a proposito di selezioni, l’8 agosto verrà pubblicato il bando per l’accesso alle scuole di specializzazione: il primo dell’era post decreto Carrozza.

Articoli correlati
Specializzandi, Lorefice (M5S): «Basta fughe di cervelli, ora priorità è cambiare il sistema di formazione post-laurea»
La Presidente della Commissione Affari Sociali della Camera plaude all’annuncio del Ministro Giulia Grillo della creazione di un gruppo di lavoro sul tema: «L’Italia che abbiamo in mente non può fare a meno delle sue migliori menti, nell’interesse di tutti»
Carenza MMG, le proposte dei Giovani Medici al Ministro Grillo: «Formazione accademica per i medici di base e borse ad hoc»
Il Dipartimento di Medicina Generale della SIGM ha elaborato un documento in cinque punti: tra questi facilitazioni in termini di graduatoria per chi si è formato in un’area carente e possibilità per i corsisti di esercitare
Legge Gelli, De Vincentiis (Otorino): «Necessario scoraggiare medicina difensiva durante formazione specialisti»
Secondo il professore «I giovani hanno un approccio “spaventato” ma seguendo linee guida e buone pratiche si possono evitare errori». Dello stesso parere anche il collega Massimo Ralli: «Aggiornarsi è indispensabile per adeguare il proprio operato»
Carenza di medici, la cura di Anaao: contributi delle Regioni, teaching hospital e libera professione per gli specializzandi
Pierino Di Silverio di Anaao Giovani a Sanità Informazione: «Abbiamo sviluppato un algoritmo che consente di calcolare il fabbisogno reale di medici nei prossimi anni. Dobbiamo ridurre gli accessi a medicina ed aumentare le borse per la formazione post lauream»
Giovani medici, Tarsitano (OMCeO Roma): «Lavoro, equo compenso e borse di specializzazione tra le priorità»
È la Consigliera più giovane dell’Ordine dei Medici di Roma. Ecco cosa vuole fare per migliorare la situazione dei suoi coetanei
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...