Lavoro 4 Agosto 2014

Giovani Medici 2.0, la protesta corre sul web

Occupati virtualmente gli Ordini, nel mirino formazione e turn over. E il Sigm scrive a Renzi

Immagine articolo

La protesta dei Giovani Medici è 2.0, virtuale ma non per questo meno reale.  Nei giorni scorsi, infatti, i camici bianchi in erba hanno occupato simbolicamente gli Ordini di Napoli, Roma e Modena:

un’iniziativa ad opera delle Commissioni Giovani Medici nell’ambito della campagna #noiceneoccupiamoetu, cui ha prontamente aderito la Fimmg “senza sottolineare l’appartenenza ad una sigla sindacale bensì condividendo l’interesse comune delle nuove generazioni”.

L’occupazione “in rete” si è svolta in diretta streaming, e ha visto l’intervento telefonico del presidente FNOMCeO Amedeo Bianco, cui i manifestanti hanno chiesto “un impegno per una forte presenza di giovani medici nelle commissioni degli Ordini periferici, e come parlamentare, a seguire le tematiche legate alla formazione”.

Nello specifico, le note dolenti sono la mancata programmazione dei posti disponibili alle Facoltà di Medicina e Chirurgia, la scarsa pianificazione delle borse di studio in Medicina generale e dei contratti di specializzazione rispetto al numero annuale dei laureati, l’abolizione del comma 14 dall’art 5 del Patto per la Salute sulle attività professionalizzanti dei medici in formazione per la Medicina generale. A tutto ciò si somma la richiesta di delucidazioni sulla bocciatura della proposta del doppio canale universitario-ospedaliero per la formazione specialistica, ed una sua eventuale rivalutazione nei prossimi concorsi.

E intanto il Sigm, in una lettera al premier Renzi, ha sottolineato l’assoluta necessità di mantenere il testo originale della riforma della P.A. nella parte relativa allo sblocco del turn over, con l’abbassamento dell’età pensionabile a 65 anni, l’adozione di criteri di progressione di carriera fondati sul merito piuttosto che sull’anzianità, la rimodulazione delle modalità di selezione per l’accesso alla dirigenza medica del Ssn.

E, a proposito di selezioni, l’8 agosto verrà pubblicato il bando per l’accesso alle scuole di specializzazione: il primo dell’era post decreto Carrozza.

Articoli correlati
Giovani medici, Anelli (FNOMCeO): «Subito 10mila borse di studio e rinnovo contratti»
Il presidente della Federazione Nazionale degli Ordini spiega ai nostri microfoni quali sono i provvedimenti da prendere oggi per evitare, un domani, il tracollo del Ssn
di Viviana Franzellitti e Arnaldo Iodice
Specializzandi, Massimo Minerva (ALS): «Negli ultimi anni perse 900 borse: 90 milioni che non vengono riutilizzati»
«Contrastare l'imbuto formativo aumentando le borse - medicina generale e specializzazione - recuperare quelle perse negli anni e modificare il decreto Fedeli per l'abilitazione all'esercizio della professione medico-chirurgica». Queste le indicazioni del presidente dell'Associazione liberi specializzandi
Carenza medici, Bonsignore (Giovani Fnomceo): «Regioni investano in formazione, altro che assumere camici bianchi dall’estero o richiamarli dalla pensione»
Tra le tematiche emerse durante gli Stati Generali del giovane medico è l’assoluta necessità di salvaguardare il numero che «non deve essere "chiuso" bensì programmato in base alle esigenze del SSN da qui ai prossimi anni». Queste le considerazioni del coordinatore dell’Osservatorio Giovani medici Fnomceo a Sanità Informazione
Giovani medici, Emanuele Spina (Sigm): «Risolvere imbuto formativo e lavorativo con una presa in carico globale dei problemi»
«Tutti i laureati in medicina devono poter accedere alla formazione e poi al mondo del lavoro - ha dichiarato a Sanità Informazione il Presidente del Segretariato italiano giovani medici– siamo favorevoli all’apertura dei concorsi agli specializzandi all’ultimo anno»
Stati generali del giovane medico, Di Silverio (Anaao): «Si apra tavolo serio per salvare SSN»
Tra i punti proposti dal sindacato, la partecipazione delle Regioni alla spesa per formare i medici e la collaborazione di università e ospedali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...