Lavoro 18 Gennaio 2022 17:35

FNOPI: «Bozza contratto, legge di Bilancio, riforme professionali: niente va nella direzione richiesta»

La Federazione nazionale Ordini delle Professioni Infermieristiche, a nome dei 456 mila professionisti che rappresenta, scrive una lettera aperta e si appella alla classe politica per richiedere un adeguato riconoscimento economico e la promozione di un sistema basato sulla meritocrazia

FNOPI: «Bozza contratto, legge di Bilancio, riforme professionali: niente va nella direzione richiesta»

«Se è vero che “peggio di questa crisi c’è solo il dramma di sprecarla”, allora è arrivato il momento che alle parole seguano i fatti». È così, ricordando le parole pronunciate da Papa Francesco in una Piazza San Pietro deserta, in uno dei momenti più critici della pandemia, che la FNOPI, la Federazione nazionale Ordini delle Professioni Infermieristiche, si appella alla classe politica per ottenere un adeguato ritorno economico e un sistema realmente meritocratico. «Dalla bozza del nuovo contratto alla Legge di Bilancio, dalle riforme professionali ai percorsi accademici e universitari, niente sembra volersi concretizzare nella direzione delle nostre richieste», scrivono gli infermieri italiani in una lettera aperta.

Gli infermieri: siamo protagonisti, ma non vincitori

Sono 456 mila i professionisti di categoria in prima linea contro il Covid-19. Un esercito di professionisti sanitari che dopo due anni di pandemia si rivolge all’interno Paese, a chi già conosceva la loro professionalità e a chi ne ha scoperto ruolo e preparazione soltanto in questa situazione di emergenza. «Anche se il mondo intero ha riconosciuto gli infermieri come il motore, la spina dorsale, il futuro di ogni moderno sistema sanitario e sociale che voglia definirsi tale. Anche se siamo stati definiti eroi, angeli, mentre ci venivano dedicate piazze e statue. Non siamo vincitori», sottolineano gli infermieri italiani, attraversi la loro Federazione nazionale. Scrivono una storia che non li vede vincitori, «ma – sottolineano – non per colpa nostra. Perché in questi due anni abbiamo dovuto mettere da parte la normale straordinarietà della nostra professione al fianco del cittadino. Abbiamo dovuto lavorare in costante emergenza, ci siamo ammalati di più e peggio di ogni altra categoria, abbiamo rinunciato a ferie, permessi, progetti di carriera e di vita».

Basta parole, servono fatti

Ed ora stanno perdendo anche l’ultima cosa che gli era rimasta: la speranza. «La speranza di una Sanità e di una Politica in grado di riconoscere percorsi di valorizzazione della professione infermieristica – scrivono ancora nella loro lettera aperta -. Dalla bozza del nuovo contratto alla Legge di Bilancio, dalle riforme professionali ai percorsi accademici e universitari, niente sembra volersi concretizzare nella direzione delle richieste avanzate con forza e decisione dalla nostra Federazione Nazionale che, quale Ente sussidiario dello Stato, ha pur sempre mantenuto un dialogo serio e pacato per dovere istituzionale». Gli infermieri italiani manifestano così tutta la loro sfiducia e delusione: «Se questo Paese, se i suoi decisori politici vogliono invertire questa rotta – avvertono – lo facciano adesso.  La FNOPI non può ancora continuare a lungo a cercare una mediazione che non esiste. Perché nulla, oggi – concludono -, è avvenuto rispetto a quanto richiesto e quanto dichiarato davanti alle telecamere».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Tags

Articoli correlati
Infermieri, primo rapporto sulle violenze: 125mila casi sommersi in un anno, 75% contro donne
Mangiacavalli (presidente FNOPI): «Da eroi del Covid a vittime invisibili. Subito inserimento nella categoria lavori usuranti»
Infermieri in fuga all’estero, in Svizzera stipendi d’oro e carriera
Migliaia di infermieri italiani hanno deciso di lavorare all'estero. Tra le mete ambite c'è la Svizzera
Stati Generali FNOPI: in 3 giorni oltre mille infermieri attivi per ridisegnare il proprio futuro
Draoli (FNOPI): «Dal 28 marzo al 2 maggio è attivo il sito statigenerali.fnopi.it. L’obiettivo è approdare ad una piattaforma condivisa che, entro l’autunno, ridisegni la professione infermieristica in Italia, anche attraverso la modifica delle norme primarie e dei percorsi formativi»
Infermieri ucraini in Italia. Fnopi: «No a sanatorie per eventuali stabilizzazioni, sì all’accoglienza nel nostro SSN»
Fnopi: «Gli infermieri ucraini in Italia potrebbero avere grande valenza non tanto per sostituzioni di personale mancante, quanto per fungere da mediatori culturali con i tanti pazienti fuggiti dalla guerra che ci troveremo ad assistere. Necessario progettare accoglienza degli studenti di infermieristica negli Atenei italiani»
Anelli (Fnomceo): «Massima disponibilità, sostegno e supporto per chi arriva da assurdo teatro di guerra»
La FNOMCeO raccoglie e condivide l’appello dei colleghi russi per dire basta alla guerra. Mangiacavalli (Fnopi): «Doverosa accoglienza e accesso a prestazioni sanitarie indispensabili per i rifugiati. Popolo con basso tasso di vaccinazione, attorno al 30%»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...