Lavoro 23 Giugno 2022 15:13

Fimeuc: «Manca il 40% dei medici del PS e del Preospedaliero, il servizio di emergenza urgenza va riformato»

Secondo il presidente Alessandro Caminiti è necessaria una revisione. Quattro i punti cardini su cui lavorare: Più sinergia tra 118 e pronto soccorso, qualifica di dirigente medico per gli specialisti di emergenza urgenza, valorizzazione del ruolo dell’infermiere nell’equipe con medici e tecnici di soccorso, e definizione del ruolo dei volontari

Fimeuc: «Manca il 40% dei medici del PS e del Preospedaliero, il servizio di emergenza urgenza va riformato»

A 30 anni dall’istituzione del sistema di emergenza urgenza i conti non tornano: manca il 40% dei 18.000 medici necessari per garantire i servizi del Pronto Soccorso in Italia, il carico di lavoro è massacrante e sempre più spesso si verificano episodi di violenza contro gli operatori sanitari. A lanciare il grido di allarme è la Fimeuc (Federazione italiana medicina di emergenza, urgenza e catastrofi) che da mesi si batte affinché venga dato seguito ad una riforma da più parti auspicata.

Tutta colpa della pandemia?

«Pensare che solo il Covid abbia dilaniato il sistema sarebbe sbagliato – ammette Alessandro Caminiti medico del 118 di Roma e presidente protempore di Fimeuc -. In realtà i segnali di un malessere erano già presenti prima della pandemia. Possiamo dire che il virus ha messo in luce un sistema fallato, caratterizzato da una fuga continua di camici bianchi, da una scarsa attitudine dei giovani a scegliere questa specializzazione che è completamente assorbente, meno retribuita di altre e con rischi superiori». È un fiume in piena il presidente di Fimeuc che da mesi gira l’Italia per accendere i riflettori dell’opinione pubblica e della politica sulla necessità di una riorganizzazione dell’emergenza urgenza. Le risposte non sono mancate, e in ogni città Fimeuc raccoglie consensi tra gli operatori di settore, istituzioni e politica, eppure il tema è ancora aperto.

«Serve un servizio omogeneo sul territorio e superare la doppia figura del medico convenzionato e dipendente»

Accrescere la cultura della medicina di emergenza urgenza e rendere più omogenea la figura del medico specialista su tutto il territorio nazionale è lo scopo primario della riforma per il riordino del sistema che è stata presentata alla Camera dagli onorevoli Stefano Mugnai (FI), Fabiola Bologna (Coraggio Italia) e Marco Marin (FI). «Cerchiamo di superare la doppia figura del medico dipendente e convenzionato, perché di fatto non funziona, i medici convenzionati tendono ad abbandonare questo settore e i medici dipendenti fuggono sempre più spesso. Ci sono anche altri aspetti da non dimenticare – aggiunge poi Caminiti -: il ruolo degli infermieri nel sistema, soprattutto in quello pre-ospedaliero e ospedaliero, che non devono essere in subordine, ma parte di una squadra di soccorso in cui tutti sono indispensabili, così come la figura dei soccorritori, personale laico di supporto per il 118, la proposta di legge tocca anche questo aspetto senza dimenticare il terzo settore con le associazioni di volontariato».

Politica unita in questa battaglia

Gli attori sembrano allineati, la proposta di una riforma c’è, eppure i tempi non sono ancora maturi: «A differenza di quanto si possa pensare – puntualizza il Presidente FIMEUC – in questa circostanza esiste una trasversalità politica che lascia ben sperare. Il nostro obiettivo è cercare di far convergere su un disegno comune, su un riordino condiviso tutti gli attori del sistema, i politici, le società scientifiche e le associazioni di volontariato perché tutti siamo allineati sul principio di migliorare la qualità del sistema apportando un cambiamento significativo nelle condizioni di medici, infermieri, tecnici del soccorso e volontari. Esistono però ancora delle differenze da superare e noi come Federazione ci siamo posti l’obiettivo di mettere allo stesso tavolo tutte le parti: le società scientifiche, i sindacati, la politica per arrivare ad una soluzione comune».

 

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medici d’emergenza in piazza: «Pronto soccorso a rischio»
I Pronto soccorso italiani sono al collasso per la grave carenza di personale. Mancano 5mila unità. Si temono situazioni di crisi soprattutto durante le festività natalizie. Domani prevista una manifestazione della Simeu davanti al Ministero della Salute
Pronto soccorso in crisi, la ricetta di Monti (Dir. PS): «Occorre forte coordinamento ospedale-territorio»
«Oggi molte persone si rivolgono al Pronto soccorso perché si trovano in difficoltà, noi dobbiamo dare una riposta» spiega Manuel Monti, Direttore del Pronto soccorso dell’ospedale di Gubbio-Gualdo Tadino
di Francesco Torre
Dal reinserimento al lavoro alla formazione, nel Lazio una proposta di legge contro le aggressioni ai sanitari
L’ha presentata il consigliere della Lega Daniele Giannini, raccogliendo le proposte dell’associazione AMAD. L’obiettivo è quello di incrementare le tutele introdotte dalla legge 113 del 2020
di Francesco Torre
Albenga (Savona), l’appello del sindaco Tomatis: «Ridateci il Pronto Soccorso»
Chiuso durante il Covid, il punto di primo intervento della cittadina ligure non ha riaperto dopo la pandemia. I cittadini hanno dato vita al movimento “senzaprontosoccorsosimuore”, raccolto firme e scritto al Presidente della Regione Liguria, mentre il Pronto Soccorso del Santa Corona a Pietra Ligure ora è al collasso
«Nei Pronto soccorso del Lazio si lavora in condizioni al limite del sostenibile». L’allarme dell’Omceo Roma
Il Presidente Omceo Roma, Antonio Magi, denuncia le terribili e precarie condizioni di lavoro degli operatori del Pronto soccorso e chiede alle istituzioni di intervenire per risolvere il problema della carenza di personale nei reparti di emergenza-urgenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa