Lavoro 19 luglio 2016

EX SPECIALIZZANDI – «Sentenze in meno di 2 anni per chi fa ricorso oggi»

Marco Tortorella, avvocato e specialista Consulcesi del contenzioso con oltre 450 milioni di euro ottenuti in favore dei medici tutelati: «Ecco come è cambiata e si è velocizzata la giurisprudenza in materia»

«Un anno e mezzo, al massimo due, per ottenere una sentenza di primo grado». Le tempistiche per accedere ai rimborsi degli ex specializzandi si sono ridotte drasticamente con il passare degli anni. Come riporta “Il Sole 24 Ore” – che riprende le parole dell’avvocato Marco Tortorella, specialista per Consulcesi del contenzioso derivato dal mancato (o parziale) pagamento delle borse di studio in medicina tra il 1978 e il 2006 – vi è ormai pochissima attività d’istruttoria da svolgere nei Tribunali, e la causa è di carattere esclusivamente documentale. Forti dunque di una giurisprudenza oramai consolidata, dunque, i medici ex specializzandi possono arrivare a sentenza in tre o quattro udienze. Cosa che, ad esempio, non era possibile ai primi ricorrenti.

Una netta accelerata l’hanno avuta anche i pagamenti della Presidenza del Consiglio, che solo nell’ultimo triennio ha liquidato oltre 6mila medici Consulcesi con una cifra superiore ai 240 milioni. Complessivamente, però, lo Stato rischia un esborso superiore ai 5 miliardi di euro, evitabile solo con l’accordo transattivo proposto dal recente Ddl Atto Senato n. 2400 e con un decreto da parte del Governo che opti per un rimborso forfettario solo per i medici che avranno presentato ricorso.

«In media – spiega ancora l’avvocato Tortorella – l’indennizzo è di oltre 6.700 euro per ogni annualità più gli interessi da quando ha intentato la causa al momento della sentenza. Si tratta di un parametro che tiene conto di indicazioni della Cassazione, ma ci sono dei casi in cui la somma è più alta e supera gli 11mila euro per ogni anno di corso. Sempre a seconda di autonome interpretazioni dei giudici, attraverso la rivalutazione degli interessi e il cosiddetto debito di valore, la cifra può anche triplicare».

La Cassazione, spiega Tortorella, ha inoltre chiarito due aspetti molto importanti: «Il primo è che possono accedere ai rimborsi anche i medici che lavoravano durante il periodo di specializzazione perché non può essere imputato a loro, ma allo Stato inadempiente, il fatto di aver frequentato la specializzazione senza ottemperare i parametri Ue; l’altro riguarda l’onere della prova, a carico dello Stato che deve dimostrare che l’ex specializzando non ha diritto al rimborso».

A fare ricorso sono sia i medici che si sono specializzati prima del 1991 senza aver avuto alcun rimborso, sia coloro che lo hanno fatto tra il 1993 e il 2006 e hanno ricevuto un compenso parziale. «Nel primo caso (‘83-‘91) – afferma ancora l’avvocato Marco Tortorella – si chiede l’intera borsa non ricevuta. Nel secondo (‘94-2006), invece, il medico chiede gli stessi diritti di chi si è specializzato dopo il 2006, visto che il contratto di formazione prevede gli stessi obblighi senza riconoscere oneri contributivi, assicurativi, previdenziali e l’anzianità di carriera. Va ricordato che la Cassazione ha esteso il diritto al rimborso anche a chi si è iscritto prima del 1983, mentre per quella che è definita una “zona d’ombra”, relativamente agli iscritti tra il ‘91 ed il ‘93, la giurisprudenza è orientata a collocarli nell’applicazione dei diritti post ’93». Per tutti i medici che ancora non avessero rivendicato i loro diritti sono in partenza le ultime azioni collettive. La prossima è stata già fissata per il 15 luglio con numerosi OMCeO, Enti, Associazioni, Sindacati e Società Scientifiche che hanno convenzionato tutti i loro iscritti. Per qualsiasi informazione sono a disposizione i nostri 1000 consulenti legali che rispondono gratuitamente al numero verde 800.122.777 e sul sito www.consulcesi.it.

Articoli correlati
Aggressioni, choc al Santobono di Napoli: «Visitate mio figlio o sparo». «Operativo un telefono rosso per assistere i medici»
«Prendo la pistola e ti ammazzo», così i genitori di un paziente ricoverato in Pronto soccorso. «Anche stavolta, si tratta di un’aggressione che poteva e doveva essere evitata», lo dichiara Massimo Tortorella, Presidente del Gruppo Consulcesi che lancia una azione a supporto dei camici bianchi
Ex specializzandi, raffica di sentenze. In 15 giorni, Stato condannato a rimborsare altri 234 medici per un esborso di oltre 5 milioni di euro
Significativo un passaggio della sentenza della Corte D’Appello di Roma: «La responsabilità dello Stato per la mancata o tardiva attuazione delle direttive europee è duplice: da un lato verso l’Unione Europea per la violazione dello stesso diritto europeo, dall’altro verso i cittadini i quali non hanno acquisito la titolarità di uno e più diritti a causa di detto mancato o tardivo recepimento»
Violenza in corsia, nasce il “Telefono Rosso” per i medici aggrediti
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Il caso della dottoressa di Crotone è solo l’ultimo di una lunga serie di violenze fisiche, verbali e anche sui social network. Con il nuovo servizio supporto umano e legale alle vittime: prossimo passo il Tribunale del Medico da affiancare a quello del Malato»
Ex specializzandi 1993-2006: «Lo Stato deve risarcire 10 miliardi a oltre 50mila medici»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Forti dell’autorevole parere già da noi depositato presso i Tribunali e le Corti italiane lanciamo subito una nuova azione collettiva per dare a tutti l’opportunità di recuperare le somme dovute dallo Stato e per rassicurare tutti coloro che sono in attesa sull’esito positivo dei procedimenti pendenti»
Innovazione in sanità: al “Malta Blockchain Summit” nasce il futuro della digital identity
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi Tech: «Con la Blockchain si certifica l’identità dei pazienti, del fornitore sanitario e del farmaco, escludendo falsificazioni e frodi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...