Lavoro 1 Giugno 2016

Ex specializzandi, nuova sentenza: altri rimborsi per oltre 13 milioni di euro Senatore Aiello: «Ecco il Ddl unico per tutelare tutti i medici»

Il primo firmatario del Ddl 2400 illustra i meccanismi della legge che rimborserà i medici: ecco le cifre forfettarie per chi avrà fatto ricorso. Intanto i Tribunali continuano a dare ragione ai medici: cifre record dalle sentenze

Immagine articolo

Il Ddl unificato che accorpa e supera le proposte di legge già in discussione sul problema degli ex specializzandi è finalmente arrivato in Parlamento.

Con l’Atto Senato numero 2400 per la prima volta vengono affrontate insieme le diverse posizioni di chi ha frequentato una scuola post-laurea tra il ’78 ed il ‘92, senza ricevere alcun compenso per il lavoro svolto, e chi lo ha fatto tra il ’93 ed il 2006, che ha invece ricevuto una borsa di studio incompleta. Un diritto leso che ha aperto un enorme contenzioso tra medici e Stato, che sempre più spesso si è ritrovato a dover pagare milioni e milioni di euro in risarcimenti ai camici bianchi che non avevano ricevuto la borsa di studio. È inoltre di questi giorni la notizia dell’ennesima sentenza che condanna lo Stato a pagare 13 milioni di euro ad oltre 400 medici ex specializzandi che avevano fatto ricorso con Consulcesi Group, realtà di tutela medica che, ad oggi, ha infranto il record di 450 milioni riconosciuti in favore degli ex specializzandi assistiti nelle aule dei tribunali. Ma tornando al Ddl, sono diverse le novità che caratterizzano la nuova proposta di legge. Ce le spiega il Senatore Piero Aiello (NCD), primo firmatario del documento.

Senatore Aiello, finalmente il Ddl relativo agli ex specializzandi è arrivato.

«Finalmente ci siamo. Oramai la necessità di confrontarci su un Disegno di legge esaustivo e completo era troppo forte. Avevamo bisogno di un testo che fosse una garanzia per i colleghi medici. Anzi, diciamo una garanzia doppia, sia per i camici bianchi che per il Governo: per quest’ultimo perché approvando la nostra proposta eviterebbe di continuare a perdere cause in continuazione e quindi di pagare rimborsi con interessi e rivalutazioni per centinaia di milioni di euro; per i colleghi perché finalmente si vedrebbero dare una risposta concreta ad un loro diritto, ovvero quello al risarcimento del danno subito per il non aver avuto la possibilità di ricevere una retribuzione idonea al lavoro svolto durante gli anni di scuola di specializzazione. La nostra proposta nasce soprattutto dall’esigenza di garantire ai colleghi la possibilità di fare una doppia scelta: o accettano, una volta vinto il ricorso, il risarcimento economico, come avvenuto finora, o decidono di sommare gli anni di specializzazione ai contributi figurativi per accelerare il prepensionamento. Perché abbiamo scelto questa strada? Perché, come tutti sanno, oramai c’è un’enorme esigenza di nuovo personale medico negli ospedali, ma il turnover è ancora bloccato. Noi non possiamo stare fermi a guardare e dobbiamo fare qualcosa. Anzi, stiamo immaginando ulteriori percorsi normativi per dare ai giovani medici, che purtroppo giovani non sono più, la possibilità di accedere al Servizio sanitario nazionale e quindi di offrire delle prestazioni che, ad oggi, non vengono garantite. Un po’ perché oramai c’è una grande necessità di medici negli ospedali, un po’ perché i professionisti che lavorano oggi nei nosocomi sono costretti a fare turnazioni inaccettabili proprio perché manca il personale».

Sono tante le novità in questo Ddl unificato che propone una soluzione per tutti coloro che si sono specializzati tra il ‘78 e il 2006. Tra queste, c’è anche un ritocco delle cifre relative all’accordo transattivo.

«Ci è sembrato opportuno tagliare leggermente le cifre che erano presenti nelle prime proposte normative depositate sul tema. Lo abbiamo fatto per dare, una volta in più, una mano al Governo. Perché se è vero quel che ha detto il nostro Premier, ovvero che il Governo è in difficoltà perché continua a pagare i rimborsi vinti dai medici, che rappresentano la principale fonte di spesa della Presidenza del Consiglio, è nostro dovere fare il possibile per rendergli meno gravosa questa preoccupazione. Per questo abbiamo proposto un Ddl esaustivo che possa finalmente porre una fine al contenzioso attraverso una transazione corretta e trasparente».

Anche perché il rischio di esborso totale da parte dello Stato, ovvero quanto si ritroverebbe a dover dare ai medici ricorrenti se tutti ottenessero, come stanno ottenendo, il rimborso previsto, è quantificato in circa 5 miliardi di euro. I numeri sono importanti: soltanto il gruppo Consulcesi, per citare qualche dato, è riuscito a recuperare oltre 400 milioni in favore dei medici ricorrenti. Insomma, è necessario chiudere la questione.

«Senza dubbio. In virtù di tutto ciò, sarebbe ora che ognuno, secondo le proprie responsabilità, cominci a darsi seriamente da fare per cercare di approvare questa proposta nel più breve tempo possibile».

Articoli correlati
«Basta attacchi ignobili, ora partono gli esposti». Consulcesi contro guida alla denuncia dei medici
Il Presidente Massimo Tortorella all’attacco: «Non più tollerabile che studi legali e avvocati senza scrupoli con il supporto dei media alimentino le tensioni medico-paziente. Subito l’Arbitrato della Salute»
Sassoli e Castaldo ai vertici del Parlamento Ue, medici ex specializzandi e Formazione ECM al centro della loro agenda
A Strasburgo l’esponente Pd è stato eletto presidente prendendo il posto di un altro italiano, Antonio Tajani. Confermato vicepresidente l’eurodeputato M5S. Giusta remunerazione dei medici ex specializzandi e incentivi alla formazione, tante idee per la sanità: aumentano le chance per il riconoscimento dei diritti di medici e operatori sanitari
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
David Sassoli è il nuovo presidente del Parlamento europeo. Ecco cosa ha proposto per la sanità in campagna elettorale
Incentivare la formazione, risolvere i contenziosi tramite mediazione e affrontare la questione degli ex specializzandi. GUARDA L'INTERVISTA
Formazione ECM, Consulcesi: «Solo pochi in regola, rischio danno per tutta la categoria»
Dopo la presa di posizione dell’associazione CODICI che punta il dito sul mancato aggiornamento professionale dei medici, interviene il Presidente del network legale Massimo Tortorella: «Emblematico che si arrivi a pensarlo, così si mina la credibilità di un’intera categoria votata all’eccellenza. Forte attenzione mediatica dopo il servizio-denuncia di Striscia, gli impegni assunti dal presidente FNOMCeO Anelli sui controlli spazzeranno via dubbi e critiche»
Ex specializzandi, Foad Aodi(Amsi): «Resa giustizia a tanti medici che lottano per i loro diritti»
«Perché i medici – spiega il presidente dell’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), Foad Aodi - tante volte ultimamente vedono i loro diritti e anche la loro professione a rischio, tra aggressioni e denunce»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...