Lavoro 30 Marzo 2020

Emergenza Covid-19, ma chi pensa alle altre malattie? A Pavia gli specialisti ambulatoriali fanno diagnosi in teleconsulto

Il progetto intende supportare il lavoro dei medici di famiglia alle prese con pazienti che necessitano di visite specialistiche. L’intervista al segretario di Cisl Medici Lombardia Danilo Mazzacane

di Federica Bosco

Medici specialisti ambulatoriali in prima linea sul territorio per rispondere alle richieste dei cittadini che non hanno sintomi riferibili al Covid-19, ma necessitano di un’assistenza medica. Il progetto porta la firma di CISL Medici Lombardia e del suo segretario Danilo Mazzacane, che raggiunto via Skype ci spiega il modello che da oggi è operativo a Pavia, su base volontaria, in attesa del sì dell’ASST locale.

«La nostra proposta riguarda un’attività operativa dei medici specialisti ambulatoriali per soddisfare le richieste di prestazioni urgenti che devono arrivare dal territorio. Ci mettiamo a disposizione dei medici di medicina generale con un teleconsulto per aiutarli a valutare se la richiesta del paziente può avere carattere di urgenza oppure no. Se ha carattere di urgenza, siamo pronti ad accoglierli nel nostro poliambulatorio di Pavia. Questa iniziativa, che abbiamo proposto a Regione Lombardia per essere diffusa in tutta la regione, è già stata accolta da alcune ASST, altre la stanno valutando e sicuramente la metteranno in atto a breve».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, COME FARE ATTIVITÀ FISICA A CASA? RISPONDE IL DIRETTORE DEL CENTRO DI MEDICINA SPORTIVA DELL’UNIVERSITÀ DI PAVIA

«Le attività di coordinamento non sono semplici e i dispositivi di protezione mancano in tutti i Paesi interessati dalla pandemia – continua Mazzacane -. È inutile in questo momento fare una caccia alle streghe, ma è necessario adoperarsi con uno schema di collaborazione guardando ai fatti, cercando di mantenere tutte le misure di sicurezza possibili ed immaginabili per il personale sanitario che ha già perso troppi medici sul campo. Non abbiamo sufficienti ricambi, quindi abbiamo bisogno di mantenere l’integrità fisica di tutti i medici e gli operatori sanitari perché altrimenti sarebbe una sconfitta inevitabile».

Proprio la necessità di mantenere integro il comparto medico e al tempo stesso di far fronte alle esigenze sanitarie di una popolazione non colpita da Coronavirus, che è la maggioranza, ha spinto Mazzacane e la Cisl a definire nuovi percorsi: «Al momento la stima approssimativa dei contagiati è di 280mila a livello nazionale e ci rendiamo conto che tutto il resto della popolazione è numericamente più importante ed ha bisogno di cure oculistiche, dermatologiche, cardiologiche e quant’altro. Il nostro aiuto tramite il teleconsulto ha una doppia efficacia: valutare il carattere di urgenza e quindi di poterci apprestare, curare e visitare pazienti bisognosi con urgenza, ma anche di dare un supporto psicologico ai pazienti».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 1 giugno, sono 6.185.523 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 372.377 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 31 maggio: Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 31 maggio, il totale delle persone che […]
La difficile marcia dell’Africa per contrastare il coronavirus (e le sue conseguenze)
Se il numero di malati di Covid-19 è molto inferiore rispetto ad altre aree del mondo, gli effetti della pandemia nel continente rischiano di essere particolarmente problematici: malnutrizione e crisi economiche potrebbero essere protagoniste dei prossimi mesi
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus, minacce a Sileri: viceministro della Salute sotto scorta
«Ho sentito una volta una persona che ha detto più si sale in vetta e più tira forte il vento. Penso sia nostro dovere dare il massimo e aumentano i rischi». Lo ha affermato il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, ospite di ‘In viva voce’ su Radiouno Rai, commentando la decisione di assegnargli una scorta […]
Farmaci e vaccini coronavirus, se la ricerca va più veloce delle autorizzazioni
Centri di ricerca e di analisi lavorano a pieno regime, spiega il New England Journal of Medicine: le autorizzazioni per analogia farmaceutica sono cruciali
di Tommaso Caldarelli
Covid-19, 43mila infezioni di origine professionale denunciate all’Inail. Il 72% da Sanità e assistenza sociale
Pubblicato il terzo report elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto, con la collaborazione della Direzione centrale organizzazione digitale. I casi mortali sono 171 (+42) e circa la metà riguarda il personale sanitario e socio-assistenziale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 giugno, sono 6.185.523 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 372.377 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 31 maggio: Ne...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco