Lavoro 30 Marzo 2020

Emergenza Covid-19, ma chi pensa alle altre malattie? A Pavia gli specialisti ambulatoriali fanno diagnosi in teleconsulto

Il progetto intende supportare il lavoro dei medici di famiglia alle prese con pazienti che necessitano di visite specialistiche. L’intervista al segretario di Cisl Medici Lombardia Danilo Mazzacane

di Federica Bosco

Medici specialisti ambulatoriali in prima linea sul territorio per rispondere alle richieste dei cittadini che non hanno sintomi riferibili al Covid-19, ma necessitano di un’assistenza medica. Il progetto porta la firma di CISL Medici Lombardia e del suo segretario Danilo Mazzacane, che raggiunto via Skype ci spiega il modello che da oggi è operativo a Pavia, su base volontaria, in attesa del sì dell’ASST locale.

«La nostra proposta riguarda un’attività operativa dei medici specialisti ambulatoriali per soddisfare le richieste di prestazioni urgenti che devono arrivare dal territorio. Ci mettiamo a disposizione dei medici di medicina generale con un teleconsulto per aiutarli a valutare se la richiesta del paziente può avere carattere di urgenza oppure no. Se ha carattere di urgenza, siamo pronti ad accoglierli nel nostro poliambulatorio di Pavia. Questa iniziativa, che abbiamo proposto a Regione Lombardia per essere diffusa in tutta la regione, è già stata accolta da alcune ASST, altre la stanno valutando e sicuramente la metteranno in atto a breve».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, COME FARE ATTIVITÀ FISICA A CASA? RISPONDE IL DIRETTORE DEL CENTRO DI MEDICINA SPORTIVA DELL’UNIVERSITÀ DI PAVIA

«Le attività di coordinamento non sono semplici e i dispositivi di protezione mancano in tutti i Paesi interessati dalla pandemia – continua Mazzacane -. È inutile in questo momento fare una caccia alle streghe, ma è necessario adoperarsi con uno schema di collaborazione guardando ai fatti, cercando di mantenere tutte le misure di sicurezza possibili ed immaginabili per il personale sanitario che ha già perso troppi medici sul campo. Non abbiamo sufficienti ricambi, quindi abbiamo bisogno di mantenere l’integrità fisica di tutti i medici e gli operatori sanitari perché altrimenti sarebbe una sconfitta inevitabile».

Proprio la necessità di mantenere integro il comparto medico e al tempo stesso di far fronte alle esigenze sanitarie di una popolazione non colpita da Coronavirus, che è la maggioranza, ha spinto Mazzacane e la Cisl a definire nuovi percorsi: «Al momento la stima approssimativa dei contagiati è di 280mila a livello nazionale e ci rendiamo conto che tutto il resto della popolazione è numericamente più importante ed ha bisogno di cure oculistiche, dermatologiche, cardiologiche e quant’altro. Il nostro aiuto tramite il teleconsulto ha una doppia efficacia: valutare il carattere di urgenza e quindi di poterci apprestare, curare e visitare pazienti bisognosi con urgenza, ma anche di dare un supporto psicologico ai pazienti».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
All’8 luglio, sono 11.838.384 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 544.414 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 8 luglio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 8 luglio, il totale delle persone che hanno contratto il virus […]
Cronaca di un weekend al mare ai tempi del Covid. Che non è mai sembrato così lontano
Due giorni a Sperlonga sono sufficienti per tornare alla normalità: poche mascherine, distanziamento non rispettato, assembramenti inevitabili. Ma basta un bambino con una maschera da snorkeling per ricordare cosa è accaduto 100 giorni fa
Il virus è più debole? L’emergenza è finita? Le risposte dagli Stati Generali dell’Infettivologia, ma è scontro tra gli esperti
Secondo la Simit, se il virus continuerà a circolare una nuova ondata è molto probabile. Ranieri Guerra (Oms) paragona il Covid con la spagnola, che tornò in autunno uccidendo 50 milioni di persone. Ma dieci esperti sostengono l'indebolimento del virus
Autisti soccorritori, ‘eroi’ dimenticati dell’emergenza. Montanari (CO.E.S.): «Fuori dai tavoli e dal Fondo di Solidarietà, solo Mattarella si è ricordato di noi»
Il Presidente del CO.E.S. Italia Moreno Montanari sottolinea: «Abbiamo avuto cinque morti e un numero imprecisato di contagiati. Ma dalle istituzioni silenzio totale». Continua la battaglia per il riconoscimento del profilo professionale: «A dicembre accordo a un passo con la Conferenza delle Regioni, poi silenzio. Urgente riforma servizio 118»
La vita dei medici youtuber nei giorni del Covid-19
Tanti professionisti sanitari hanno aperto o potenziato i propri canali social durante l’emergenza coronavirus: ne parla un’autorevole rivista scientifica
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

All’8 luglio, sono 11.838.384 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 544.414 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 8 luglio: nell’ambi...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)