Lavoro 16 Settembre 2022 09:24

Emergency affida a IRC la scuola di medicina d’urgenza nel mondo

Spetterà alla Società scientifica Italian Resuscitation Council formare istruttori certificati per Emergency in grado di portare anche in paesi economicamente arretrati i metodi più avanzati per l’assistenza di pazienti in condizioni di emergenza-urgenza

Emergency affida a IRC la scuola di medicina d’urgenza nel mondo

Gestire situazioni di emergenza urgenza in paesi coinvolti in guerre, o pandemie e segnate dalla povertà è una sfida che medici e operatori sanitari di Emergency affrontano quotidianamente. Per agire in questi contesti nel miglior modo seguendo le tecniche più avanzate, è stato siglato un accordo con Italian Resuscitation Council (IRC). Spetterà dunque alla società scientifica esperta di rianimazione cardiopolmonare, accreditata dal Ministero della Salute, formare il personale sanitario locale e di Emergency su quelle che sono nuove tecniche e metodi per salvare un paziente in una situazione di emergenza – urgenza.

Insegnare la rianimazione cardiopolmonare nel sud del mondo

«Faremo formazione agli operatori di Emergency, ma in particolare certificheremo i sanitari locali – spiega Samantha Di Marco, coordinatrice del comitato formazione di IRC -. Nella recente revisione delle linee guida della rianimazione cardio polmonare si è posta infatti attenzione alla necessità di incrementare, anche nei paesi a basso reddito, la formazione di personale in grado di praticare la rianimazione cardio polmonare per garantire una maggiore sopravvivenza dei pazienti. Il nostro sogno, condiviso con Emergency, è di salvare il maggior numero di persone, in caso di arresto cardiaco. Per questo, faremo in modo che anche i sanitari locali possano avere una formazione allineata alle linee guida internazionali».

Progetto triennale

Il protocollo di intesa, siglato da Emergency e IRC, avrà la durata di tre anni. «Il nostro obiettivo è riuscire a declinare all’interno delle diverse culture e risorse disponibili, una formazione all’altezza per superare le differenze presenti – puntualizza la dirigente di IRC – perché oggi avere un arresto cardiaco in occidente, ha un esito spesso differente rispetto a quello di un paese nel sud del mondo».

Si comincia dal Sudan

Prima tappa di questo viaggio, che partirà a novembre, sarà il Sudan nell’ospedale cardiochirurgico, per proseguire, successivamente, con Uganda e Afghanistan. «Insegneremo la rianimazione cardiopolmonare nel paziente adulto e pediatrico e quindi, a seconda del progetto che andremo a supportare, verranno fatte le modifiche del caso. I formatori di IRC lavoreranno a questo progetto a titolo gratuito – tiene a precisare Di Marco -. Insegneremo a monitorare il paziente affinché si possano cogliere quei campanelli di allarme che mettono a repentaglio la sua vita e cercheremo, insieme, di produrre nuove evidenze scientifiche su quanto la formazione di buona qualità possa aumentare la sopravvivenza nei paesi a basso reddito».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (4 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi