Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Nutrizione 29 Agosto 2022

Infarto e ictus: già un solo grammo di sale in meno al giorno abbassa il rischio

Un solo grammo per diminuire il rischio di infarto e ictus. I consigli degli esperti per ridurre il consumo giornaliero di sale

Immagine articolo

Con un solo grammo di sale al giorno in meno diminuiscono i livelli di pressione arteriosa sistolica in media di circa 1,2 mmHg. Di conseguenza, si può ridurre il pericolo di infarto e ictus.  È quello che emerge da un recente studio pubblicato sulla rivista BMJ Nutrition Prevention & Health.

Un solo grammo di sale in meno previene malattie cardiache e ictus fatali

Le linee guida della Società Europea di Cardiologia consigliano di assumere, giornalmente, 5 grammi al giorno di sale. In Italia, il consumo giornaliero di sale è quasi il doppio: in media 9,5 grammi.  «Ma basta anche un solo grammo di sale in meno al giorno per trarre grandi benefici e salvaguardare la salute del cuore».

A spiegarlo Ciro Indolfi, presidente della Società Italiana di Cardiologia (SIC) in occasione dell’apertura del congresso della Società Europea di Cardiologia (ESC), in corso a Barcellona. Dallo studio condotto in Cina da un gruppo di ricercatori della Queen Mary University of London, infatti, risulta che anche una piccola riduzione nel consumo di sale può aiutare a prevenire malattie cardiache e ictus potenzialmente fatali.

Eccessivo consumo di sale associato ad ipertensione e aumento fattori rischio cardiovascolari

«Il sale è una parte importante della nostra dieta – aggiunge Indolfi -. Questo minerale si trova naturalmente in alcuni alimenti e in grandi quantità nei cibi trasformati. La sua assunzione – evidenzia – è importante per molte ragioni. Aiuta, ad esempio, a bilanciare i livelli di liquidi nel corpo. Ma l’organismo richiede appena una piccola quantità di sodio per condurre gli impulsi nervosi, contrarre e rilassare i muscoli e mantenere il corretto equilibrio di acqua e minerali. L’eccessivo consumo di sale è associato all’ipertensione e all’aumento dei fattori di rischio cardiovascolari che a loro volta portano ad aterosclerosi, malattie cardiache e ictus» sottolinea Indolfi.

«I cittadini cinesi consumano circa 11 grammi di sale al giorno, mentre in Italia il consumo medio è stimato in 9,5 grammi negli uomini e 7,2 grammi nelle donne. Ma l’assunzione massima raccomandata dalle linee guida della Società Europea di Cardiologia è di 5 grammi al giorno, l’equivalente di un cucchiaino di sale».

Entro il 2030 in Cina si potrebbero evitare 9 milioni di infarto e ictus. Lo studio

Nello studio i ricercatori hanno calcolato che riducendo l’assunzione di sale di un solo grammo al giorno si possono abbassare i livelli della pressione arteriosa sistolica in media di circa 1,2 mmHg. Se la riduzione fosse poi mantenuta, secondo i calcoli dei ricercatori, entro il 2030 in Cina si potrebbero evitare circa 9 milioni di ictus e infarti, 4 milioni dei quali risulterebbero fatali. Continuando fino al 2040, poi, sarebbero 13 i milioni di casi di infarto e ictus che potrebbero essere evitati.

Gli studiosi hanno calcolato anche che se si raggiungesse l’obiettivo dell’OMS di abbassare il consumo di sale di 3,2 grammi al giorno entro il 2025, con questa riduzione circa 14 milioni di casi di ictus e di malattie cardiache sarebbero prevenuti. Infine, gli esperti hanno preso in considerazione uno scenario ancora più ambizioso: una riduzione del consumo di sale giornaliero di ben 6 grammi. Porterebbe a una diminuzione della pressione sanguigna sistolica media di più di 7 mmHg. Se questa riduzione fosse mantenuta fino al 2030 in Cina, sarebbero 17 milioni i casi di malattie cardiache e di ictus prevenuti mentre i decessi collegati evitati sarebbero 8 milioni.

In Italia malattie cardiache causano 240mila decessi ogni anno

«Anche in Italia una piccola riduzione del sale consentirebbe grandi benefici, tenuto conto che nel nostro Paese le malattie cardiache continuano ad essere la principale causa di morte con 240mila decessi ogni anno – afferma Indolfi -. Ogni anno in Italia si registrano circa 150mila infarti e oltre 1,5 milioni sono le ospedalizzazioni dovute a scompenso cardiaco. Di quest’ultimo vi sono oltre 600mila diagnosi l’anno. Ma il numero cresce fino a 3 milioni considerando le forme latenti. È la prima causa di ospedalizzazione in Italia e i pazienti arrivano a effettuare fino a 6-7 ricoveri all’anno, spesso con degenze di lunga durata». La mortalità, inoltre, è molto alta, interessando a distanza di 4-5 anni circa il 50% dei pazienti. «Per questo le evidenze suggerite da questo studio, se applicate alla vita reale, potrebbero rivelarsi determinanti sul fronte della prevenzione di eventi cardiovascolari e decessi evitabili» conclude Indolfi.

I consigli degli esperti per ridurre il consumo di sale

Ecco le raccomandazioni degli specialisti per riuscire a moderare il sale a tavola giornalmente:

  1. Sciacquare accuratamente verdure in scatola e preferire frutta e verdure fresche
  2. Diminuire gradualmente l’aggiunta di sale
  3. Usare erbe, spezie, aglio e limone al posto del sale
  4. Mettere il sale e le salse salate lontano dalla tavola
  5. Controllare le etichette dei prodotti alimentari prima di acquistarli per scegliere quelli a minor contenuto di sale.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi