Lavoro 7 Marzo 2022 09:08

Effetto Covid sul privato accreditato: prestazioni dimezzate. Per AIOP Lombardia da rivedere la legge

Per Dario Beretta, presidente di AIOP Lombardia, il crollo del settore è da imputare non solo al virus ma anche alla norma che vincola il privato accreditato ai budget del 2011. «Quaranta milioni erogati da Regione Lombardia non bastano, sono una goccia nel deserto»

Effetto Covid sul privato accreditato: prestazioni dimezzate. Per AIOP Lombardia da rivedere la legge

Se il Covid ha dimezzato l’attività di Intramoenia e allungato le liste d’attesa nel SSN, non migliore sorte è toccata al privato accreditato con l’attività solvente. A denunciare il calo per effetto della pandemia è Dario Beretta presidente di AIOP Lombardia (Associazione italiana ospedalità privata), ortopedico, già vicepresidente dell’IRCCS Galeazzi di Milano e direttore generale dell’Istituto Clinico San Siro.

«C’è stato un netto crollo determinato da varie ragioni – ammette Beretta – in primo luogo le strutture sono state convertite nella battaglia contro il virus e i pazienti, se non necessitavano di prestazioni urgenti, hanno preferito rinviare per timore dei contagi. Regione Lombardia per questo motivo ha avuto una forte contrazione, in particolare dai pazienti provenienti da fuori sede che rappresentano una utenza del valore di un miliardo e cinquanta milioni l’anno».

L’ortopedia lombarda ha registrato nel 2020 15 mila protesi in meno

«Pensi che per quanto riguarda l’attività ortopedica – spiega il presidente di AIOP -, nel 2020 sono state effettuate in Lombardia 15 mila protesi in meno, tra anca e ginocchio, rispetto al 2019. 15 mila interventi che prima o poi dovranno essere recuperati».  Se il 2020 è stato l’anno più nero per le casse del privato accreditato, una lieve ripresa si è registrata nel 2021 senza però arrivare ai numeri del 2019. «Lo scorso anno qualcosa è ripartito, ma sempre con il freno a mano tirato, a causa dei ripetuti periodi di emergenza. Nel 2021 abbiamo avuto ancora diversi focolai e lo stesso nel 2022 a inizio anno per la variante Omicron che ha condizionato l’attività. Noi speriamo che con la fine dell’emergenza, da aprile, si possa riprendere attività normale, e tornare ai livelli del 2019».

«Non solo colpa del Covid. Da rivedere i budget»

Se il Covid è il principale indiziato del crollo verticale registrato nel privato accreditato, per Beretta non è l’unica causa. «Per poter recuperare ci vorrebbero dei correttivi alla legge – analizza il presidente di AIOP Lombardia -. Le strutture private accreditate, infatti, hanno ancora un vincolo legato al DL 95 del 2012 per cui i budget sono fermi al 2011. Ci sono le potenzialità e le capacità di fare le prestazioni, ma se non viene data la possibilità di andare oltre ai budget storici, diventa molto difficile poter recuperare il tempo perduto».

L’impegno profuso da Regione Lombardia con la delibera di 40 milioni destinati al privato accreditato per tagliare le liste d’attesa non basta. «Si tratta di una goccia nel deserto – conclude Beretta – perché per gli ambulatori privati che hanno una produzione di 3 miliardi, 40 milioni corrispondono all’1,3%. Quindi una cifra irrisoria non sufficiente per poter recuperare tutte le prestazioni che non sono state fatte negli ultimi due anni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Attività intramuraria libero-professionale, da Agenas il Rapporto sullo stato dell’arte in Italia
Progressivo adeguamento ai parametri richiesti dalla legge. Restano da superare difformità territoriali e recuperare lacune assistenziali post Covid-19
Crollo intramoenia, CIMO-FESMED: «A perderci sono medici, strutture e pazienti. Rendiamola più attrattiva»
«L’intramoenia viene ancora considerata erroneamente e da più parti la causa delle liste d’attesa - sostiene la Federazione CIMO-FESMED -. Ogni iniziativa adottata contro la libera professione dei medici dipendenti del SSN si tramuta di fatto in un vantaggio per la sanità privata. E forse, viene quindi da chiedersi, è proprio questo l’obiettivo ultimo per qualcuno»
Intramoenia e sviluppo di carriera per professioni sanitarie, Boldrini (Pd): «È il momento giusto»
Coinvolti in primis gli infermieri ma anche ostetriche e professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione, della prevenzione. «La proposta va in sinergia quella sull’infermiere di comunità che è tornata di grande attualità con l’emergenza Covid» spiega la capogruppo Pd in Commissione Sanità. «Non ci deve essere più conflittualità tra le professioni ma una collaborazione messa in pratica da tanti anni negli altri Paesi»
Liste d’attesa, nel Lazio firmato il nuovo piano. D’Amato: «Puntiamo su trasparenza e partecipazione»
Il nuovo Piano Regionale per il Governo delle Liste di Attesa (PRGLA) recepisce le indicazioni contenute nel Piano Nazionale di Governo delle Liste di attesa per il triennio 2019-2021
Intramoenia professioni sanitarie, Sileri (Commissione Sanità) presenta Ddl. Il plauso di FNOPI e Nursing Up
La presidente FNOPI Barbara Mangiacavalli: «Non sia strumento per sopperire alle carenze di organici». Il presidente Nursing Up Antonio De Palma: «Ddl segna momento storico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...