Lavoro 18 Maggio 2016 11:35

ECM, certezza della legge ed equilibrio tra offerta e accessibilità

Sanità informazione intervista il senatore Amedeo Bianco, membro della Commissione Igiene e Sanità: «Maggiore attenzione da tutti gli attori del sistema»

«Non ha senso stabilire un dovere se manca l’accessibilità al suo adempimento». Il senatore Amedeo Bianco (PD), membro della Commissione Igiene e Sanità, fa presente una criticità che lui stesso aveva subodorato ai tempi della sua vicepresidenza alla Commissione Nazionale ECM.

Parliamo infatti dell’obbligo ECM e della vicenda, risalente ad alcuni mesi fa, che ha visto il Ministero della Salute annunciare un giro di vite e depennare migliaia di medici competenti non in regola con i crediti ECM. Oggi, tirando le somme di quanto accaduto, appare necessario riorganizzare al meglio il discorso della formazione continua in medicina su tutti i livelli. Da quello istituzionale, che deve garantire non solo l’effettiva accessibilità alla formazione, ma determinarne la cogenza, a quello professionale: medici e operatori sanitari devono essere messi nelle condizioni di adempiere all’obbligo formativo. Solo così, infatti, sarà possibile realizzare il fine ultimo dell’educazione continua in medicina: la sicurezza e la salute dei pazienti.

«Credo che il caso dei medici competenti sia stato, nel suo svilupparsi nel tempo, il prototipo di una criticità che sottolineavo già quando ero vicepresidente della Commissione Nazionale – spiega il senatore –  rispetto alla obbligatorietà dei crediti e alle misure che potessero rendere cogente quest’obbligo. Il sistema, infatti, nonostante i grandi sforzi fatti, presentava difformità nell’offerta formativa e nelle modalità di registrazione dei crediti ottenuti».

Una vicenda da tenere come memorandum per evitare di incappare nelle stesse sviste in futuro.
«L’insegnamento che ne abbiamo tratto  – continua Bianco – è, innanzitutto, che le attività formative sono un elemento costitutivo del profilo di esperienza, competenza e know-how dei professionisti. Che devono migliorare i sistemi di registrazione e rubricazione delle attività formative e che gli obblighi vanno sempre inseriti in un contesto certo di regole dove ci sia un sostanziale equilibrio tra l’offerta e l’accessibilità. Non ha senso stabilire  un dovere se manca l’accessibilità al suo adempimento, in questo caso l’offerta. Bisogna che tutti gli attori del sistema – aggiunge – ognuno per il suo ambito di competenza, riprendano un’attenzione positiva e propositiva sul tema della formazione continua: il Ministero, le Regioni, le aziende e i professionisti».

E insomma, che sia attraverso un sistema premiale, o viceversa sanzionatorio, le istituzioni devono incentivare e favorire la formazione del medico…
«Un sistema che deve funzionare – conclude il senatore Bianco –  e riguadagnarsi fiducia, credibilità e affidabilità da parte dei professionisti».

Articoli correlati
Università Bicocca di Milano: nasce la scuola di alta formazione professionale per manager della sanità
Sono 26 gli atenei coinvolti nella SPES, Alta Scuola di Sanità Pubblica a vocazione internazionale. Destinata a studenti con curriculum di eccellenza e in regola con gli esami, la scuola ha due obiettivi innovare e fare rete. Si comincia a settembre con il corso sull’emergenza sanitaria
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Quali criteri deve adottare il Provider in riferimento alla sponsorizzazione commerciale?
Gli eventi possono essere sponsorizzati, mediante apposito contratto, da imprese commerciali operanti anche in ambito sanitario purché ciò non influenzi i contenuti formativi dell’evento. Non è consentito indicare lo sponsor commerciale nell’esposizione dei contenuti formativi, se non indicando il logo dello Sponsor prima dell’inizio e dopo il termine dell’evento. Lo sponsor può essere coinvolto nella […]
Formazione, al vaglio un percorso universitario per transfrontalieri di Italia e Francia
Il coordinatore Ceruti: «Con il progetto Prosanté possibili percorsi con professionisti bilingue per integrare ospedale e territorio»
di Federica Bosco
Le pubblicazioni scientifiche danno diritto a crediti ECM?
Sì, sono una tipologia di formazione individuale, secondo quanto stabilito al paragrafo 3.2.1 (Pubblicazioni scientifiche) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario. I professionisti sanitari autori di pubblicazioni scientifiche censite nelle banche dati internazionali Scopus e Web of Science/Web of Knowledge maturano il diritto al riconoscimento, per singola pubblicazione, di: – 3 crediti (se […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...