Lavoro 18 maggio 2016

ECM, certezza della legge ed equilibrio tra offerta e accessibilità

Sanità informazione intervista il senatore Amedeo Bianco, membro della Commissione Igiene e Sanità: «Maggiore attenzione da tutti gli attori del sistema»

«Non ha senso stabilire un dovere se manca l’accessibilità al suo adempimento». Il senatore Amedeo Bianco (PD), membro della Commissione Igiene e Sanità, fa presente una criticità che lui stesso aveva subodorato ai tempi della sua vicepresidenza alla Commissione Nazionale ECM.

Parliamo infatti dell’obbligo ECM e della vicenda, risalente ad alcuni mesi fa, che ha visto il Ministero della Salute annunciare un giro di vite e depennare migliaia di medici competenti non in regola con i crediti ECM. Oggi, tirando le somme di quanto accaduto, appare necessario riorganizzare al meglio il discorso della formazione continua in medicina su tutti i livelli. Da quello istituzionale, che deve garantire non solo l’effettiva accessibilità alla formazione, ma determinarne la cogenza, a quello professionale: medici e operatori sanitari devono essere messi nelle condizioni di adempiere all’obbligo formativo. Solo così, infatti, sarà possibile realizzare il fine ultimo dell’educazione continua in medicina: la sicurezza e la salute dei pazienti.

«Credo che il caso dei medici competenti sia stato, nel suo svilupparsi nel tempo, il prototipo di una criticità che sottolineavo già quando ero vicepresidente della Commissione Nazionale – spiega il senatore –  rispetto alla obbligatorietà dei crediti e alle misure che potessero rendere cogente quest’obbligo. Il sistema, infatti, nonostante i grandi sforzi fatti, presentava difformità nell’offerta formativa e nelle modalità di registrazione dei crediti ottenuti».

Una vicenda da tenere come memorandum per evitare di incappare nelle stesse sviste in futuro.
«L’insegnamento che ne abbiamo tratto  – continua Bianco – è, innanzitutto, che le attività formative sono un elemento costitutivo del profilo di esperienza, competenza e know-how dei professionisti. Che devono migliorare i sistemi di registrazione e rubricazione delle attività formative e che gli obblighi vanno sempre inseriti in un contesto certo di regole dove ci sia un sostanziale equilibrio tra l’offerta e l’accessibilità. Non ha senso stabilire  un dovere se manca l’accessibilità al suo adempimento, in questo caso l’offerta. Bisogna che tutti gli attori del sistema – aggiunge – ognuno per il suo ambito di competenza, riprendano un’attenzione positiva e propositiva sul tema della formazione continua: il Ministero, le Regioni, le aziende e i professionisti».

E insomma, che sia attraverso un sistema premiale, o viceversa sanzionatorio, le istituzioni devono incentivare e favorire la formazione del medico…
«Un sistema che deve funzionare – conclude il senatore Bianco –  e riguadagnarsi fiducia, credibilità e affidabilità da parte dei professionisti».

Articoli correlati
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
L’Azienda che invita dei partecipanti ad un evento ECM cosa deve trasmettere al Provider?
Ai sensi della Determina del 18.01.2011 “Reclutamento dei partecipanti” l’Azienda che invita professionisti sanitari a frequentare un determinato evento formativo, con spese a carico dell’azienda stessa, deve fornire al Provider l’elenco con i nomi dei partecipanti invitati all’evento formativo.
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD?
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD a condizione che siano rispettati i requisiti di tracciabilità e di completa esclusione dei professionisti che non operano sul territorio dell’Ente accreditante. Se l’accesso è consentito a tutti i professionisti indipendentemente dalla loro sede operativa, deve essere fatta richiesta di accreditamento dell’evento FAD alla CNFC (cfr.: Regolamento applicativo […]
ECM, Bovenga (CoGeAPS): «I medici non conoscono le regole del gioco, occorre ‘aggiornarsi sull’aggiornamento’»
«La prima regola è conoscere le regole del gioco». L’intervista a tutto campo al presidente nazionale del Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie
Violenza di genere, Roberto Carlo Rossi (OMCeO Milano): «C’è bisogno di fatti concreti, pochi si impegnano davvero per risolvere il problema»
L’OMCeO Milano, il Comune di Milano, la Regione Lombardia, il Policlinico Ca’ Granda e Club Medici scendono in campo insieme per contrastare il fenomeno. Al via il 27 ottobre la nuova edizione del corso di formazione ECM "Violenza sulle donne, violenza di genere” di Club Medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila