Lavoro 5 Maggio 2021 16:13

Dispositivi medici, in arrivo il nuovo Regolamento europeo. Nocco (AIIC): «Standard di qualità e sicurezza sempre più elevati»

Il presidente dell’Associazione Italiana Ingegneri Clinici: «Sarà istituita una banca dati europea, previsti la valutazione pre e post-market e l’inserimento di apparecchiature estetiche e nano materiali tra i dispositivi medici. Una figura ad hoc controllerà produzione e distribuzione»

di Isabella Faggiano
Dispositivi medici, in arrivo il nuovo Regolamento europeo. Nocco (AIIC): «Standard di qualità e sicurezza sempre più elevati»

Anche le apparecchiature estetiche, come il laser utilizzato per l’epilazione o per i trattamenti di viso e corpo, rientreranno tra i dispositivi medici. Saranno introdotti i nanomateriali ed una figura ad hoc controllerà produzione e distribuzione dei dispositivi. Queste sono solo alcune delle novità operative dal 26 maggio 2021 con l’entrata in vigore, su tutto il territorio europeo, del Nuovo Regolamento relativo ai dispositivi medici (MDR 2017/745).  Approvato con un anno di ritardo, a causa della pandemia da Covid-19 (doveva essere applicato entro maggio 2020), va a sostituire gli attuali strumenti normativi sui dispositivi medici.

«Per alcuni aspetti, il contenuto del nuovo Regolamento non sembra introdurre grandi novità – commenta Umberto Nocco, presidente dell’Associazione Italiana Ingegneri Clinici e coautore della pubblicazione dell’Italian Health Policy dedicata proprio al nuovo documento -. Avendo come obiettivo primario la commercializzazione dei prodotti, si tratta, infatti, di una normativa scritta prevalentemente per i produttori».

Nuovi materiali e dispositivi

Il documento introduce un’estensione della definizione di dispositivo medico: «Dall’entrata in vigore del nuovo regolamento faranno parte della categoria dei dispositivi medici anche le apparecchiature estetiche, come quelle utilizzate per la laser-terapia – commenta Nocco -. Saranno contemplati anche nuovi materiali, come i nano materiali, e i dispositivi utilizzati per il trasporto farmaci. Altra novità sarà la modificazione della classe di appartenenza di diversi dispositivi: appartenere ad una classe superiore sarà garanzia di maggiore qualità e sicurezza».

Parametri che saranno garantiti ulteriormente anche grazie all’introduzione di una nuova figura professionale: «Il nuovo regolamento – aggiunge il presidente dell’Associazione italiana ingegneri clinici – prevede la presenza di un responsabile della normativa che funga da supervisore sia al momento della produzione che della distribuzione. Il ruolo potrà essere svolto da coloro che già sono specializzati in questo tipo di mansioni, ma non è escluso che in futuro si possa pensare ad un percorso formativo specifico», sottolinea Nocco.

Novità per ospedali e clinici

Alle strutture ospedaliere sarà offerta la possibilità di realizzare e certificare dispositivi medici. «Questi – sottolinea l’ingegnere clinico – non vanno confusi con i dispositivi su misura per il singolo paziente. Ma si tratta di dispositivi che, non avendo uno sbocco industriale, possono essere costruiti direttamente all’interno delle aziende ospedaliere. Ne è una dimostrazione chiara e concreta la stampa 3D (che consente, ad esempio, a medici e tecnici di creare stent personalizzati, ndr)».

La nuova norma perfeziona anche la valutazione delle prestazioni, tra gli aspetti ritenuti più carenti nel precedente Regolamento. «Il nuovo documento introduce una serie di valutazioni pre e, soprattutto, post-market allo scopo di verificare prima, e confermare poi, l’efficacia e la sicurezza dei dispositivi medici». Questa sarà una novità che riguarderà anche i clinici che, in prima persona, potrebbero essere chiamati a rispondere ai test di valutazione.

Più qualità e sicurezza

Grazie alla creazione di una Banca dati europea dei dispositivi medici (EUDAMED) sarà dedicata maggiore attenzione anche alla trasparenza, offrendo un’ulteriore garanzia ai pazienti. «Questa banca dati permetterà di raccogliere ed elaborare le informazioni riguardanti i dispositivi presenti sul mercato e gli operatori economici, la loro conformità, i certificati, le indagini cliniche, la vigilanza e la sorveglianza del mercato», spiega l’ingegnere clinico.

Con queste ed altre novità, contenute nei 10 capitoli, 123 articoli e 17 allegati del documento, il nuovo Regolamento punta, dunque, ad offrire una garanzia di protezione della salute dei pazienti e degli utilizzatori, fissando standard sempre più elevati di qualità e sicurezza dei dispositivi medici.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
In un anno 6 mila incidenti con dispositivi medici. Il 50% dei decessi collegati riguarda apparecchi per il cuore
Il Ministero della Salute ha pubblicato il primo Rapporto sulle attività di vigilanza sui dispositivi medici relativo all’anno 2018. Ecco cosa emerge
Solidarietà, da Sofar 40.000 mascherine protettive FFP2 al Comune di Bergamo
«In quello che rimarrà nella storia come uno dei periodi più difficili per il nostro Paese, fare la propria parte per essere vicini a chi ha più bisogno è un dovere di tutti. Aziende comprese. E Sofar – si legge nel comunicato stampa dell’azienda – realtà italiana impegnata in ricerca e innovazione di farmaci, integratori alimentari e […]
Quasi 6 miliardi la spesa delle strutture sanitarie pubbliche nel 2017 per i dispositivi medici
L’aumento rispetto all’anno precedente è del 2,6%. Oltre un milione gli apparecchi censiti
Dispositivi medici, Boggetti (Assobiomedica): «Sono sicuri, Ministero fa controlli accurati. In caso di dubbi andate dal medico»
Il caso nato dall’inchiesta giornalistica “Implant Files”. Positivo il giudizio del presidente dell’associazione che raccoglie le aziende del settore biomedicale sul Sunshine Act: «Bene rendere trasparenti i rapporti professionali ma non sia demonizzazione»
Protesi e dispositivi killer, l’inchiesta giornalistica che smaschera l’assenza di controlli
Sono migliaia le morti causate in tutto il mondo da impianti medicali difettosi o di scarsa qualità. Pacemaker, protesi delle anche o delle ginocchia, spirali anticoncezionali o reti sintetiche che causano dolori e lesioni e, in alcuni casi, il decesso del paziente. Impianti incrinati nella schiena, defibrillatori impiantabili che si inceppano, contraccettivi che causano danni […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 241.152.349 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.906.104 i decessi. Ad oggi, oltre 6,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?