Cause 18 ottobre 2016

Vittoria da 18 milioni per i medici campani. Consulcesi: «Interrompete gratuitamente la prescrizione»

Consegnati rimborsi ad oltre 400 camici bianchi. Tortorella (Consulcesi): «Diritto va in prescrizione, chi non ha fatto ricorso può interromperla gratuitamente con una telefonata»

Una nuova vittoria per i medici ex specializzandi. A Napoli il gruppo Consulcesi ha distribuito oltre 18 milioni di euro a 449 camici bianchi che non avevano ricevuto il corretto trattamento economico per gli anni di scuola post-laurea. I medici che hanno vinto il ricorso avevano frequentato un corso di specializzazione tra il 1978 e il 2006, anni in cui lo Stato italiano non era in regola con le direttive europee sul tema.

«Questa vittoria fa parte di una serie più ampia che ogni mese vede sentenze nuove e vittoriose sia in primo grado che in appello e in Cassazione» annuncia con soddisfazione il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella ai microfoni di Sanità Informazione. Questi risultati sono di conforto anche per i tanti medici che hanno iniziato l’azione legale in passato ma il cui iter giudiziario è stato più lungo rispetto a chi si è attivato più di recente. Infatti, spiega Tortorella, nel frattempo la giurisprudenza si è consolidata e «ormai la Cassazione ha orientato e definito questa posizione velocizzando la trattazione e di questo siamo estremamente soddisfatti».

In questa direzione si lavora proprio in queste ore anche in Parlamento, dove è in corso l’esame finale del Ddl 2400, presentato da 21 senatori di schieramenti trasversali, che prevede un indennizzo forfettario a favore di quei medici che avranno presentato ricorso per non aver ricevuto il corretto trattamento economico durante la scuola di specializzazione, frequentata tra il 1978 ed il 2006. All’ordine del giorno in Commissione Istruzione del Senato è fissata la scadenza per la presentazione di emendamenti e ordini del giorno, mentre inizia anche l’esame in Commissione Sanità in sede consultiva.

«E’ importante che i medici che non l’hanno ancora fatto, aderiscano adesso che si è ancora in tempo. Non bisogna perdere questa occasione e rischiare di rimanere fuori dai rimborsi – prosegue il presidente di Consulcesi -. Approfitto anche di questa occasione per fare un appello ai medici specialisti: la prescrizione scadrà tra qualche mese e quindi noi consigliamo d’interrompere la prescrizione, è facilissimo farlo ed è gratuito, basta una dichiarazione, noi mettiamo a disposizione un ufficio legale anche per chi non vuole per il momento aderire alla causa, ma vuole interrompere la prescrizione per poi decidere di farlo in un momento successivo».

A coordinare l’evento di consegna assegni il giornalista e conduttore televisivo David Parenzo: «Un diritto che finalmente dopo anni di lentezze i tribunali italiani sono arrivati a riconoscere. Non ci sono solo i numeri di cui stiamo dando conto, non ci sono solo gli assegni che stiamo consegnando, ci sono anche altre situazioni che attendono di essere sanate che comportano un costo per lo Stato, quindi per tutti noi cittadini. Qualora il Parlamento non riesca a arrivare a un modello condiviso di risarcimento il rischio di esborso da parte nostra sarebbe troppo alto. Consulcesi – spiega ancora Parenzo – ha fatto un piccolo capolavoro politico, intorno a questo obiettivo ha messo d’accordo le varie parti politiche. È l’unico caso in cui esponenti dell’opposizione, da Forza Italia al M5S, e della maggioranza, stanno lavorando insieme a un disegno di legge che aspetta di diventare tale. Un grande segnale, lo Stato risparmierebbe i soldi dei cittadini e si eviterebbero altre cause».

Articoli correlati
Ex specializzandi, raffica di sentenze. In 15 giorni, Stato condannato a rimborsare altri 234 medici per un esborso di oltre 5 milioni di euro
Significativo un passaggio della sentenza della Corte D’Appello di Roma: «La responsabilità dello Stato per la mancata o tardiva attuazione delle direttive europee è duplice: da un lato verso l’Unione Europea per la violazione dello stesso diritto europeo, dall’altro verso i cittadini i quali non hanno acquisito la titolarità di uno e più diritti a causa di detto mancato o tardivo recepimento»
Ex specializzandi 1993-2006: «Lo Stato deve risarcire 10 miliardi a oltre 50mila medici»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Forti dell’autorevole parere già da noi depositato presso i Tribunali e le Corti italiane lanciamo subito una nuova azione collettiva per dare a tutti l’opportunità di recuperare le somme dovute dallo Stato e per rassicurare tutti coloro che sono in attesa sull’esito positivo dei procedimenti pendenti»
Ex specializzandi, l’interrogazione del deputato Galeazzo Bignami: «Vertenza ventennale, governo intervenga per sanare situazione»
Il deputato di Forza Italia si rivolge a MEF, Ministero della Salute e del Lavoro: «Occorre dare finalmente il giusto riconoscimento sotto il profilo economico e dei contributi previdenziali ai medici specializzandi negli anni in questione». E riporta i dati di Sanità Informazione: lo Stato dovrebbe erogare circa 16 miliardi di euro per gli oltre 110 mila medici che hanno frequentato la scuola di specializzazione in medicina tra il 1978 e il 2006
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...