Diritto 14 luglio 2015

«Turni massacranti insostenibili per i medici, subito intervento legislativo»

Il presidente dell’OMCeO Bari, Filippo Anelli: «Preoccupato per colleghi e pazienti»

Immagine articolo

Sono profondamente preoccupato per tanti colleghi, mi auguro che possa esserci presto un intervento legislativo».

Proprio nel giorno in cui centinaia di medici pugliesi ricevevano i rimborsi per la scuola di specializzazione non correttamente retribuita, il presidente dell’Ordine dei Medici di Bari, Filippo Anelli ha lanciato un monito sui turni massacranti, descrivendo una situazione ormai insostenibile per numerosi operatori sanitari della sua Regione e non solo. Sono, infatti, migliaia i medici a lavorare oltre i limiti orari, e senza godere di adeguati riposi, previsti dalla direttiva europea 2003/88. Una legge che in Italia troverà applicazione solo da novembre prossimo e che sta già generando una nuova ondata di ricorsi per le ore lavorate in più e non retribuite. Si può arrivare ad ottenere fino a 80 mila euro, facendo ricorso non contro la propria azienda ma verso lo Stato, che stando ad una recente inchiesta del quotidiano “La Stampa”, rischierebbe un salasso di oltre 3 miliardi se solo la metà degli aventi di diritti dovesse adire le vie legali.

«Mi rallegro per il risultato raggiunto da tanti colleghi perché quando i diritti sono riconosciuti significa che si ripristina il livello della legalità», ha affermato Anelli riguardo il maxi-rimborso di 9 milioni per oltre 200 camici bianchi pugliesi, sottolineando poi «l’efficacia di Consulcesi nel rendere giustizia ad una categoria professionale sempre più esposta e penalizzata dalle criticità del sistema come nel caso dei turni massacranti a cui sono sottoposti tanti camici bianchi». Secondo la massima carica dell’OMCeO di Bari «c’è anche un rischio clinico per i pazienti e va tenuta alta l’attenzione su un problema non più affrontabile solo basandosi sull’abnegazione e lo spirito di servizio con cui si continua a garantire assistenza».

Dopo aver chiesto al neo-governatore della Puglia, Michele Emiliano di tenere in forte considerazione la questione, il presidente Anelli ha manifestato tutte le sue perplessità anche sull’attuale sistema su cui si regge il comparto nazionale sanitario, proiettandosi quindi anche verso il futuro della professione. «Il percorso, oltre che difficile, è molto lungo nella parte che riguarda gli studi. Sarebbe opportuno fare una revisione del sistema formativo, che fa arrivare i nostri giovani sul mercato del lavoro a trent’anni passati, mentre i colleghi europei vi arrivano molto prima e competono in un mercato molto più globalizzato, anche sul piano dell’occupazione. Spero che con una giusta revisione dell’attuale percorso di studi, anche i nostri medici torneranno competitivi sul mercato del lavoro».

Un messaggio alle istituzioni, a chiusura del cerchio, anche sulla vicenda degli ex specializzandi: «Ci sono dei disegni di legge già presentati in parlamento – ha concluso il presidente Filippo Anelli – e  c’è bisogno della buona volontà da parte della politica per accelerare questo percorso legislativo. Sarà decisivo per arrivare a chiudere con un passato con il quale credo che ogni giorno i Tribunali facciano i conti».

Articoli correlati
«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout
«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla, gli occhi le si riempiono di lacrime. Arriva l’infermiere specializzata, le prende la mano. In questo vortice di emozioni, io non provo niente. Non […]
Sanità, Rizzotti (Forza Italia): «Rivedere Ssn senza ideologie. Lotta ad anoressia e bulimia tra le mie priorità»
Sui disturbi alimentari impegno di lungo corso della senatrice forzista che auspica una «legge condivisa». Poi chiede che si torni sul tema della terapia del dolore e delle cure palliative: «Serve relazione per capire impatto della legge»
Straordinari obbligatori e riposi interrotti: tutti i nodi nei contratti di medici e personale sanitario
Gli infermieri di Nursing Up con Antonio De Palma: «Violate le 11 ore continuative di riposo. Intraprenderemo azioni legali in Italia e in Europa». Papotto (Cisl Medici): «Chiederemo il diritto al riposo anche dopo la reperibilità notturna»
Lecco, infermiera sviene per troppo lavoro. A Merate un’altra aggressione
Stress da lavoro e ancora aggressioni per i camici bianchi. Le notizie degli ultimi giorni parlano di un’infermiera dell’ospedale di Merate aggredita dai parenti dei pazienti in fila al pronto soccorso e di un’operatrice socio sanitaria del’ospedale di Lecco svenuta nei giorni scorsi al culmine di un turno estenuante di lavoro. I motivi? Non pochi. […]
Il medico che non fruisce del riposo settimanale può essere risarcito?
La fruizione del riposo settimanale è un diritto indisponibile, riconosciuto e tutelato sia dall’art. 36 della Costituzione che dall’art. 5 della direttiva 2003/88/CE e pertanto l’azienda sanitaria deve garantirlo. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 14770 del 14 giugno 2017 ha affermato che la previsione di un compenso maggiorato per l’attività prestata in […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano