Diritto 14 Luglio 2015

«Turni massacranti insostenibili per i medici, subito intervento legislativo»

Il presidente dell’OMCeO Bari, Filippo Anelli: «Preoccupato per colleghi e pazienti»

Immagine articolo

Sono profondamente preoccupato per tanti colleghi, mi auguro che possa esserci presto un intervento legislativo».

Proprio nel giorno in cui centinaia di medici pugliesi ricevevano i rimborsi per la scuola di specializzazione non correttamente retribuita, il presidente dell’Ordine dei Medici di Bari, Filippo Anelli ha lanciato un monito sui turni massacranti, descrivendo una situazione ormai insostenibile per numerosi operatori sanitari della sua Regione e non solo. Sono, infatti, migliaia i medici a lavorare oltre i limiti orari, e senza godere di adeguati riposi, previsti dalla direttiva europea 2003/88. Una legge che in Italia troverà applicazione solo da novembre prossimo e che sta già generando una nuova ondata di ricorsi per le ore lavorate in più e non retribuite. Si può arrivare ad ottenere fino a 80 mila euro, facendo ricorso non contro la propria azienda ma verso lo Stato, che stando ad una recente inchiesta del quotidiano “La Stampa”, rischierebbe un salasso di oltre 3 miliardi se solo la metà degli aventi di diritti dovesse adire le vie legali.

«Mi rallegro per il risultato raggiunto da tanti colleghi perché quando i diritti sono riconosciuti significa che si ripristina il livello della legalità», ha affermato Anelli riguardo il maxi-rimborso di 9 milioni per oltre 200 camici bianchi pugliesi, sottolineando poi «l’efficacia di Consulcesi nel rendere giustizia ad una categoria professionale sempre più esposta e penalizzata dalle criticità del sistema come nel caso dei turni massacranti a cui sono sottoposti tanti camici bianchi». Secondo la massima carica dell’OMCeO di Bari «c’è anche un rischio clinico per i pazienti e va tenuta alta l’attenzione su un problema non più affrontabile solo basandosi sull’abnegazione e lo spirito di servizio con cui si continua a garantire assistenza».

Dopo aver chiesto al neo-governatore della Puglia, Michele Emiliano di tenere in forte considerazione la questione, il presidente Anelli ha manifestato tutte le sue perplessità anche sull’attuale sistema su cui si regge il comparto nazionale sanitario, proiettandosi quindi anche verso il futuro della professione. «Il percorso, oltre che difficile, è molto lungo nella parte che riguarda gli studi. Sarebbe opportuno fare una revisione del sistema formativo, che fa arrivare i nostri giovani sul mercato del lavoro a trent’anni passati, mentre i colleghi europei vi arrivano molto prima e competono in un mercato molto più globalizzato, anche sul piano dell’occupazione. Spero che con una giusta revisione dell’attuale percorso di studi, anche i nostri medici torneranno competitivi sul mercato del lavoro».

Un messaggio alle istituzioni, a chiusura del cerchio, anche sulla vicenda degli ex specializzandi: «Ci sono dei disegni di legge già presentati in parlamento – ha concluso il presidente Filippo Anelli – e  c’è bisogno della buona volontà da parte della politica per accelerare questo percorso legislativo. Sarà decisivo per arrivare a chiudere con un passato con il quale credo che ogni giorno i Tribunali facciano i conti».

Articoli correlati
Medici sotto attacco, Rossi (OMCeO Milano): «La classe medica è massacrata. Il nostro lavoro è sottopagato e sotto considerato»
«Poi non stupiamoci se i reparti si desertificano, il territorio si sguarnisce e i medici vanno all’estero. Questa situazione non ha alcun senso». Così il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, che accoglie la proposta di istituire un Arbitrato della Salute
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»
«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo scusa, ma la colpa non è mia»
Usa, salute dei medici a rischio. Report Medscape: un medico su due colpito da burnout. Il 14% ha pensato al suicidio
Stress, stanchezza, ansia e depressione possono nascondersi sotto il camice bianco. Quasi un medico su due è infatti colpito dalla ‘sindrome del burnout‘, un esaurimento fisico e psicologico che può mettere a rischio la salute del professionista e non solo. È quanto rivela una nuova indagine, ‘Medscape National Physician Burnout, Depression & Suicide Report 2019’, […]
«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout
«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla, gli occhi le si riempiono di lacrime. Arriva l’infermiere specializzata, le prende la mano. In questo vortice di emozioni, io non provo niente. Non […]
Sanità, Rizzotti (Forza Italia): «Rivedere Ssn senza ideologie. Lotta ad anoressia e bulimia tra le mie priorità»
Sui disturbi alimentari impegno di lungo corso della senatrice forzista che auspica una «legge condivisa». Poi chiede che si torni sul tema della terapia del dolore e delle cure palliative: «Serve relazione per capire impatto della legge»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone