Diritto 28 Gennaio 2019 10:58

Tribunale della salute, Massimo D’Alema: «Aderisco a petizione. Nostro SSN patrimonio da difendere, non cavalcare sentimento di odio»

All’indomani del polverone sollevato dallo spot che incoraggia i cittadini a denunciare casi di malasanità, l’intervista all’ex presidente del Consiglio ora presidente della Fondazione ItalianiEuropei: «L’importante è trovare sedi di conciliazione altrimenti il rischio è il logoramento del rapporto medico-paziente»

di Cesare Buquicchio e Serena Santi
Tribunale della salute, Massimo D’Alema: «Aderisco a petizione. Nostro SSN patrimonio da difendere, non cavalcare sentimento di odio»

«Il nostro Sistema sanitario è un valore, e come tale va difeso». Lo dichiara Massimo D’Alema, ex presidente del Consiglio dei Ministri, attualmente presidente della Fondazione ItalianiEuropei che, ai microfoni di Sanità Informazione, ha raccontato la sua idea di sanità soffermandosi sui punti di forza ma anche sulle debolezze di un SSN che «va preservato al meglio».

Presidente i medici sono sotto attacco: ci sono organizzazioni che speculano su presunti errori medici ed è stata lanciata una petizione per incentivare la nascita di un Tribunale della salute dove medici, cittadini, associazioni, avvocati e anche magistrati si possano incontrare per snellire questo contenzioso. Che ne pensa?

«Ritengo sia fondamentale difendere quello che è un valore nel nostro Paese, cioè la professionalità dei medici e il valore di un Sistema sanitario nazionale che è considerato, anche a livello internazionale, un presidio della salute dei cittadini italiani per cui l’Italia dovrebbe essere orgogliosa. Effettivamente trovo che ci sia un eccesso di ricorso allo strumento giudiziario – nella stragrande maggioranza dei casi senza effetto -, ciò vuol dire in modo artificioso e arbitrario. C’è chi cavalca questo sentimento, dunque bisogna reagire per tutelare i diritti del malato nei confronti di un medico che ha sbagliato ma, onde evitare una sorta di panpenalismo, è importante trovare delle sedi di conciliazione, delle forme di controllo condivise perché altrimenti il rischio è che questa conflittualità – che viene anche incoraggiata tra gli ammalati, i cittadini e i medici – finisce per danneggiare non soltanto l’esercizio della professione medica ma anche gli stessi ammalati. Questa è la verità ed è il rischio vero che in questo momento si corre; anche perché i medici, intimoriti da queste campagne, è difficile che si prendano la responsabilità di una terapia innovativa, coraggiosa che magari potrebbe salvare la vita di una persona ma che naturalmente esporrebbe il medico in caso di insuccesso a dei rischi. Quindi scatta una sorta di atteggiamento conservativo che alla fine danneggia il malato».

Dunque lei ha firmato questa petizione che incoraggia la formazione di un Tribunale della salute che trovi un compromesso conciliativo fra le parti?

«Ho firmato con convenzione la petizione di Consulcesi, perché penso che creare un organismo dove medici, pazienti, giuristi, avvocati e magistrati possano confrontarsi, possa riuscire ad evitare un intasamento della giustizia penale e civile e anche trovare quelle forme di collaborazione che tutelino i diritti di tutti».

LEGGI ANCHE: SPOT RISARCIMENTI, LUCA COLETTO (SOTTOSEGRETARIO SALUTE): «FUORI LUOGO. NESSUN MEDICO OPERA PER FAR DEL MALE, DOBBIAMO DIFENDERE NOSTRO SSN»

Lei ha fatto riferimento ad un eccesso di denuncia. Ma il medico sappiamo che in Italia è sottoposto anche ad altri motivi di stress…

«La verità è che rischiamo in Italia di avere un collasso della struttura sanitaria pubblica anche per mancanza di operatori sanitari, medici e non soltanto. Questo è un grandissimo problema affrontato in modo irresponsabile. Penso che anche queste campagne sulla malasanità non guardino i dati reali; il dato reale nel nostro Paese è che la spesa sanitaria è la più bassa tra i grandi paesi sviluppati e che il nostro apparato offre ai cittadini qualcosa che negli altri paesi non c’è. Una specie di miracolo, infatti con poco -veramente poco più del 6% del PIL -, si offre un servizio che altri paesi non sono in grado di offrire. Questo valore va tutelato, va tutelata la professionalità dei medici. Bisogna che i medici che hanno fatto la specializzazione e che avevano diritto, sulla base di normative europee, ad avere un adeguato compenso e non l’hanno avuto, vengano risarciti. Io credo fortemente che le istituzioni debbano un’attenzione alla professione medica che in questi anni è sfuggita al controllo. Bisogna tornare a investire sul SSN eliminando quella che è una logica indiscriminatamente restrittiva, perché il nostro apparato sanitario è un bene dei cittadini italiani, non solo dei medici ma di tutti gli italiani».

Articoli correlati
Massimo D’Alema ringrazia medici, infermieri e farmacisti che lottano contro il Coronavirus
«Grazie per esserci vicini con i vostri consigli e la vostra professionalità»
Contenziosi, Magi (Omceo Roma): «Vietare patto quota-lite e spot che spingono a chiedere risarcimenti infondati»
Intervenuto ad un Convegno sulla Legge Gelli e parlando di pubblicità ingannevoli nei casi di malasanità, il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma Antonio Magi ricordando le iniziative messe in campo dalla Federazione e dagli Ordini dei medici ha chiesto alla politica norme in grado di disincentivare il fenomeno delle cause temerarie
Medici e Avvocati di Roma insieme contro i contenziosi temerari per “malasanità”
È la prima volta che i Consigli di due Ordini professionali si riuniscono per affrontare sinergicamente problematiche comuni
Carenza medici e formazione ECM, Magi a Codici: «Pronti al confronto e a certificare»
Il presidente Omceo Roma, Antonio Magi risponde alle accuse lanciate dall’associazione Codici riguardo ad un “allarmismo bluff” da parte della categoria dei medici. Dalla carenza di personale all’aggiornamento professionale, la replica dei camici bianchi
Carenza medici, per Codici l’allarme è solo un bluff: «Piuttosto verificare aggiornamento professionale»
Altro tema caldo di questi giorni, il presunto attacco subito dai medici sul piano legale. «Si parla di eccessivo clamore dato ai casi di malasanità – dichiara il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – Peccato, però, che ci si dimentichi di spiegare il perché si arriva a questi numeri»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...