Diritto 28 Febbraio 2014

Test medicina, l’ondata di ricorsi accolti dal Tar mette in discussione il numero chiuso

Sigm: “Sì all’accesso programmato, ma va corretto. Guardiamo al modello francese”

Immagine articolo

Una vera e propria crociata quella che ha permesso ad oltre mille studenti di essere riammessi all’iscrizione alla Facoltà di Medicina.Il fenomeno pone seri interrogativi circa la validità del numero chiuso, un meccanismo che da anni evita il sovrannumero e di conseguenza garantisce un più sicuro accesso alla professione: a che pro scremare, selezionare in partenza, se poi è altamente probabile che gli esclusi vengano “ripescati”? Il numero chiuso andrebbe abolito? O eventualmente rivisitato?

E sarebbe  possibile, in questi casi, continuare ad offrire uno standard qualitativo elevato nella formazione? Questi ed altri gli interrogativi che attualmente aleggiano nel mondo accademico dei camici bianchi.

Secondo Angelo Mastrillo, segretario della Conferenza dei corsi di laurea e delle professioni sanitarie, il numero chiuso è “corretto e coerente, come conferma la situazione europea”. Per il Sigm (Segretariato italiano Giovani Medici), invece, l’accesso programmato è sì un valore da preservare, ma che andrebbe rivisto e corretto, in quanto “le recenti sentenze dei tribunali e le iniziative legislative in materia di ‘bonus maturità’ mettono in discussione l’intero impianto dell’accesso programmato a medicina, per le sue ricadute sia sulla salute dei cittadini che sulle prospettive formative ed occupazionali dei futuri medici”.

I Giovani Medici auspicano che il Ministero della Salute ed il Ministero dell’Istruzione e Ricerca lavorino di concerto affinché si giunga ad una correzione del modello di accesso a numero chiuso “che tenga necessariamente conto dei profili di compartecipazione di competenze professionali con profili non medici”. Un sistema, insomma, che guardi alla programmazione delle risorse umane in ambito sanitario in relazione al fabbisogno concreto di professionalità mediche. Il modello di riferimento? Quello francese, per esempio: un sistema che mantiene una selezione a graduatoria nazionale tra il primo ed il secondo anno di corso; in parole povere, una selezione sul campo. Ma sarebbe un modello, secondo Mastrillo, insostenibile per gli atenei italiani  “a meno di non fare lezione nei cinema o nei palazzi delle sport: si ritornerebbe alle inutili e dannose pletore già viste in passato“.
E intanto, la sfida per gli aspiranti medici quest’anno sarà ancora più accesa: il Miur ha infatti annunciato una riduzione del 20% dei posti disponibili, e l’anticipo, al mese di aprile, dei test di ammissione.

Articoli correlati
Numero Chiuso, Gasparri (Forza Italia): «Sistema dei quiz va rivisto, serve verifica sul campo»
Il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, oltre a proporre un meccanismo che riformi l’accesso all’università, chiede di intervenire sull’imbuto formativo: «In questo momento il bisogno di sanità è crescente. bisogna far coincidere domanda e offerta dei percorsi formativi. Dobbiamo ascoltare i giovani»
«Come mamma e come medico dico no al test di ammissione a Medicina. Ecco perché». La lettera al ministro Speranza
«Ministro, prepariamo la nostra Italia, prepariamo i nostri ragazzi. Le squadre si organizzano per tempo e forse, se così fosse stato fatto, non avremmo avuto le difficoltà che abbiamo oggi in questa emergenza, che a mio parere e per mille motivi non sarà unica e isolata»
Ricerca, il ministro Manfredi: «Garantire concorsi meritocratici». E sul numero chiuso: «Aumentare posti ma riflettere su riforma»
Ospite d'onore del forum Health & Science Bridge del Centro Studi Americani, il ministro della Ricerca sottolinea: «In Italia si parla troppo poco di ricerca, ma ora l'approccio sta cambiando. Fondamentale la multidisciplinarietà»
«Specializzandi al terzo anno in corsia? Servono tutele». Manai e Romualdi lanciano il laboratorio Pd sulla formazione
L’evento l’11 gennaio a Firenze. Tra gli ospiti Ascani, Gaudio, Zampa, Carnevali, Gnecchi. Sul test di Medicina aprono a una revisione in senso meritocratico ma salvaguardando il numero programmato. E sulle borse di specializzazione: «L'obiettivo è arrivare a 11500»
Numero chiuso, da Napoli il racconto di chi ce l’ha fatta ed è stato ammesso a Medicina dopo il ricorso
A seguito dell’ordinanza del Consiglio di Stato abbiamo intervistato i ragazzi che grazie al ricorso con Consulcesi hanno potuto immatricolarsi. Ecco le storie di Andrea e Paola
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 giugno, sono 6.514.359 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 386.111 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 4 giugno: nel...
Formazione

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell'Associazione Liberi Specializzandi
di Tommaso Caldarelli
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco