Diritto 30 Giugno 2015 19:09

«Un Paese in salute è un Paese informato correttamente»

Intervista al commissario straordinario dell’ISS, Walter Ricciardi: «I medici devono aggiornarsi sempre meglio e i cittadini devono superare i falsi miti legati alla salute e alle malattie»

«Un Paese in salute è un Paese informato correttamente»

Con la salute non si scherza, e una popolazione correttamente informata in materia sanitaria è già di per sé una popolazione sana. Ma da dove cominciare per garantire ai cittadini un’ informazione veritiera e rigorosa?

Tanto per cominciare, smantellando uno ad uno tutti i falsi miti che aleggiano nel mondo della sanità. Scorretti, infondati, pericolosissimi. Uno fra tutti, come ha sottolineato ai nostri microfoni il commissario straordinario dell’ISS, Walter Ricciardi, lo spauracchio delle vaccinazioni.

«Un luogo comune terribile, e letale. Di recente è emerso uno studio –  l’ennesimo – che esclude qualsiasi correlazione tra vaccini e autismo. Oggi i genitori hanno spesso un solo bambino e sono particolarmente preoccupati per la sua salute: un motivo in più per vaccinarli. In caso contrario li si esporrebbe a rischi enormi. Stessa cosa per gli anziani: il ritiro del vaccino antinfluenzale ha provocato centinaia di morti tra coloro che non si sono voluti vaccinare. Nessuno deve più morire, nel ventunesimo secolo, per colpa dei falsi miti».

La strada per stroncare questi falsi miti è intervenire alla radice, formando in maniera corretta il personale sanitario. È proprio a questi, infatti, che il paziente fa riferimento per discernere ciò che è dannoso da ciò che è sicuro. Un concetto che sembra scontato, ma che è bene ribadire. E lo ribadisce con forza Ricciardi: «Purtroppo molte resistenze vengono proprio dal personale sanitario non sufficientemente aggiornato, ad esempio, sulla vaccinologia, che comunica quindi un messaggio sbagliato al paziente. Stiamo pensando di cambiare i curriculum, inserendo questa voce nella formazione dei medici e del personale sanitario fin dall’inizio. Speriamo che, col tempo, questo faccia la differenza».

E una formazione scrupolosa, oltre che un modo per onorare la deontologia professionale, è anche un obbligo di legge da adempiere. È ancora alto il clamore della recente sforbiciata, ad opera del Ministero della Salute, sui migliaia di medici competenti che non erano in regola con i crediti ECM. Di certo un alert difficile da ignorare.

«È la prima volta che viene usata una misura così drastica per i colleghi che mancano di ottemperare all’obbligo formativo. Io credo che presto la classe medica italiana si renderà conto dell’importanza di aggiornarsi non soltanto facendo corsi per ottenere  i crediti necessari, ma in modo più ampio, perché la ricerca scientifica e la medicina sono in continua evoluzione».

Articoli correlati
Covid, Gimbe: «Tutti i numeri in calo, in ospedale quasi esclusivamente non vaccinati»
Nuovo Report di Fondazione Gimbe: scendono nuovi casi (-14,7%), ricoveri ordinari (-3,3%) e terapie intensive (-1,6%). Ancora oltre 3 milioni di over 50 senza alcuna copertura anti-Covid
Covid-19, Von der Leyen: «Ue leader mondiale sui vaccini. Ora evitare pandemia dei non vaccinati»
La Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, nel corso del discorso sullo Stato dell'Unione, ha rivendicato con orgoglio il lavoro fatto da tutti gli Stati membri nel corso della pandemia
No Green pass in Uk, Andreoni (Tor Vergata): «Scelta rischiosa». Le novità su test salivari e vaccinazioni
Massimo Andreoni, direttore del reparto Malattie Infettive all’Università Tor Vergata di Roma, spiega a Sanità Informazione come sta evolvendo la lotta al Covid-19
Covid-19, la Spagna ha vaccinato il 100% degli over 80. Ecco come
La maggioranza della popolazione over 80 si è vaccinata in un centro di salute pubblica del suo quartiere. Perché la campagna di vaccinazione è stata un successo
Ho contratto il Covid-19 dopo la prima dose di vaccino, cosa devo fare?
Cosa fare se una persona contrae il Covid-19 successivamente alla somministrazione della prima dose di vaccino? Il Ministero della Salute ha fornito i chiarimenti necessari tramite una circolare firmata dal Direttore della Prevenzione, Gianni Rezza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco