Diritto 30 Giugno 2015

«Un Paese in salute è un Paese informato correttamente»

Intervista al commissario straordinario dell’ISS, Walter Ricciardi: «I medici devono aggiornarsi sempre meglio e i cittadini devono superare i falsi miti legati alla salute e alle malattie»

Immagine articolo

Con la salute non si scherza, e una popolazione correttamente informata in materia sanitaria è già di per sé una popolazione sana. Ma da dove cominciare per garantire ai cittadini un’ informazione veritiera e rigorosa?

Tanto per cominciare, smantellando uno ad uno tutti i falsi miti che aleggiano nel mondo della sanità. Scorretti, infondati, pericolosissimi. Uno fra tutti, come ha sottolineato ai nostri microfoni il commissario straordinario dell’ISS, Walter Ricciardi, lo spauracchio delle vaccinazioni.

«Un luogo comune terribile, e letale. Di recente è emerso uno studio –  l’ennesimo – che esclude qualsiasi correlazione tra vaccini e autismo. Oggi i genitori hanno spesso un solo bambino e sono particolarmente preoccupati per la sua salute: un motivo in più per vaccinarli. In caso contrario li si esporrebbe a rischi enormi. Stessa cosa per gli anziani: il ritiro del vaccino antinfluenzale ha provocato centinaia di morti tra coloro che non si sono voluti vaccinare. Nessuno deve più morire, nel ventunesimo secolo, per colpa dei falsi miti».

La strada per stroncare questi falsi miti è intervenire alla radice, formando in maniera corretta il personale sanitario. È proprio a questi, infatti, che il paziente fa riferimento per discernere ciò che è dannoso da ciò che è sicuro. Un concetto che sembra scontato, ma che è bene ribadire. E lo ribadisce con forza Ricciardi: «Purtroppo molte resistenze vengono proprio dal personale sanitario non sufficientemente aggiornato, ad esempio, sulla vaccinologia, che comunica quindi un messaggio sbagliato al paziente. Stiamo pensando di cambiare i curriculum, inserendo questa voce nella formazione dei medici e del personale sanitario fin dall’inizio. Speriamo che, col tempo, questo faccia la differenza».

E una formazione scrupolosa, oltre che un modo per onorare la deontologia professionale, è anche un obbligo di legge da adempiere. È ancora alto il clamore della recente sforbiciata, ad opera del Ministero della Salute, sui migliaia di medici competenti che non erano in regola con i crediti ECM. Di certo un alert difficile da ignorare.

«È la prima volta che viene usata una misura così drastica per i colleghi che mancano di ottemperare all’obbligo formativo. Io credo che presto la classe medica italiana si renderà conto dell’importanza di aggiornarsi non soltanto facendo corsi per ottenere  i crediti necessari, ma in modo più ampio, perché la ricerca scientifica e la medicina sono in continua evoluzione».

Articoli correlati
Vaccini, New York abolisce le esenzioni per motivi religiosi
Lo Stato di New York ha abolito le esenzioni dalle vaccinazioni per motivazioni religiose. La misura è stata adottata dal governatore Andrew Cuomo e approvata dal Congresso di New York nel tentativo di porre un freno all’epidemia di morbillo scoppiata nella Grande Mela dove, nel 2019, sono stati accertati 588 casi di morbillo, soprattutto nelle […]
Pazienti fragili, i vaccini fondamentali per un’adeguata prevenzione. A rischio anziani, bambini, malati cronici
Chi sono I pazienti fragili? Quali criteri sono alla base di una loro individuazione? Le vaccinazioni del paziente fragile rappresentano un argomento emergente nel panorama sanitario italiano. Le vaccinazioni, in genere, si rivolgono a due categorie di persone: soggetti sani (spesso in età infantile o adolescenziale), con scopo preventivo, e sono le vaccinazioni classiche; i pazienti […]
Rapporto Gimbe, Lorenzin: «Non può non destare preoccupazione. Ci aspetta un autunno difficile»
L’ex ministro della Salute a Farma & Friends: «Necessaria una chiamata alle armi di tutte le forze politiche. Gli operatori della sanità sono preoccupati per i tagli preventivati al settore»
A Milano è il giorno del Patto per la Scienza di Burioni e Silvestri. Garattini: «Metodologia scientifica va insegnata a scuola»
Alla Statale l’evento di presentazione del Patto promosso dai virologi Burioni e Silvestri. Tra gli ospiti l’ex ministro della Salute Lorenzin e l’ex Magistrato Raffaele Guariniello. Presidente del Patto l’epidemiologo Pierluigi Lopalco
Morbillo, quest’anno 864 casi in Italia: un terzo ha sviluppato complicanze. Ecdc: «Aumento in tutta Europa»
I dati riportati sul bollettino dell’Istituto Superiore di Sanità. Due terzi dei casi si sono verificati in Lazio, Emilia-Romagna e Lombardia. L'87% dei casi non era vaccinato al momento del contagio. In tutta Europa 44074 casi dal 2016 al 2019
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...