Diritto 1 luglio 2014

Obbligo di POS, un salasso da 1200 euro all’anno

E l’85% dei medici cerca una soluzione senza i costi di attivazione e canone

Immagine articolo

Scatta l’ora X. Da oggi i medici italiani sono tenuti ad accettare pagamenti superiori ai trenta euro con carte di credito e bancomat.

Un obbligo che riguarda tutti i professionisti e aziende, protagonista – negli ultimi giorni – sulle pagine di tutti i giornali, e che è stato per lunghi mesi al centro di aspre critiche per via dei costi connessi e delle difficoltà di utilizzo del dispositivo POS al di fuori dello studio in cui si lavora.

Si tratta di una novità che, secondo la Cgia di Mestre, viene vissuta con “fastidio” e come un “ulteriore costo per le attività economiche” da tutto il mondo lavorativo interessato, che si ritroverà a pagare, a causa di quest’obbligo, una spesa media annua di 1.200 euro. Il rischio maggiore in cui incorrerebbe il professionista che non si adegua, comunque, sarebbe il mancato pagamento della prestazione da parte del cliente, tutelato da quest’obbligo per il professionista.

Per quanto riguarda l’ambito medico, secondo un recente sondaggio, l’85 per cento dei camici bianchi italiani pensa che la soluzione ideale per affrontare questo tipo di obbligo in serenità sia un prodotto senza costi di attivazione né canone mensile e con un device consegnato gratuitamente. 

Queste caratteristiche sono proprie di uno strumento creato in collaborazione con una platea di 50mila camici bianchi per i loro colleghi. Un’applicazione mobile, chiamata DoctorPay, che – se si esclude il costo inevitabile, e comunque nella norma, delle transazioni – è completamente gratuita e permette di gestire le operazioni di pagamento in maniera facile, sicura e veloce. In più tutta una serie di importanti servizi in costante aggiornamento, attraverso una connessione Bluetooth allo smartphone o al tablet.

Chi vuole informarsi può farlo gratuitamente e senza impegno al numero verde 800.088.211 e sul sito internet www.doctorpay.it .

Articoli correlati
Numero Chiuso in Medicina, Consulcesi: «Affidato a ‘dottori in legge’ compito di curare l’Italia che invecchia senza assistenza sanitaria»
Il network legale leader nella tutela dei medici e di chi aspira a diventarlo: «Finalmente la politica ha ammesso che il test non è uno strumento idoneo alla selezione dei futuri medici. Solo quest’anno ci sono arrivate oltre tremila segnalazioni da parte degli studenti che si sono rivolti a noi per intraprendere ricorso»
Ue: Blockchain è soluzione giusta per sicurezza e trasparenza in sanità e per la filiera del farmaco
Il messaggio degli esponenti del Parlamento Europeo e della Commissione, in occasione della presentazione a Bruxelles del libro “Crypto-Revelation” di Andrea e Massimo Tortorella
Assistenza migranti, minori e soggetti vulnerabili: cresce la rete di OIS Onlus e Sanità di Frontiera
Pietro Bartolo, medico simbolo di Lampedusa: «Tanti i progetti che Ois sta portando avanti per l’assistenza, sanitaria e non, nei confronti di chi arriva dall’altra parte del Mediterraneo, dedicandosi agli ultimi, ai più deboli: anche i nostri poveri hanno bisogno del nostro sguardo e della nostra attenzione»
Blockchain, il libro “Cripto-svelate” spiega la rivoluzione che coinvolgerà anche la sanità
ICO, hash, mining, token, Smart Contracts: termini ancora poco conosciuti che preannunciano un cambiamento epocale. Andrea e Massimo Tortorella, imprenditori forti dei loro successi in Italia e all’estero nel settore sanitario e non solo, presentano la guida per comprendere il futuro che è già davanti a noi
Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»
Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...