Diritto 1 Luglio 2014

Obbligo di POS, un salasso da 1200 euro all’anno

E l’85% dei medici cerca una soluzione senza i costi di attivazione e canone

Immagine articolo

Scatta l’ora X. Da oggi i medici italiani sono tenuti ad accettare pagamenti superiori ai trenta euro con carte di credito e bancomat.

Un obbligo che riguarda tutti i professionisti e aziende, protagonista – negli ultimi giorni – sulle pagine di tutti i giornali, e che è stato per lunghi mesi al centro di aspre critiche per via dei costi connessi e delle difficoltà di utilizzo del dispositivo POS al di fuori dello studio in cui si lavora.

Si tratta di una novità che, secondo la Cgia di Mestre, viene vissuta con “fastidio” e come un “ulteriore costo per le attività economiche” da tutto il mondo lavorativo interessato, che si ritroverà a pagare, a causa di quest’obbligo, una spesa media annua di 1.200 euro. Il rischio maggiore in cui incorrerebbe il professionista che non si adegua, comunque, sarebbe il mancato pagamento della prestazione da parte del cliente, tutelato da quest’obbligo per il professionista.

Per quanto riguarda l’ambito medico, secondo un recente sondaggio, l’85 per cento dei camici bianchi italiani pensa che la soluzione ideale per affrontare questo tipo di obbligo in serenità sia un prodotto senza costi di attivazione né canone mensile e con un device consegnato gratuitamente. 

Queste caratteristiche sono proprie di uno strumento creato in collaborazione con una platea di 50mila camici bianchi per i loro colleghi. Un’applicazione mobile, chiamata DoctorPay, che – se si esclude il costo inevitabile, e comunque nella norma, delle transazioni – è completamente gratuita e permette di gestire le operazioni di pagamento in maniera facile, sicura e veloce. In più tutta una serie di importanti servizi in costante aggiornamento, attraverso una connessione Bluetooth allo smartphone o al tablet.

Chi vuole informarsi può farlo gratuitamente e senza impegno al numero verde 800.088.211 e sul sito internet www.doctorpay.it .

Articoli correlati
Maratona di Roma 2019. Consulcesi Onlus: gara di solidarietà per sostenere l’Unità Mobile “Salute e Inclusione”
Gara di solidarietà anche tra i dipendenti e i manager di Consulcesi, che hanno partecipato alla Maratona di Roma per vincere la sfida contro l’indifferenza di chi vive ai margini
Blockchain, la sanità è uno dei settori in cui avrà più impatto. A Dubai presentati i risultati del “Survey chain” condotto da Consulcesi Tech
L’hi-tech company specializzata in Blockchain e cybersecurity ha presentato a Dubai “Survey Chain”. Il primo sondaggio basato sulla Blockchain dimostra che questa tecnologia avrà un impatto non soltanto in campo finanziario ma anche in quello sanitario
Blockchain, Scaccabarozzi (Farmindustria): «Tecnologia utile anche per farmacovigilanza e ricerca staminali»
Il Presidente degli industriali farmaceutici al convegno in Senato promosso dal presidente della Commissione Sanità Pierpaolo Sileri e da realtà come Consulcesi Tech. «È bene che se ne cominci a parlare, anche se siamo in una fase molto iniziale. Bene anche l’uso per la ricerca come quella sulle cellule staminali», sottolinea a Sanità Informazione
Blockchain e sanità del futuro. Al Senato confronto tra politica e imprese sulle opportunità della catena dei blocchi
VIDEO | FOTO | Sondaggi, survey e indagini sanitarie verificate, formazione ECM certificata, tracciabilità della crioconservazione delle staminali e garanzia della supply chain farmaceutica: queste le prime applicazioni presentate all’evento “Blockchain in Sanità: opportunità e prospettive”. Massimo Tortorella: (Consulcesi Tech): «La rivoluzione digitale dell’healthcare passa da questa tecnologia anti-fake»
Abolizione Numero Chiuso, Consulcesi: «Alle parole seguano i fatti»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Bene le parole del vicepremier Salvini, ma e si cambino le regole fin dal prossimo anno accademico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...
Formazione

Il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani: «Formazione obbligatoria ECM, l’Europa vigila e premia solo chi si aggiorna»

ESCLUSIVA | Il Presidente dell’Europarlamento, in visita a Roma al Gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici che attendono la remunerazione della specializzazione: «Lo Stato deve semp...