Diritto 19 Maggio 2014

Numero chiuso, si preannunciano valanghe di ricorsi

Nuove graduatorie insieme ad assegnazioni e prenotazioni di questi giorni nelle Università riaccendono il dibattito. Intanto arrivano sentenze incoraggianti

Immagine articolo

Riprende con forza la protesta contro l’accesso a numero chiuso alle facoltà universitarie. La pubblicazione, nei giorni scorsi, delle graduatorie per l’ingresso a Medicina, Veterinaria e Architettura ha inevitabilmente riacceso il dibattito.

La protesta non si limita a manifestazioni e striscioni nelle piazze e critiche sui siti web e sui social network, ma sembra destinata a proseguire  soprattutto nelle aule dei Tribunali. Nell’attesa di queste ore, relativamente alla diffusione dei dati sulle assegnazioni e le prenotazioni degli studenti presso le varie università, continuano a rincorrersi nuove notizie sul sempre più ricco versante delle battaglie legali. Solo nei giorni scorsi, ad esempio, il Consiglio di Stato ha ribaltato la decisione del Tar, accogliendo due ricorsi per violazione dell’anonimato nei test dell’università di Salerno e Messina.

Nel frattempo si preparano le prime azioni collettive, al momento focalizzate sulla prova di Bari dell’aprile scorso, con particolare attenzione alla questione del plico mancante e alla violazione dell’anonimato. Nell’occasione erano state mosse anche altre osservazioni, soprattutto inerenti alla tempistica delle prove selettive, collocate a pochi mesi da un altro importante appuntamento per gli studenti, qual è appunto l’esame di maturità.

Dalle piazze ai social si chiede un cambiamento di rotta, partendo dalla costituzione di un tavolo tecnico per la revisione dell’attuale sistema d’accesso da parte del Ministero. In tal senso ci sono state incoraggianti aperture da parte del ministro all’Istruzione Stefania Giannini, che ha anticipato un percorso destinato a portare all’abolizione del numero chiuso, imitando il sistema francese dove non ci sono restrizioni all’accesso, ma la scrematura avviene dopo il primo anno.

Tornando ai ricorsi, sulla spinta delle ultime sentenze del Tar che, lo scorso marzo, hanno dato ragione agli studenti tutelati dai legali Consulcesi, si preannuncia una protesta a valanga. Gli aspiranti universitari vogliono farsi riconoscere il diritto allo studio ed anche se sono sotto accusa le tante anomalie che si sarebbero registrate durante i test, l’obiettivo resta non far annullare la graduatoria nazionale, ma chiedere l’ammissione in sovrannumero dei ricorrenti.

Per tutti gli studenti, e per chiunque desideri ricevere informazioni, è a disposizione la linea gratuita 800 122 777.

Articoli correlati
A Modena il primo Congresso nazionale degli studenti di Medicina: «Così promuoviamo la ricerca»
Luca e Valeria, del comitato organizzativo del Congresso MoReMED, sul test di ingresso: «Siano valutati conoscenze scientifiche e percorso di studio precedente». E sull’imbuto formativo: «Se si abbassa l’importo dei contratti per le scuole di specializzazione, ci sarebbero risorse per aumentare il numero di posti»
Cambia il test di Medicina: 12 quesiti di cultura generale e 10 di logica. Bussetti (MIUR): «Puntiamo al 20% di posti in più»
«Intendiamo rivedere il sistema di accesso a Medicina ma serve tempo e impegno congiunto di MIUR, Atenei, Regioni e Ministero della Salute». Così il ministro Bussetti. Le iscrizioni alle prove potranno essere effettuate su www.universitaly.it dal 17 giugno fino al 9 luglio. Il Ministero metterà a disposizione dei candidati un test psico-attitudinale di orientamento e sosterrà finanziariamente i corsi di preparazione organizzati dalle Università
Borse di specializzazione, Tuzi (M5S): «MIUR renda pubblico il numero di quelle abbandonate e non assegnate»
«Queste borse si aggiungeranno alla dotazione annuale già prevista consentendo un aumento dei contratti di specializzazione» sottolinea il medico e deputato M5S
Numero chiuso, pubblicate le date dei test: si parte il 3 settembre con Medicina
Nelle prossime settimane verranno comunicati i contenuti delle prove ed il numero di posti disponibili. Ecco il calendario completo dei test
Scuole specializzazione, Bonsignore (FNOMCeO): «No a deroghe su qualità formazione né a chiusure»
Una scuola su quattro rischierebbe l’accreditamento perché non rispetterebbe gli standard qualitativi previsti. Il coordinatore dell’Osservatorio giovani della FNOMCeO: «Le reti formative integrino università, ospedali e territorio». E sul numero chiuso: «Prova di accesso attuale non fa gran selezione. Dovrebbero essere valutate anche le motivazioni dei candidati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...