Diritto 19 Maggio 2015 13:20

Medici di base, interviene il governo: revocato lo sciopero

Ma il fronte dei giovani resta una polveriera: in arrivo il bando

Prendiamo impegni e li rispettiamo, grazie a tutti per il buon senso. I pazienti prima di tutto”. Con questo tweet il ministro alla Salute Beatrice Lorenzin ha annunciato nella tarda serata di lunedì l’accordo raggiunto dal Governo con la Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale (FIMMG) per la revoca dello sciopero di medici di base e pediatri di libera scelta annunciato per oggi.  Già alla vigilia dell’incontro voluto dal premier Renzi, il sindacato aveva lanciato segnali di distensione, chiarendo però che la protesta sarebbe stata annunciata solo di fronte a misure concrete. “Abbiamo apprezzato – ha affermato il segretario della Fimmg, Giacomo Milillo – l’attenzione ai problemi che abbiamo posto, pur nei limiti degli spazi che leggi e Costituzione rimettono al governo. Nel merito – ha chiarito – ci sono state date assicurazioni sul rispetto dell’autonomia professionale del medico di famiglia e dei livelli retributivi. E soprattutto c’è l’impegno a vigilare che vada avanti la trattativa per il rinnovo della convenzione”.

La giornata di sciopero  era stata indetta, nell’ambito di una protesta più organica nata con lo slogan “Io non vado con il primo che capita” che prendeva le mosse dallo stallo delle trattative con le Regioni per la riorganizzazione della professione attraverso  la creazione degli Aft, Aggregazioni funzionali territoriali, ambulatori dove gli specialisti assisteranno a turno i pazienti. Si riaprono, dunque, le trattative con la FIMMG che apprezza che “dal governo sia venuto un impegno forte a difesa della professionalità e del ruolo dei medici di famiglia”. Più in dettaglio, il Governo e il Comitato di settore si sono impegnati a vigilare affinché nelle trattative “venga confermato e rispettato – si legge nel testo dell’accordo – il profilo giuridico dei medici convenzionati; a far mantenere a medici di famiglia e pediatri la loro autonomia organizzativa nell’ambito delle scelte di indirizzo e programmazione sanitaria di stato e Regioni. E a ricercare meccanismi che, rispettando gli attuali livelli retributivi, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, sviluppino la capacità di lavoro d’equipe e le specificità della medicina generale e della pediatria di libera scelta nel rispetto del rapporto fiduciario”.

Seppur in extremis si è riusciti, dunque, a scongiurare la “serrata” di ambulatori e studi medici, che avrebbe di certo comportato pesanti disagi. Resta invece una polveriera il fronte dei giovani medici. Che si ricorra a cori, striscioni e flashmob sotto al MIUR oppure si opti per braccia incrociate e petizioni, cambia ben poco: i medici sono in palese difficoltà. Lo sono quelli che già esercitano la professione, figuriamoci chi vorrebbe farlo.

L’assenza di prospettive in un Paese in difficoltà con un Ssn in apnea è solo la punta dell’iceberg delle difficoltà che deve affrontare chi studia per avere un futuro con il camice bianco. Si parte dai test d’ingresso all’Università e se si riesce ad arrivare al Giuramento di Ippocrate, poi cominciano i guai veri con la scuola di specializzazione, indispensabile per poter lavorare.  Proprio mentre il Ministero dell’Economia autorizzava la copertura economica per le 6mila borse annunciate dal ministro della Pubblica Istruzione, Stefania Giannini, il Coordinamento Mondo Medico andava ad urlare la sua rabbia sotto al MIUR.

Solo qualche settimana fa, sempre a viale Trastevere, il flashmob dei giovani medici del SIGM era riuscito ad ottenere, appunto, l’aumento – seppur solo di qualche migliaia di unità – delle borse di specializzazione. In attesa della pubblicazione della Bando per le prove di accesso, però, Mondo Medico ha ritenuto insufficiente quel risultato. Cristiano Di Gioia, coordinatore nazionale del Coordinamento Mondo Medico ha spiegato con i numeri il loro disappunto: “Servono almeno 10mila borse perché o saranno almeno 15mila i candidati contro i 12 mila del 2014: lo scorso anno gli esclusi furono più di 6mila ed ora, nonostante l’incremento di posti, ne rimarranno fuori 9mila”.  Mondo Medico al Miur ha anche chiesto di rivedere il sistema d’accesso: “trasformando l’attuale imbuto in un cilindro – ha concluso Di Gioia – cercando di far specializzare tutti per evitare che scoppi quella che è una bomba sociale e si argini il fenomeno della fuga all’estero che provoca la doppia beffa di perdere professionisti e sprecare soldi per la loro formazione, che costa 10mila euro l’anno per ogni specialisti”.

Articoli correlati
Giornata Nazionale della Salute della Donna. LILT, Unità Mobile di Fondazione Consulcesi e FIMMG a sostegno della lotta alle patologie oncologiche
Lunedì 22 aprile, screening di prevenzione con gli specialisti LILT presso le Unità Mobili attive su Roma
Medici e cittadini contro la deriva del Ssn: manifestazioni il 15 giugno nelle piazze e sciopero in vista
Fermare la deriva verso cui sta andando il nostro Servizio sanitario nazionale, con liste di attesa lunghissime per accedere alle prestazioni, personale medico e infermieristico allo stremo, contratti non rinnovati e risorse insufficienti per far fronte all’invecchiamento progressivo della nostra popolazione e dunque della crescente richiesta di cure per malattie croniche. E’ l’appello che arriva […]
FIMMG, Scotti riconfermato Segretario: «Serve medicina generale forte. Le Case di comunità così non funzionano»
Concluso il 79° Congresso Nazionale FIMMG. La squadra che supporterà Scotti per i prossimi quattro anni è composta da Pier Luigi Bartoletti, Nicola Calabrese, Fiorenzo Corti, Domenico Crisarà, Alessandro Dabbene e Noemi Lopes
di Arnaldo Iodice e Ciro Imperato
Fimmg: ok a «storico» accordo nazionale per medici dell’Inps
Approvato l'accordo nazionale per le attività libero professionali in convenzione dei medici Inps. Ne dà notizia Alfredo Petrone, segretario nazionale settore Fimmg Inps che definisce la firma della convenzione «un momento storico»
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...